Pinterest LinkedIn

L’indice di riferimento dei prezzi internazionali delle materie prime alimentari è diminuito ancora a giugno, con cali dei prezzi per tutti i principali cereali e la maggior parte degli oli vegetali, secondo quanto riportato dalla FAO.

L’indice dei prezzi alimentari della FAO, che monitora le variazioni mensili dei prezzi internazionali delle principali materie prime alimentari scambiate, è stato in media di 122,3 punti a giugno, in calo del 1,4% rispetto a maggio e del 23,4% rispetto al suo picco nel marzo 2022.

L’indice dei prezzi dei cereali della FAO è sceso del 2,1% rispetto a maggio. Le quotazioni internazionali dei cereali a grana grossa a giugno sono diminuite del 3,4%, principalmente a causa di maggiori forniture di mais dai raccolti in corso in Argentina e Brasile e delle migliori prospettive di produzione nelle principali aree produttrici degli Stati Uniti d’America. I prezzi internazionali del grano sono diminuiti dell’1,3%, con l’avvio dei raccolti nell’emisfero settentrionale, influenzato da abbondanti scorte e da una diminuzione delle tasse sulle esportazioni nella Federazione Russa, insieme a condizioni migliorate negli Stati Uniti. I prezzi internazionali del riso sono diminuiti dell’1,2% a causa della domanda debole per le varietà non Indica e degli sforzi del Pakistan per attirare vendite all’export.

L’indice dei prezzi degli oli vegetali della FAO è diminuito del 2,4% rispetto a maggio, a causa dei prezzi più bassi dell’olio di palma e di girasole, che hanno compensato gli aumenti dei prezzi dell’olio di soia e di colza, influenzati dalle condizioni meteorologiche nelle principali regioni di produzione.

L’indice dei prezzi dei latticini della FAO è diminuito dello 0,8% a giugno, trainato dalla diminuzione dei prezzi internazionali dei formaggi, anche se i prezzi mondiali del burro sono aumentati, a causa della forte domanda per le forniture, soprattutto nel Medio Oriente.

L’indice dei prezzi dello zucchero della FAO è diminuito del 3,2%, la sua prima diminuzione dopo quattro mesi consecutivi di aumenti, principalmente a causa dei buoni progressi del raccolto di canna da zucchero in Brasile e della domanda di importazione globale debole, in particolare dalla Cina.

L’indice dei prezzi della carne della FAO è rimasto praticamente invariato a giugno, con l’aumento dei prezzi della carne di pollame a causa dell’alta domanda di importazione dall’Asia orientale, nonostante le sfide legate agli ampi focolai di influenza aviaria. I prezzi internazionali della carne suina sono aumentati, mentre quelli di bovino e ovino sono diminuiti a causa dell’aumento delle disponibilità esportabili dall’Oceania.

Maggiori informazioni: www.fao.org/worldfoodsituation/foodpricesindex/en/

Produzione di cereali prevista a un livello record

La produzione mondiale di cereali è prevista raggiungere un livello record nel 2023/24, secondo l’ultimo Cereal Supply and Demand Brief, pubblicato anche oggi.

La FAO ha alzato la sua previsione di produzione globale di cereali per il 2023 a 2.819 milioni di tonnellate, indicando un aumento del 1,1% rispetto all’anno precedente.

La previsione alza principalmente le aspettative per la produzione globale di grano, stimata ora a 783,3 milioni di tonnellate, grazie alle prospettive migliorate in diversi paesi, inclusi Canada, Kazakistan e Turchia. Tuttavia, si prevede che la produzione globale di grano rimanga inferiore rispetto alla scorsa stagione del 2,3%.

La produzione mondiale di cereali grezzi per l’anno è ora prevista aumentare del 2,9% rispetto al 2022, a 1.512 milioni di tonnellate. Allo stesso modo, la produzione mondiale di riso nel 2023/24 dovrebbe aumentare del 1,2% rispetto al livello ridotto del 2022/23, a 523,7 milioni di tonnellate.

Si prevede che l’utilizzo mondiale dei cereali nella stagione a venire aumenterà dell’0,9% a 2.805 milioni di tonnellate, guidato dall’aspettata maggiore uso dei cereali a grana grossa, soprattutto mais per alimentazione animale.

La FAO ha alzato la sua previsione per le scorte mondiali di cereali alla fine delle stagioni 2023/24 a 878 milioni di tonnellate, un aumento del 2,3% rispetto alla stagione precedente. A questo livello, il rapporto tra scorte e utilizzo dei cereali a livello globale rimarrebbe invariato al 30,6%, “indicando prospettive di fornitura confortevoli nella nuova stagione”.

Le ultime previsioni della FAO per il commercio mondiale dei cereali nel 2023/24 indicano una contrazione del 0,9% rispetto al 2022/23, con volumi di grano in diminuzione rispetto ai livelli record.

Ulteriori dettagli sono disponibili qui: www.fao.org/worldfoodsituation/csdb/en/

Aumento dei prezzi alimentari peggiora la situazione alimentare nei paesi vulnerabili

I prezzi alimentari elevati, i rallentamenti economici, i conflitti, le siccità e il rischio meteorologico di El Niño in diverse regioni stanno aggravando le preoccupazioni sulla sicurezza alimentare in molte parti del mondo. Un totale di 45 paesi nel mondo necessitano di assistenza esterna per l’alimentazione, secondo l’ultimo rapporto sulle Prospettive sulle Coltivazioni e la Situazione Alimentare, una pubblicazione trimestrale del Sistema Globale di Informazione e Sorveglianza Precoce (GIEWS) dell’FAO.

I prezzi alimentari interni elevati, una misura divergente rispetto all’Indice dei prezzi alimentari della FAO, sono fattori che contribuiscono ai livelli preoccupanti di fame nella maggior parte dei 45 paesi, di cui 33 si trovano in Africa, 9 in Asia, oltre ad Haiti, Ucraina e Venezuela.

La produzione mondiale di cereali è prevista in aumento dell’1,1% nel 2023 rispetto all’anno precedente, ma si prevede un calo nel gruppo di 44 paesi a basso reddito e deficit di cibo (LIFDC), che aumenterà la necessità di importazioni, secondo il rapporto.

Il rapporto trimestrale fornisce informazioni dettagliate sulla insicurezza alimentare, sulle tendenze dei prezzi che le persone affrontano nei paesi colpiti. Fornisce anche una valutazione dettagliata delle prospettive di produzione e commercio regionali in tutto il mondo.

+info: www.fao.org/newsroom/detail/fao-food-price-index-continued-declining-in-june/en

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

diciotto − 7 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina