Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

La multinazionale olandese della birra, il secondo più grande gruppo birrario al mondo, ha chiuso il 2023 con Ricavi a 36.375 milioni di euro, in crescita del 4,9% mentre il Volume della birra è calato del -4,7% in termini organici utile netto a 2.304 milioni di euro.

 

 

Dolf Van Den Brink, Presidente del Comitato Esecutivo ha così commentato i risultati di bilancio;“Sono orgoglioso della resilienza della nostra azienda e delle nostre persone, e incoraggiato dai nostri progressi sulle priorità EverGreen. Dopo un 2022 forte, il 2023 si è rivelato impegnativo. I forti prezzi volti a compensare l’elevata inflazione dei costi energetici e dei fattori produttivi e la volatilità delle condizioni macroeconomiche in alcuni mercati chiave hanno influenzato la nostra dinamica dei volumi. Nonostante queste difficili condizioni, abbiamo continuato a investire nei nostri marchi e nelle nostre capacità. Abbiamo guadagnato o mantenuto quote di mercato in termini di volume in oltre la metà dei nostri mercati poiché la performance dei volumi è moderatamente migliorata trimestre dopo trimestre. Abbiamo registrato una crescita organica dell’utile operativo (beia) in 3 regioni su 4 mentre ci adattavamo alle sfide dell’Asia Pacifico”

Ed ha proseguito. “Continuiamo a fare progressi sulle nostre priorità EverGreen. Il marchio Heineken ® ha celebrato il suo 150° anniversario e ha registrato un altro anno di crescita dei volumi, in crescita del 3,4% escludendo la Russia. Abbiamo compiuto eccellenti progressi con le nostre piattaforme digitali business-to-business e ora acquisiamo quasi 11 miliardi di euro di valore lordo delle merci. Abbiamo superato in modo significativo il nostro impegno in termini di produttività, ottenendo un risparmio lordo di 0,8 miliardi di euro nel 2023” . “Abbiamo inoltre ulteriormente sviluppato la nostra presenza in portafoglio con l’acquisizione di Distell e Namibia Breweries per formare Heineken Beverages, un nuovo campione di bevande per l’Africa meridionale, e l’uscita dalla Russia nel terzo quarto. Guardando al 2024, rimaniamo cauti riguardo alle prospettive economiche e geopolitiche globali. In futuro, il nostro focus sarà sulla crescita dei ricavi, bilanciata tra volume e valore, continuando a investire nei nostri marchi, innovazioni, capacità commerciali e percorso verso il consumatore per offrire una creazione di valore sostenuta a lungo termine”

 

 

Con riguardo alla prospettive 2024 l’azienda ha così precisato : “Mentre continuiamo ad avanzare nel nostro percorso EverGreen, rimaniamo impegnati nella nostra ambizione a medio termine di fornire una crescita superiore, equilibrata tra volume e valore, e di promuovere continui miglioramenti della produttività per finanziare gli investimenti dietro EverGreen e consentire la crescita del profitto operativo  La nostra performance in termini di volumi alla chiusura del 2023 è stata sotto pressione da fattori esterni, con un moderato miglioramento sequenziale trimestre dopo trimestre. Per il 2024, prevediamo che il contesto macroeconomico e gli sviluppi geopolitici rimarranno un fattore di incertezza che potrebbe avere un impatto sulla nostra attività. In questo contesto, il nostro obiettivo futuro sarà quello di ripristinare la crescita dei nostri volumi continuando a investire nei nostri marchi, innovazioni, capacità commerciali e percorso verso il consumatore.

Prevediamo che i nostri costi variabili aumenteranno di una cifra bassa su base per ettolitro, beneficiando del calo dei prezzi delle materie prime e dell’energia, ma più che compensati dall’inflazione locale dei costi di produzione e dalle svalutazioni valutarie, in particolare in Africa. Prevediamo inoltre che un’inflazione salariale superiore alla media storica avrà un impatto sulla nostra base di costi. Il nostro programma di produttività continua porterà almeno 500 milioni di euro di risparmi lordi nel 2024, in anticipo rispetto al nostro impegno a medio termine di 400 milioni di euro per il breve termine, consentendo investimenti a sostegno del nostro programma di crescita, della trasformazione digitale, delle capacità strategiche e del nostro programma Brew a. Attività per un mondo migliore.  Nel complesso, prevediamo una crescita organica dell’utile operativo (beia) nell’intervallo da basso a alto a una cifra. L’ampia gamma corrisponde alla volatilità delle condizioni geopolitiche ed economiche a cui abbiamo assistito anche negli ultimi mesi e al fatto che continueremo a investire in EverGreen per la creazione di valore sostenibile a lungo termine”.

 

 

HEINEKEN

HEINEKEN è il produttore di birra più internazionale del mondo. È il principale sviluppatore e distributore di marchi premium di birra e sidro. Guidato dal marchio Heineken®, il Gruppo ha un portafoglio di oltre 300 birre e sidri internazionali, regionali, locali e speciali Attraverso “Brewing a Better World”, la sostenibilità è incorporata nel business. HEINEKEN ha un’impronta geografica ben bilanciata con posizioni di leadership sia nei mercati sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Impiega più di 80.000 dipendenti e gestisce birrifici, malterie, stabilimenti di produzione di sidro e altri impianti di produzione in più di 70 paesi. Il gruppo è il secondo più grande produttore di birra al mondo con un giro d’affari 2023 di 36,4 miliardi di euro ed un volume di birre prodotte di oltre 200 milioni di hl/anno. Il gruppo è operativo, in posizioni di leadership, anche sul mercato italiano attraverso la controllata Heineken Italia che commercializza più di 6 milioni di hl di birra con un ampio portafoglio di marche tra cui le italiane Moretti, Dreher e Ichnusa, i marchi internazionali Heineken e Amstel e numerosi marchi importati da altre aziende del gruppo.

+info: www.theheinekencompany.com – www.heinekenitalia.it

Leggi anche:

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

18 + sei =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina