Erika Mantovan
| Categoria Notizie Vino | 1731 letture

Cascina Faletta: la materializzazione della storia tra vino e agriturismo

Agriturismo Casale Monferrato Cascina Faletta Barbera Faletta Produzione Vini Pinot Nero Cascina Storia Materializzazione Chardonnay Vino

Cascina Faletta Chardonnay Casale Monferrato Produzione Vini Cascina Barbera Faletta Agriturismo Storia Pinot Nero Vino Materializzazione

© Riproduzione riservata

L’arte è l’accadere della verità”, diceva Heidegger. Esiste un luogo, magico, circondato da vigne in cui si racconta e trova, nelle cantine, il tempo passato. Quella di Cascina Faletta è una “radice parlante”, un’elegante tenuta nell’odierno cuore pulsante del Piemonte, Casale Monferrato.

 

 

E sono tanti e ripidi i sentieri che circondano questa antica dimora che all’ora del tramonto diventa un luogo in cui trovare se stessi per il silenzio e lo scorrere, lento, del tempo. I colori poi intensi e semplici degli arredi interni ed esterni ti proiettano in un “deserto magico” silenzioso e prezioso per la sua storia. È l’incredibile potere del vissuto. Oggi si può  assaporare una bella selezione di vini i cui nomi rimandano ad una ricerca dell’accaduto.

Il Pinot Nero “Tre fucili” per esempio è la rappresentazione del modello 91 Carcano, ancora carico di munizioni calibro 6,5, avvolto nella carta dell’Uomo Qualunque, testata del Movimento fondato da Guglielmo Giannini, trovato al momento della ristrutturazione. Durante l’esperienza a Cascina Faletta si sorride all’ascolto degli aneddoti e ci si rincuora con piacere quando si vede  Margherita  Rosso che con un semplice saluto irrompe nelle sale ed illumina come il primo raggio di sole del giorno gli occhi di mamma Elena Novarino e papa Giovanni.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Una coppia che dal 2009 prosegue con tenacia e passione il progetto vinicolo dei loro nonni, i primi ad iniziare qui negli anni ’20. Un percorso seducente e pregnante da vivere anche calpestando le larghe mattonelle nell’ampio salone che introduce nella parte gourmet della tenuta. Perché oltre a camere e vino c’è il ristornate, aperto nel 2013 che si fa apprezzare per l’incredibile trasversalità e dinamismo da respirare fuori e dentro la cucina lanciata da Andrea Ribaldone.

Ma oggi è Paolo Viviani, insieme ad un ristretto e fedele staff, a curare la sala e la trasformazione delle materie prime, impeccabili, scelte per amuse-bouche ricchi e leggerei come il biscotto di parmigiano e il baccalà mantecato con patate croccanti. E se non basta c’è il crudo di ricciola nel pacchero con burrata, maionese di pomodoro ed estratto di olive seguito da una burrosa quaglia con foglie di papavero a “giustificare il viaggio”. Piatti ovviamente inseriti in una playlist in perfetta sintonia con i vini messi a punto dall’enologo piemontese Luca Caramellino. Non ci si può dunque sottrarre a questa cascina per il suo straordinario essere culla di mistero. Costruita nel 1881, data riportata nell’originale porta d’ingresso, è stata infatti dimora della Marchesa Virginia (a cui è dedicato uno Spumante) premiata nel 1957 con 500 mila lire per la sua eccellente produzione di vini.

 

 

Per aprire le danze seriamente dopo le frizzanti bollicine si trova un “Primo Bianco” a base Chardonnay del 2015 nato in una porzione di terra sabbiosa e scheletrica che introduce alla piacevolezza del Monferrato. Ci sono note di fiori bianchi, agrumi e mandorla in un sorso ampio e serico. Un “all life”. Si continua poi con la Barbera 2015 Braja che viaggia su note ruspanti ed accese di ciliegia e menta. Si guarda ammirati alla sua pulizia ed ampiezza con il succo delicato che prende posizione anche grazie al 50% degli acini introdotti e non pigiati durante la fermentazione. Un incontro pieno, intenso e pacato avvolto in una nuvola fresca e solida.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

E per chiudere il Pinot Nero Tre fucili 2015 è una versione che non si dimentica per il suo profumo preciso e costellato di quarzo, bacche blu e note boisé più dolci. Balsamico e cremoso ti trasporta con ritmo incalzante e mai invasivo unito ad una punta più salina nel finale a rilanciare la beva. E ora c’è una voglia di ritornare per ascoltare l’evoluzione dei gusti. Ecco, è il riuscito obiettivo di Cascina Faletta.

+info: faletta.it

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Vino Cascina Faletta Pinot Nero Storia Materializzazione Faletta Barbera Produzione Vini Chardonnay Agriturismo Cascina Casale Monferrato


ARTICOLI COLLEGATI:

Federdoc racconta il 2016 del vino Italiano: primato produttivo e crescita export

Federdoc racconta il 2016 del vino Italiano: primato produttivo e crescita export

15/12/2016 - Amatissimo soprattutto all’estero, in costante crescita sui principali mercati internazionali ma fermo su quello interno, dotato di straordinario appeal e proprio per que...

I dati definitivi della VENDEMMIA ITALIA 2014:  44,7 milioni di ettolitri, in seconda posizione  dopo la Francia

I dati definitivi della VENDEMMIA ITALIA 2014: 44,7 milioni di ettolitri, in seconda posizione dopo la Francia

19/04/2015 - Sono stati resi noti dal Ministero delle Politiche agricole i dati definitivi della produzione vitivinicola italiana relativi alla campagna 2014/2015. La produzione itali...

PRODUZIONE, CONSUMI E COMMERCIO MONDIALE DI VINO: evoluzioni e tendenze di mercato nel 2015

PRODUZIONE, CONSUMI E COMMERCIO MONDIALE DI VINO: evoluzioni e tendenze di mercato nel 2015

30/05/2016 - La dimensione del vigneto mondiale raggiunge nel 2015 i 7.543 mha, con il primo posto della Spagna, seguita dalla Cina.  La produzione mondiale si attesta a 274,4 Mio hl ...

Nicolas Feuillatte presenta il nuovo Millesimato Grand Cru Chardonnay 2008

Nicolas Feuillatte presenta il nuovo Millesimato Grand Cru Chardonnay 2008

29/09/2017 - Nicolas Feuillatte, il terzo champagne più bevuto al mondo presenta la nuova annata 2008 per il Grand Cru Chardonnay, considerata una grande annata per lo Champagne. ...

Barbera La Torre mostra un lato rock. DonnaLia protagonista di Street Food @Isola

Barbera La Torre mostra un lato rock. DonnaLia protagonista di Street Food @Isola

22/03/2019 - Sdoganare il vino. Conservatrice, esclusiva ed elitaria: appare così nell'immaginario collettivo l'idea che si attribuisce al mondo enologico. Street Food @Isola è la mos...

Mercato Vino Italia 2016: primato produttivo mondiale e record export a 5,2 miliardi

Mercato Vino Italia 2016: primato produttivo mondiale e record export a 5,2 miliardi

09/01/2017 - In una analisi della Coldiretti si evidenzia che il vino è nel 2016 la prima voce dell'export agroalimentare italiano: Il vino Made in Italy conquista nel 2016 la leaders...

Assovini: la Sicilia occupa il quarto posto nella produzione regionale di vino con export in crescita

Assovini: la Sicilia occupa il quarto posto nella produzione regionale di vino con export in crescita

30/03/2017 - “Nel 2016 la Sicilia è stata una delle 10 regioni top per valore di export di vino. La Sicilia, insieme alla Puglia, è la regione che è cresciuta di più. In ordine di pes...

Alla scoperta del vino antico, fermentato, macerato e affinato in Anfore di terracotta

Alla scoperta del vino antico, fermentato, macerato e affinato in Anfore di terracotta

19/06/2018 - Anfore in terracotta per la fermentazione, macerazione e affinamento dei vini. L'Azienda Agricola Olianas di Gergei, nel sud Sardegna, fa propria questa tecnica innovativ...

WineZone presenta: Barbera 360°

WineZone presenta: Barbera 360°

21/03/2018 - È nato Barbera 360°, il progetto che ha l’obiettivo di far conoscere un territorio, quello della Barbera, e tutto ciò che gli gira attorno, in termini di eccellenze artig...

Vendemmia Colli Berici E Vicenza Doc: la produzione torna a crescere

Vendemmia Colli Berici E Vicenza Doc: la produzione torna a crescere

09/09/2018 - Una vendemmia che torna a numeri positivi, dopo le difficoltà del 2017. La stagione 2018 seppur instabile – tra piogge e temporali – preannuncia un ritorno a livelli otti...

Vigne metropolitane, il vino si fa in città. Napoli tra le prime d’Europa

Vigne metropolitane, il vino si fa in città. Napoli tra le prime d’Europa

27/04/2018 - Immaginate una metropoli. Un reticolato di strade asfaltate che prendono ombra dai palazzi in fila, il caos cittadino fatto di auto e orari. Metteteci in mezzo, o meglio ...

OIV: evoluzione della  produzione vitivinicola mondiale

OIV: evoluzione della produzione vitivinicola mondiale

09/12/2018 - Una produzione mondiale di vino molto elevata nel 2018, stimata in 282 Mio hl, dopo un raccolto 2017 particolarmente basso. Con 282 milioni di ettolitri (Mio hl), ...

OIV: Congiuntura Mondiale Settore Vitivinicolo 2015

OIV: Congiuntura Mondiale Settore Vitivinicolo 2015

30/05/2016 - Di seguito vengono riportati i dati e le analisi che l’OIV (Organisation Internationale de Vigne e du Vin) ha pubblicato nella nota elementi della congiuntura mondiale de...

Pfitscher a Vinitaly 2016 invita tutti a Casa Clima Wine

Pfitscher a Vinitaly 2016 invita tutti a Casa Clima Wine

22/04/2016 - Tra le chicche di Vinitaly 2016 siamo andati ad incontrare Daniel Pfitscher, vignaiolo altoatesino che ci ha raccontato come nascono dei grandi vini a base dei vitigni di...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

tre × 1 =