Pinterest LinkedIn

Sebbene le preoccupazioni climatiche non siano di per sé sufficienti a giustificare l’acquisto di questi prodotti, i vini alternativi continuano a contrastare le tendenze più ampie del settore grazie a una forte associazione percepita con una qualità superiore e attributi “migliori per te”, secondo i dati di monitoraggio dei consumatori IWSR.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


 

“I vini alternativi, in un panorama vitivinicolo pessimista e sotto una crescente pressione economica, continuano a offrire opportunità di crescita. Il pubblico tipico dei consumatori è costituito da giovani bevitori di vino invecchiati che bevono legalmente, che hanno associazioni positive con il segmento e sono disposti a pagare per prodotti in linea con le loro esigenze e i loro valori”, afferma Richard Halstead, COO Consumer Research, IWSR. “Mentre la sostenibilità e le preoccupazioni climatiche rimangono fattori che guidano l’acquisto per queste categorie, il pubblico del vino alternativo è ora più concentrato sulla qualità e sull’idoneità alle proprie esigenze personali. Combinando questo fattore con la crescente tendenza ad acquistare meno ma meglio, la spesa per vini alternativi è più facile da giustificare per i consumatori”.

Opportunità per il biologico

I vini biologici godono dei più alti livelli di consapevolezza tra i vini alternativi e il segmento continua a crescere in tutto il mondo, anche se il consumo è concentrato in Germania, Francia e Regno Unito, che rappresentano quasi il 60% dei volumi totali nei mercati riportati, secondo i dati IWSR.

Germania e Svezia sono i mercati di vino biologico più maturi, mentre l’Australia e la Corea del Sud hanno registrato la crescita maggiore negli ultimi anni, anche se con una base ridotta.

“Guardando al futuro, la Svezia e la Germania rimangono i mercati chiave in cui il vino biologico è ormai entrato nel mainstream”, afferma Halstead. “Nel frattempo, le opportunità di crescita sono evidenti nei nuovi mercati dei vini alternativi come Hong Kong, Brasile e Nuova Zelanda. Ciò è guidato da un aumento della consapevolezza e della considerazione della categoria e da un aumento degli acquisti in Nuova Zelanda”.

 

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


 

Le associazioni di qualità sono vitali

Sebbene la sostenibilità rimanga un valore fondamentale per la maggior parte dei bevitori di vino, le preoccupazioni climatiche di per sé non sono sufficienti a giustificare una maggiore spesa per prodotti vitivinicoli alternativi, soprattutto in un momento di pressione economica. In questo contesto, la qualità è fondamentale.

Negli Stati Uniti, il 30% dei bevitori abituali di vino sia LDA Gen Z che Millennial associa i vini biologici all’alta qualità, rispetto al 12% dei Boomers, secondo i dati IWSR; tendenze simili si riscontrano nel Regno Unito e in Australia, e anche per i vini naturali.”Le coorti di età più giovane – gli acquirenti più impegnati di vini alternativi – mostrano associazioni positive più forti per il vino biologico e naturale, specialmente nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia”, spiega Halstead. “D’altra parte, un minor numero di Boomers – la fascia d’età meno coinvolta con i vini alternativi – li associa all’alta qualità”.

 

Circana - Liquid Data Engage - Seamless. Accessible. Transformative

 

I Millennials guidano la crescita

I millennial sono la principale coorte di età che guida la crescita dei vini alternativi, rappresentando il 69% dei consumatori in Cina che affermano di acquistare più di due tipi di vino alternativi, secondo una ricerca IWSR, notando che le percezioni dei consumatori cinesi sono spesso disallineate con lo stato tecnico dei prodotti che acquistano. Tendenze sostanzialmente simili – ma con percentuali leggermente inferiori – sono presenti in Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti.

“I millennial hanno i più ampi repertori di vini alternativi”, afferma Halstead. “Le coorti di età più avanzata mostrano abitudini consolidate, acquistando principalmente vino biologico in tutti i mercati, così come Fairtrade nel Regno Unito. “Una combinazione di preoccupazione per il clima e una maggiore percezione di una qualità superiore rendono i Millennials i più coinvolti nei vini alternativi”.

Leggi anche:

Cambiamento del sentiment negli Stati Uniti

I bevitori abituali di vino negli Stati Uniti hanno un forte legame con la sostenibilità e i vini alternativi, ma entrambe queste misure sono diminuite in modo significativo negli ultimi 12 mesi, con una tendenza simile evidente in termini di consumatori disposti ad acquistare vino sostenibile e a pagare di più quando lo fanno.

Di conseguenza, la percentuale di consumatori orientati alla sostenibilità negli Stati Uniti è tornata ai livelli del 2021, con un impatto sulle loro priorità di acquisto e di spesa, anche se il mercato dei vini biologici e naturali è rimasto stabile, grazie al supporto della cruciale fascia demografica dei Millennial.

“Gli Stati Uniti rimangono il mercato in cui la maggior parte dei bevitori di vino acquista più tipi di vini alternativi, nonostante il fatto che quest’anno un minor numero di bevitori di vino americani sia stato fortemente coinvolto nella sostenibilità e nei vini alternativi”, afferma Halstead.

“Questo calo dell’engagement potrebbe essere attribuito alla crescente pressione economica e al fatto che alcuni marchi posizionati verso la salute e il benessere hanno sostituito quelli posizionati come sostenibili”.

Fonte: www.theiwsr.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (1)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


1 Commento

  1. Guido Vassallo Reply

    Il vino rosso contiene resveratrolo, antiossidante naturale, e, bevuto responsabilmente, fa bene alla salute.

Scrivi un commento

dieci + 8 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina