Pinterest LinkedIn

Lo scorso anno gli Stati Uniti sono stati i primi consumatori al mondo di vino al mondo con 30 milioni di ettolitri: 2,4 arrivano dall’Italia dove hanno acquistato bottiglie per 1,1 miliardi. In Italia, invece, i consumi nazionali – sottolinea la Coldiretti – sono scesi attorno ai 20 milioni di ettolitri, dietro Stati Uniti e Francia, con un taglio del 19 per cento dall’inizio della crisi nel 2008.

Il calo dei consumi interni è tuttavia compensato dalla crescita delle esportazioni. Le vendite all’estero del nostro prodotto sono ammontate a 5,1 miliardi di euro nel 2014. L’Italia – spiega la Coldiretti – è il principale fornitore straniero di vino degli Usa per un quantitativo di circa 2,4 milioni di ettolitri, superiore di 1 milione di ettolitri a quello dell’Australia, secondo paese di riferimento. Oltre il 20% del vino exportato made in Italy è diretto verso gli Stati Uniti che lo scorso anno hanno acquistato bottiglie per 1,1 miliardi, il massimo di sempre. Gli americani, in particolare, amano tra i toscani Chianti e Brunello di Montalcino e il piemontese Barolo; tra i bianchi il Pinot e il Prosecco.

+info: www.coldiretti.it

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (1)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


1 Commento

  1. Sicuramente I’ll trend Italian e sempre più volto alla’ esportazione.noi stessi abbiamo portato in franchising vari prodotti alimentari nella NS catena Cassontondo® e Mr.Piadina’s® in USA. Successo reale e prodotti italianissimi.
    Appunto cerchiamo parthners vini e birra artigianale….se qualche azienda volesse informazioni….a disposizione…. presso… cassontondoitalianfoodmiami@gmail.com andrea

Scrivi un commento

tredici + diciotto =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina