Pinterest LinkedIn

L’edizione 2022 di “Pursuit of Perfection”, la cocktail competition di London No.3 Gin, si è conclusa con la finale del 14 settembre presso la distilleria No.3 Gin di Schiedam, in Olanda. La quinta edizione è stata diversa dalle precedenti perché per la prima volta il contest ha aperto le porte anche ai professionisti d’Italia e Germania. A trionfare il barista italiano Gioacchino Sorrentino con il cocktail My Type of Gimlet.

Dopo la semifinale del giorno prima con dieci baristi partecipanti, la serata conclusiva della competizione ha visto sfidarsi i quattro finalisti in una sfida incentrata sul gusto. Tutte le bevande dovevano contenere un minimo di 40 ml di Gin No.3 e un massimo di sei ingredienti. I concorrenti hanno avuto quattro minuti per prepararsi prima di fare una presentazione di 10 minuti del loro cocktail.

L’edizione 2022 si è concentrata sulla “ricerca della perfezione del gusto”, sfidando i suoi finalisti a creare un cocktail ispirato a uno dei tre profili aromatici fondanti di No.3 London Dry Gin: ginepro, agrumi o spezie. I criteri più importanti di valutazione sono stati infatti l’equilibrio dei sapori, la storia e l’ispirazione del drink. La giuria di quest’anno è stata formata da Simon Difford di Difford’s Guide, Alessandro Palazzi di Dukes Bar a Londra, Christoph Henkel di Kirsch Whisky Distribution e Myriam Hendrickx, maestra distillatrice di Rutte e De Kuyper.

Il vincitore Gioacchino Sorrentino, del bar Soul Salerno in Italia, ha vinto la gara con il suo cocktail, My Type of Gimlet. “Ho preso ispirazione da uno dei miei cocktail di gin classici preferiti, che è un Gimlet”, ha dichiarato Sorrentino. “È semplicissimo ma anche super complesso, proprio come la mia personalità e proprio come la bellezza del numero 3. Ho sempre sognato di vincere un torneo di cocktail, quindi diventare il campione del concorso Gin Pursuit of Perfection n. 3 del 2022 significa molto per me”.

Gli altri classificati sono stati: Adam Montanaro-Taylor del Project Halcyon di Manchester (secondo posto); Raki Sillah del Kink Bar & Restaurant di Berlino (terzo posto); e Lorenzo Piscitello di Artesian a Londra (quarto posto).

Il primo classificato ha ricevuto un budget di 5.000 £ (5.558,08 euro) per realizzare il sogno della vita, come l’acquisizione di un bar, mentre gli altri finalisti un kit da bar in pelle realizzato a mano. Tutti e quattro i partecipanti hanno vinto un viaggio tutto compreso nella distilleria di Schiedam dove si è tenuta la finale.

“The Pursuit of Perfection racchiude il nostro scopo come marchio – perseguire costantemente la perfezione in tutto ciò che facciamo – e sono rimasto colpito da tutti i finalisti di quest’anno che hanno rispecchiato questa etica durante la competizione. Ma Gioacchino ha veramente azzeccato il brief; il sapore è stato un fattore importante nel processo di punteggio e il suo cocktail era eccezionalmente ben bilanciato, con una presentazione chiara e concisa che ha riunito tutto perfettamente” ha dichiarato Ross Bryant, ambasciatore del marchio globale No.3 Gin.

“Per me, vedere baristi di diverse città e paesi riunirsi per competere l’uno contro l’altro, ma anche per incoraggiarsi a vicenda, riassume esattamente ciò che amo di questo settore: l’ospitalità” ha concluso.

Fonte: www.thespiritsbusiness.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Scrivi un commento

5 × tre =