Pinterest LinkedIn

Di seguito vengono riportati i dati di sintesi sul settore vinicolo internazionale e su quello italiano diffusi dal Servizio stampa di Vinitaly in occasione della recente manifestazione 2013. per i dati internazionali la fonte è OIV, punto di congiuntura vitivinicola mondiale, ultimi aggiornamenti ufficiali (21 marzo 2013). I dati sul settore vinicolo italiano sono stati invece elaborati dal Servizio stampa Veronafiere/Vinitaly su diverse fonte: Oiv, Istat, Ismea, Federvini, UIV, Assoenologi secondo ultimi dati disponibili e ufficiali. – pressoffice@veronafiere.itwww.vinitaly.com

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Vigneto mondiale.

 Continua a diminuire la superficie viticola mondiale che nel 2012 si è contratta dello 0,2% sul 2011, portandosi a 7,5 Mha. A pesare sull’erosione del vigneto mondiale, l’ulteriore riduzione dello 0,8% (-32 mha sul 2011) registrata in Europa che ora conta una superficie di 4.212 mha. Tra i principali Paesi complici della riduzione del vigneto europeo Spagna (-14 mha), Italia (-7 mha) e Francia (-6 mha). Superficie in aumento, invece, per il vigneto extra UE nel 2012 che conferma, così la tendenza di crescita dell’anno precedente: 3.363 mha, +0,3%

 Produzione di vino a livello mondiale.

 Condizioni climatiche e riduzione del vigneto sono i fattori che peseranno sul dato produttivo mondiale del 2012, che dovrebbe attestarsi intorno ai 250 Mhl (esclusi succhi e mosti), con una flessione stimata del 6% sul 2011. Per quanto riguarda il mappamondo produttivo, si attendono dati in crescita per Stati Uniti (20,55 Mhl, +7%); Sudafrica (10 Mhl; +3,6%), Cile (10,9 Mhl; +3,9%) e Australia per la quale si prospetta un + 4,1% (11,5 Mhl) grazie ai vini bianchi.

 Diversa la situazione nel Vecchio Continente, dove le stime per i principali Paesi produttori sono in flessione a partire da Francia (-16,8%), Spagna (-11,2%) e Italia (40,8 milioni di hl; -6,3%). Tra i Paesi vinicoli rilevanti dell’UE in controtendenza Germania, Portogallo e Grecia, dove si prospetta un aumento dei volumi rispetto alla modesta produzione del 2011.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Scambi mondiali di vino.

 Gli scambi mondiali di vino hanno raggiunto nel 2012 i 101,4 Mha, con i principali paesi esportatori (Italia, Spagna, Francia, Germania e Portogallo) che perdono quote in volume.

 Consumi mondiali.

 Sul fronte dei consumi l’OIV stima una crescita di 1,4 milioni di hl; un dato questo che conferma che il calo progressivo iniziato nel 2008 si è fermato. In Europa risalgono Francia e Germania (+0,9 e + 0,3 Mhl), mentre scendono Spagna e Italia (-0,6 e -0,4 Mhl).

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

FOCUS ITALIA

 Con 40,8 milioni di ettolitri prodotti nel 2012, di cui oltre il 60% destinato ai 521 vini a denominazione d’origine (330 Doc; 74 Docg e 118 Igt), l’Italia è il primo Paese produttore a livello mondiale. Un settore, quello del vino, che conta, nel nostro Paese, 383.645 imprese vitivinicole produttrici (il 23,5% del totale della filiera agricola) e impiega 700 mila addetti (1,2 milioni con l’indotto primario) per una produzione che supera ormai il milione di etichette.

E se i consumi interni sono scesi sotto la soglia di 40 litri pro capite all’anno, ci pensa l’export a tenere alto il fatturato del vigneto Italia. Nel 2012, infatti, il vino italiano sui mercati internazionali ha incamerato un +6,5% annuo, portando il fatturato dell’export a 4,7 miliardi di euro nonostante una contrazione dei volumi dell’8,8%. Una flessione che ci fa rimanere comunque in testa alla classifica quantitativa dei maggiori Paesi esportatori con circa 21 milioni di ettolitri inviati oltre confine. A trainare il fatturato export del vino, Stati Uniti (+6% in valore), Canada (+11%) ma anche Germania (+4%) e Regno Unito (+5%). Crescita a due cifre per il Far East, con Cina e Giappone che avanzano rispettivamente del 15% e del 28%.

 

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

RPM Riva Pianeta Mixology - Spazio al Futuro della Mixology - Dal 21 al 24 Marzo 2022 Hospitality Riva del Garda

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tre + cinque =