antonietta
| Categoria Documenti | 5229 letture

ICO: Coffee Market Report gennaio 2019

Gennaio Market Report Coffee

Market Coffee Report Gennaio

Nel mese di gennaio 2019, l’indicatore composito ICO è aumentato dello 0,9% a 101,56 centesimi di dollaro USA / lb al crescere dei prezzi per tutti gli indicatori di gruppo. Dopo aver iniziato a un minimo di 99,16 centesimi di dollaro USA, l’indicatore composito giornaliero è aumentato per il resto del mese fino a raggiungere un massimo di 103,58 centesimi di dollaro USA il 31 gennaio. Il prezzo medio di Colombian Milds and Other Milds è salito dell’1,1% a 129,28 centesimi di US / lb e di 128,46 centesimi di US / lb, rispettivamente.

I prezzi

I prezzi per Robusta sono aumentati dello 0,9% a 78,24 centesimi di dollaro USA, mentre i prezzi dei prodotti naturali brasiliani sono aumentati dello 0,8% a 102,94 centesimi di dollaro USA / libbra. Il rafforzamento del real brasiliano rispetto al dollaro USA nel gennaio 2019, in particolare dopo il deprezzamento del settembre 2018, ha favorito i prezzi del caffè lo scorso mese. Inoltre, l’aumento delle spedizioni nel primo trimestre dell’anno caffè 2018/19 indica che la domanda rimane forte. Nei primi tre mesi del 2018/19, le esportazioni totali sono aumentate dell’8,1% a 30,91 milioni di sacchi. Le esportazioni di tutti i tipi, ad eccezione di Other Milds sono aumentate rispetto ai primi tre mesi del 2017/18. Nel dicembre 2018, le esportazioni mondiali di caffè ammontavano a 10,43 milioni di sacchi (631,800 tonnellate), in aumento dello 0,9% rispetto a dicembre 2017.

La media mensile dell’indicatore composito ICO è aumentata dello 0,9% a 101,56 centesimi di dollaro USA in gennaio 2019. L’indicatore composito giornaliero è iniziato a un minimo di 99,16 centesimi di dollaro USA / lb ed è aumentato per il resto del mese fino a raggiungere un massimo di 103,58 centesimi di dollaro USA / libbra. Mentre l’indicatore composito di gennaio è aumentato rispetto al mese scorso, è il prezzo mensile più basso rispetto ai cinque anni precedenti. Il successivo più basso è stato 110,75 centesimi di US / lb nel gennaio 2014. I prezzi rimangono sotto pressione dato il forniture sufficienti dal raccolto 2018/19.

 

 

I prezzi per tutti gli indicatori di gruppo sono cresciuti a gennaio 2019 rispetto al mese precedente. I maggiori aumenti si sono verificati nel prezzo medio di Colombian Milds and Other Milds, entrambi aumentati dell’1,1% a 129,28 centesimi di dollaro USA e 128,46 centesimi di dollaro USA. Come risultato di questo movimento, il differenziale tra Colombian Milds e Other Milds è salito da 0,76 US cent / lb a 0,82 US cent / lb. I prezzi per Robusta sono aumentati dello 0,9% a 78,24 centesimi di dollaro USA, mentre i prezzi dei prodotti naturali brasiliani sono aumentati dello 0,8% a 102,94 centesimi di dollaro USA / libbra.

L’arbitraggio medio di dicembre, misurato sui mercati a termine di New York e Londra, è aumentato del 3,9% a 37,61 centesimi di dollaro USA, ma rimane inferiore alla media dei dodici mesi precedenti di 41,33 centesimi di dollaro USA. Inoltre, la volatilità infragiornaliera del prezzo dell’indicatore composito ICO è diminuita di 0,9 punti percentuali al 6% in quanto la volatilità infragiornaliera di tutti gli indicatori di gruppo, ad eccezione della Robusta, è diminuita. La volatilità infragiornaliera di Robusta è aumentata di 0,2 punti percentuali al 4,8%.

 

Le esportazioni

Nel mese di dicembre 2018, le esportazioni mondiali di caffè sono ammontate a 10,43 milioni di sacchi (631,800 tonnellate), lo 0,9% in più rispetto a dicembre 2017. Le spedizioni di prodotti naturali brasiliani e colombiani sono aumentate del 19,1% a 3,95 milioni di sacchi e 8,9% a 1,42 milioni di sacchi, rispettivamente. Tuttavia, le esportazioni di Other Milds sono diminuite 11,8% a 1,67 milioni di sacchi e le spedizioni Robusta sono diminuite dell’11,3% a 3,39 milioni di sacchi. Nei primi tre mesi del 2018/19, le esportazioni totali sono aumentate dell’8,1% a 30,91 milioni di sacchi. Le esportazioni di tutti i tipi, ad eccezione di Other Milds, sono aumentate rispetto ai primi tre mesi del 2017/18, guidate dalle spedizioni di prodotti naturali brasiliani, che sono aumentate del 21% a 11,7 milioni di sacchi. Le esportazioni di colomian milds sono aumentate di 5% a 3,97 milioni di sacchi, mentre Robustas è cresciuto del 4,5% a 10,28 milioni di sacchi. Le esportazioni di Other Milds sono diminuite del 6,4% a 4,96 milioni di sacchi.

Le esportazioni del Brasile sono aumentate del 26,7% nel dicembre 2018 rispetto a dicembre 2017, raggiungendo 3,83 milioni di sacchi. Le sue esportazioni nei primi tre mesi dell’anno caffè 2018/19 ammontavano a 11,44 milioni di sacchi. Nell’anno solare 2018, le esportazioni del Brasile sono aumentate del 13,7% a 35,15 milioni di sacchi. Questo aumento è dovuto in gran parte al raccolto record di 61,7 milioni di sacchi raccolti nell’annata 2018/19, che per il Brasile è iniziato in aprile 2018. Il deprezzamento del real brasiliano rispetto al dollaro USA nel 2018 ha reso le esportazioni dal Brasile più competitive. Il raccolto brasiliano del 2018/19 è un anno dopo per la produzione di Arabica e le esportazioni di questo tipo sono aumentate del 6,9% a 30,86 milioni di sacchi nel 2018. Le esportazioni di Robusta sono più che raddoppiate a 4,29 milioni di sacchi da 2,05 milioni di sacchi.

 

 

Le esportazioni del Vietnam sono stimate in calo del 6,8%, a 2,4 milioni di sacchi, a dicembre 2018 rispetto a Dicembre 2017. Le sue spedizioni nei primi tre mesi dell’anno caffè 2018/19 sono stimate a 6,5 milioni di sacchi, il 14,7% in più rispetto all’anno scorso. Nel 2018, le sue esportazioni sono stimate in 29,48 milioni di sacchi rispetto ai 23,21 milioni di sacchi nel 2017. Questa crescita delle esportazioni è attribuita all’espansione della produzione nella campagna 2017/18, che è stimata in 30,54 milioni di sacchi, il 20% in più rispetto a 2016/17. Tuttavia, nel 2018/19 la produzione dovrebbe diminuire a 29,5 milioni di sacchi, il che dovrebbe portare a esportazioni leggermente inferiori. Il ridotto utilizzo di fertilizzanti e irrigazione a causa dei bassi prezzi del caffè e delle forti piogge ha avuto un impatto negativo sulla produzione. Nondimeno, la maggiore produzione di Robusta del Brasile avrebbe più che compensato la diminuzione della produzione del Vietnam.

Le spedizioni dalla Colombia sono aumentate del 5% a 1,28 milioni di sacchi nel dicembre 2018 rispetto a dicembre 2017. Le esportazioni totali da ottobre a dicembre 2018 hanno raggiunto 3,59 milioni di sacchi, il 2,2% in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Tuttavia, la sua produzione durante questo periodo, come riportato dalla Federazione nazionale dei coltivatori di caffè della Colombia (Fedecafé), era di 2,67 milioni di sacchi, il 6,6% in meno rispetto a 2017/18. Le esportazioni totali nell’anno solare 2018 hanno raggiunto 12,8 milioni di sacchi rispetto ai 12,98 milioni borse nel 2017 a causa in gran parte del raccolto più piccolo lo scorso anno dopo cinque anni di crescita. Nel 2018, le esportazioni della Colombia di caffè verde e tostato sono diminuite del 2,05% a 11,8 milioni di sacchi e 4,7% a 149,769 sacchi, rispettivamente. Tuttavia, le esportazioni di caffè solubile sono aumentate del 10,3% a 835.473 borse, che è il quarto anno consecutivo di crescita.

 

 

Le esportazioni dall’Honduras sono diminuite del 16,1% a 354,121 sacchi nel dicembre 2018 rispetto a un anno fa, e le sue spedizioni nei primi tre mesi del 2018/19 sono diminuite dell’11% a 569.071 sacchi. Le carenze di manodopera in corso e un ritardo nella raccolta hanno contribuito al calo delle esportazioni nel primo trimestre del 2018/19. L’Honduras spedisce principalmente caffè Arabica verde, e le sue esportazioni totali sono diminuite del 2,7% a 7,14 milioni di sacchi nel 2018. Segue un anno di esportazioni record nel 2017, quando le spedizioni totali sono state raggiunte 7,34 milioni di sacchi e le esportazioni nel 2018 sono le seconde più alte mai registrate. Germania, Belgio e Stati Uniti sono stati i tre maggiori importatori di caffè dell’Honduras, che rappresentano il 62,5% delle sue spedizioni totali nel 2018.

Le esportazioni indiane nel dicembre 2018 hanno raggiunto 335.936 sacchi, il 29,1% in meno rispetto a dicembre 2017. Inoltre, le esportazioni nei primi tre mesi del 2018/19 sono diminuite del 28,8% a 1,06 milioni di sacchi. Inondazioni e frane durante lo scorso agosto hanno danneggiato i caffè, portando alla riduzione della produzione nel 2018/19. Si stima che l’India riduca il suo raccolto del 10,5% a 5,2 milioni di sacchi nel 2018/19 da 5,81 milioni di sacchi in Italia 2017/18. Questa sarebbe la seconda stagione consecutiva in cui la produzione indiana è diminuita. Le sue esportazioni nel 2018 è sceso dell’8,8% a 5,97 milioni di borse. Ciò è in gran parte un riflesso della minore produzione nel 2017/18, ma anche della crescente domanda interna. L’Italia era la prima destinazione per le spedizioni di caffè, che contavano 22% delle esportazioni. Germania (8,1%), Federazione russa (6,2%), Belgio (5,3%) e Turchia (4,6%) sono stati i quattro maggiori acquirenti di caffè dall’India.

 

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

 

Le esportazioni dell’Uganda nel dicembre 2018 sono diminuite del 18,6% a 314.439 sacchi rispetto a dicembre 2017. Le spedizioni totali nei primi tre mesi del 2018/19 sono ammontate a 1,08 milioni di sacchi, in calo dell’11,2% rispetto allo stesso periodo del 2017/18. Le spedizioni dall’Uganda nell’anno solare 2018 sono diminuite dell’11,5% a 4,22 milioni di sacchi. I coltivatori di caffè e gli esportatori hanno tenuto il caffè a causa del basso caffè prezzi e concorrenza con le esportazioni brasiliane, nonché una minore produzione in alcune regioni. L’Unione Europea, in particolare Italia e Germania, è rimasta una destinazione importante per il caffè dall’Uganda, rappresentando circa il 65% delle spedizioni totali nel 2018.

 

 

+info: www.ico.org/Market-Report-18-19-e.asp


 

ICO: Coffee Market Report jenuary 2019

In January 2019, the ICO composite indicator rose by 0.9% to 101.56 US cents/lb as prices for all group indicators increased. After starting at a low of 99.16 US cents/lb, the daily composite indicator increased over the remainder of the month to end at a high of 103.58 US cents/lb on 31 January. The average price for Colombian Milds and Other Milds rose by 1.1% to 129.28 US cents/lb and 128.46 US cents/lb, respectively.

Prices

Prices for Robusta increased by 0.9% to 78.24 US cents/lb while prices for Brazilian Naturals increased by 0.8% to 102.94 US cents/lb. The strengthening of the Brazilian real against the US dollar in January 2019, particularly since the depreciation in September 2018, lent support to coffee prices this past month. Additionally, increased shipments in the first quarter of coffee year 2018/19 indicate that demand remains strong. In the first three months of 2018/19, total exports increased by 8.1% to 30.91 million bags. Exports of all types, except for Other Milds increased in comparison to the first three months of 2017/18. In December 2018, world coffee exports amounted to 10.43 million bags (631,800 tons), 0.9% higher than in December 2017.

The monthly average of the ICO composite indicator rose by 0.9% to 101.56 US cents/lb in January 2019. The daily composite indicator started at a low of 99.16 US cents/lb and increased over the remainder of the month to end at a high of 103.58 US cents/lb. While the January composite indicator increased compared to last month, it is the lowest monthly price compared to the previous five years. The next lowest was 110.75 US cents/lb in January 2014. Prices remain under pressure given the sufficient supplies from the 2018/19 harvest.

Prices for all group indicators grew in January 2019 compared to the previous month. The largest increases occurred in the average price for Colombian Milds and Other Milds, which both rose by 1.1% to 129.28 US cents/lb and 128.46 US cents/lb, respectively. As a result of this movement, the differential between Colombian Milds and Other Milds rose from 0.76 US cents/lb to 0.82 US cents/lb. Prices for Robusta increased by 0.9% to 78.24 US cents/lb, while prices for Brazilian Naturals increased by 0.8% to 102.94 US cents/lb. The average arbitrage in December, as measured on the New York and London futures markets, increased by 3.9% to 37.61 US cents/lb, but remains below the average of the previous twelve months of 41.33 US cents/lb. Further, intra-day volatility of the ICO composite indicator price declined by 0.9 percentage points to 6% as the intra-day volatility of all group indicators, except Robusta, decreased. The intra-day volatility of Robusta rose by 0.2 percentage points to 4.8%.

Exports

In December 2018, world coffee exports amounted to 10.43 million bags (631,800 tons), 0.9% higher than in December 2017. Shipments of Brazilian Naturals and Colombian Milds increased by 19.1% to 3.95 million bags and 8.9% to 1.42 million bags, respectively. However, exports of Other Milds fell by 11.8% to 1.67 million bags and Robusta shipments decreased by 11.3% to 3.39 million bags. In the first three months of 2018/19, total exports increased by 8.1% to 30.91 million bags. Exports of all types, except for Other Milds increased compared to the first three months of 2017/18 led by shipments of Brazilian Naturals, which increased by 21% to 11.7 million bags. Exports of Colombian Milds rose by
5% to 3.97 million bags, while Robustas grew by 4.5% to 10.28 million bags. Exports of Other Milds fell by 6.4% to 4.96 million bags.

Brazil’s exports were 26.7% higher in December 2018 than in December 2017, reaching 3.83 million bags. Its exports in the first three months of coffee year 2018/19 amounted to 11.44 million bags. In calendar year 2018, Brazil’s exports rose by 13.7% to 35.15 million bags. This increase is due largely to the record crop of 61.7 million bags harvested in crop year 2018/19, which for Brazil began in April 2018. The depreciation of the Brazilian real against the US dollar in 2018 made exports from Brazil more competitive. Brazil’s 2018/19 crop is an on-year for Arabica production, and exports of this type increased by 6.9% to 30.86 million bags in 2018. Robusta exports more than doubled to 4.29 million bags from 2.05 million bags.

Vietnam’s exports are estimated down 6.8%, to 2.4 million bags, in December 2018 compared to December 2017. Its shipments in the first three months of coffee year 2018/19 are estimated at 6.5 million bags, 14.7% higher than last year. In 2018, its exports are estimated at 29.48 million bags compared to 23.21 million bags in 2017. This growth in exports is attributed to the expansion of output in crop year 2017/18, which is estimated at 30.54 million bags, 20% higher than in 2016/17. However, production is estimated to decrease to 29.5 million bags in 2018/19, which should lead to slightly lower exports. Decreased usage of fertilizer and irrigation as a result of low coffee prices and heavy rainfall have negatively impacted output. Nonetheless Brazil’s higher Robusta production would more than offset the decrease in Vietnam’s output.

Shipments from Colombia rose by 5% to 1.28 million bags in December 2018 compared to December 2017. Its total exports for October to December 2018 reached 3.59 million bags, 2.2% higher than the same period one year ago. However, its production during this period, as reported by the National Federation of Coffee Growers of Colombia (Fedecafé), was 2.67 million bags, 6.6% lower than in 2017/18. Total exports in calendar year 2018 reached 12.8 million bags compared to 12.98 million bags in 2017 due largely to the smaller harvest last year following five years of growth. In 2018, Colombia’s exports of both green and roasted coffee decreased by 2.05% to 11.8 million bags and 4.7% to 149,769 bags, respectively. However, exports of soluble coffee increased by 10.3% to 835,473 bags, which is the fourth consecutive year of growth.

Exports from Honduras fell by 16.1% to 354,121 bags in December 2018 compared to one year ago, and its shipments in the first three months of 2018/19 decreased by 11% to 569,071 bags. Ongoing labour shortages and a late start to harvesting have contributed to the fall in exports in the first quarter of 2018/19. Honduras mostly ships green Arabica coffee, and its total exports decreased 2.7% to 7.14 million bags in 2018. This follows a year of record exports in 2017, when total shipments reached 7.34 million bags, and exports in 2018 are the second highest on record. Germany, Belgium and the USA were the three largest importers of coffee from Honduras, accounting for 62.5% of its total shipments in 2018.

India’s exports in December 2018 reached 335,936 bags, 29.1% lower than in December 2017. Further, its exports in the first three months of 2018/19 declined by 28.8% to 1.06 million bags. Flooding and landslides during last August damaged coffee trees, leading to the reduced output in 2018/19. India is estimated to decrease its harvest by 10.5% to 5.2 million bags in 2018/19 from 5.81 million bags in 2017/18. This would be the second consecutive season where India’s output has declined. Its exports in 2018 fell by 8.8% to 5.97 million bags. This is largely a reflection of lower output in 2017/18, but also growing domestic demand. Italy was the top destination for shipments of coffee, accounting for 22% of exports. Germany (8.1%), Russian Federation (6.2%), Belgium (5.3%) and Turkey (4.6%) were the next four largest buyers of coffee from India.

Uganda’s exports in December 2018 fell by 18.6% to 314,439 bags compared to December 2017. Its total shipments in the first three months of 2018/19 amounted to 1.08 million bags, down 11.2% from the same period in 2017/18. Shipments from Uganda in calendar year 2018 decreased by 11.5% to 4.22 million bags. Coffee farmers and exporters have held onto their coffee due to the low coffee prices and competition with Brazilian exports, as well as lower output in some of the regions. The European Union, notably Italy and Germany, remained a major destination for coffee from Uganda, accounting for around 65% of total shipments in 2018.

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Coffee Gennaio Market Report


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

uno + 7 =