Pinterest LinkedIn

La fine del 2016 e l’inizio dell’anno 2017 nel segno di importanti presenze sulla stampa italiana, a coronamento di un anno esemplare. Migliore cantina lombarda per Associazione Italiana Sommelier nella guida VITAE 2017: la sintesi di un altro anno memorabile per Castello Bonomi, che aggiunge al suo già ricco palmares un risultato così prestigioso.

A Coccaglio, sulle pendici del Monte Orfano, la famiglia Paladin si è impegnata per un’azienda che, come recita la motivazione del premio Ais, produce “vini che hanno contribuito a imprimere una svolta produttiva al territorio di origine, che rappresentano modelli di riferimento di indiscusso valore nella rispettiva zona, o che hanno strappato all’oblio e riportato all’attenzione del settore vitigni dimenticati”. “Noi abbiamo sempre creduto nel Pinot Nero – racconta Lucia Paladin, appassionata produttrice insieme ai fratelli Carlo e Roberto -, che è una sorta di enfant terrible e come tale assai delicato”. Il vino più premiato in assoluto della maison, Lucrezia Etichetta Nera (pochissime annate sono prodotte, solo le migliori, con lunghissimi affinamenti sui lieviti), ne è espressione al 100%, altri vini lo prevedono a percentuali variabili: 30% in CruPerdu, 20% in Gran Cuvée.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


Non stupisce quindi che la stampa italiana riservi sempre più attenzione alla filosofia enologica e alla sapiente lentezza della cantina, “scovando” curiosità e consigliando i Franciacorta Castello Bonomi per le occasioni che contano.

Il settimanale “CHI” (4 gennaio 2017) fotografa Federica Pellegrini e Filippo Magnini al Ristorante Le Vele di Roma mentre brindano al Natale con tutta la squadra. Sulla tavola il grand plateau di crudités accompagnato da Gran Cuvée Castello Bonomi, che ben si vede nella foto di pag. 22.

“Il Sole 24 Ore” dedica due articoli alla Cantina Lombarda dell’Anno, il 4 e il 19 dicembre.

Oggi.it, Informacibo e Citylightsnews propongono Lucrezia Etichetta Nera e CruPerdu per il brindisi di Capodanno, in compagnia di bollicine superstar e di grandi Champagne.

L’irresistibile leggerezza dei Franciacorta di Castello Bonomi celebra, ancora una volta, il gusto per la bellezza e il saper vivere made in Italy.

Seguici sul sito www.castellobonomi.it e sulla nostra pagina Facebook per un 2017 ancora più spumeggiante! Scopri anche le recensioni delle guide italiane dei vini 2017.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

INFOFLASH/CASTELLO BONOMI – TENUTE IN FRANCIACORTA

Castello Bonomi, unico château della Franciacorta, sorge maestoso a 275 m. s.l.m. sulle pendici del Monte Orfano, nel comune di Coccaglio. Con i suoi 24 ettari di splendidi vigneti sviluppati a gradoni, tutti recintati e circondati da un parco secolare, rappresenta l’eccellenza di questi luoghi carichi di storia e fascino. Castello Bonomi presenta in degustazione CruPerdu brut, splendida cuvée di Chardonnay e Pinot nero, ottenuto dalle vigne più vecchie del Castello, e il Satèn, trionfo dell’eccellenza dello Chardonnay.

www.castellobonomi.it

SCHEDA WEB E ALTRE NEWS CASA PALADIN

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

tre × due =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina