Tag

distillati

Browsing

Milano anche quest’anno a dicembre fa rima con Whisky, per l’edizione n.17 del Milano Whisky Festival. Tante conferme ma anche belle sorprese per la rassegna sul re dei distillati sempre molto attesa, a cominciare dalla conferma di un giorno in più rispetto al programma canonico, con le date in programma sabato 3, domenica 4 e lunedi 5 dicembre 2022, giornata dedicata soprattutto gli operatori del settore. Nuova anche la sede, il Milano Whisky Festival quest’anno si terrà al Palazzo delle Stelline in corso Magenta 61, in uno degli edifici milanesi più noti famosi nel cuore della città meneghina.

L’edizione 2022 di “Pursuit of Perfection”, la cocktail competition di London No.3 Gin, si è conclusa con la finale del 14 settembre presso la distilleria No.3 Gin di Schiedam, in Olanda. La quinta edizione è stata diversa dalle precedenti perché per la prima volta il contest ha aperto le porte anche ai professionisti d’Italia e Germania. A trionfare il barista italiano Gioacchino Sorrentino con il cocktail My Type of Gimlet.

È una delle città più belle al mondo, che custodisce straordinari gioielli come Piazza San Marco e la sua Basilica. Venezia è anche la città in cui il rito dell’aperitivo prende piede agli inizi del Novecento e lo spritz diventa protagonista di quei preziosi momenti di convivialità, di cui Select – che nasce proprio a Venezia nel 1920 – diventa ben presto un’icona. Quello tra Select e Venezia, insomma, è un legame secolare, che ora si rinnova in occasione della Venice Cocktail Week (26 settembre – 2 ottobre). Anche per la seconda edizione dell’evento dedicato alla mixology veneziana, l’aperitivo di Gruppo Montenegro si conferma main sponsor della manifestazione e si prepara ad animare la città lagunare con appuntamenti all’insegna della tradizione e della sperimentazione. Se da una parte, infatti, Select celebrerà la sua unicità e storicità come ingrediente d’elezione dello Spritz Veneziano – preparato rigorosamente con un’oliva verde grande – dall’altra strizzerà l’occhio all’arte della miscelazione di qualità con proposte creative e originali firmate da quattro bartender di fama internazionale.

Diageo Reserve World Class è la competizione internazionale istituita da Diageo Reserve, la divisione luxury di Diageo per diffondere la cocktail culture ispirata dai bartender di maggior talento. Quest’anno l’ambita nomina di Diageo World Class Global Bartender of the Year è andata al barista norvegese Adrián Michalčík, vincitore della finale svoltasi il 15 settembre a Sydney, in Australia, dopo essere stata disputata per la prima volta in formato digitale  l’anno scorso a causa delle restrizioni dovute al Covid-19.

Casamigos, brand di tequila e mezcal ultra-premium, si riconferma protagonista dell’estate sarda e spirit preferito delle celebrity nazionali e internazionali che hanno affollato la Costa Smeralda. Il brand creato da George Clooney e Rande Gerber ha letteralmente dominato la meta vacanziera italiana tra le più cool e ambite dallo star system, portando in 9 locali dell’isola come il Nikki Beach, il The Sanctuary e ancora il Just Cavalli di Porto Cervo, cocktail inediti, serate speciali e degustazioni.

“La miscelazione è il punto cardine del nostro mondo” dichiara Francesco Pirineo. Compagnia dei Caraibi si conferma ancora una volta un’azienda innovativa, versatile e sempre in evoluzione, che si concentra tanto sugli ingredienti quanto sulla qualità del prodotto finale. In particolare lo sguardo di quest’azienda è sempre puntato verso il Messico e i suoi prodotti: “Abbiamo sempre creduto nei distillati messicani come Tequila, Mezcal, Raicilla, Bacanora, Sotol e continueremo a crederci“, conclude Francesco. + info: www.compagniadeicaraibi.com

E’ un mercato in crescita continua quello dei distillati no alcol, dove sempre più contano anche le dimensioni. Per questo Lyre’s, brand australiano leader mondiale nel settore dei distillati analcolici, ha annunciato di aver chiuso il round di finanziamenti di 20 milioni di sterline (quasi 24 milioni di euro al cambio attuale), per crescere ancora. Stellare anche la valutazione dell’azienda equivalente a 270 milioni di sterline (oltre i 319 milioni di euro, al cambio attuale), a conferma della leadership nella categoria no/low alcool.

A Casalotto di Mombaruzzo, in provincia di Asti, la famiglia Berta non si fa mancare nulla. L’ultimo progetto, Villa Prato, è un resort con ristorante annesso, spa e piscine magnificamente inserite nella collina del paese. Lussuoso, elegante, una location degna del livello delle grappe prodotte sin dalla metà del novecento. Ma come nasce questo impero fatto di grappe, relais, castelli e impegno per il sociale? Ebbene, le strade dei fratelli Giovanni e Michele inizialmente si dividono per poi ritrovarsi. Mentre il primo resta a lavorare in campagna, Michele apre la sua bottega a Milano dove matura presto un forte trasporto per la chimica e l’erboristeria. Gli basta poco per cimentarsi nella produzione di Barbera chinata e l’elisir di Moscato passito. Milano, città degli affari, gli insegna l’importanza delle reti commerciali, fondamenta per uno sviluppo e posizionamento nel mercato duraturi.

Se ne stanno spendendo a fiumi di chiacchere sul mondo del bar, un settore che sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua storia. Non manca però anche in questa fase l’attenzione per raccontare il bancone da un punto di vista diverso, grazie a nuovi format come “Chiacchere da bar”, storie di cocktail e spiriti affini. Cinque puntate in tv condotte da un fenomeno emergente della comunicazione beverage come Federico Bellanca, in onda da lunedì 9 novembre su WineTv canale 815 di Sky .

L’unione fa la forza, anche nel caso del Club Excellence, nato nel 2012 per mettere insieme importatori e distributori per promuovere la cultura della distribuzione dei vini e degli spirits di eccellenza, oggi è una società vera e propria con forma cooperativa, che sta facendo la sua parte in piena emergenza Coronavirus. Abbiamo chiesto al presidente del Club Massimo Sagna di tratteggiare un quadro della filiera distributiva del vino, uno dei comparti che stanno soffrendo di più. 18 soci che secondo gli ultimi dati ufficiali pre Covid-19 avevano fatto registrare ricavi complessivi per 230 milioni di euro, in questi giorni è circolato tra gli associati del Club Excellence un documento sulle Linee Guida per il mercato e la rete di agenti che tocca alcune macro-aree, come gestione dei crediti, criticità commerciali, conto vendita e concorrenza sleale.

Venghino, i sofisticati e gli imbellettati venghino. Avete presente quando proprio vi assale quella voglia di champagne e ostriche, che proprio non ce la fate più? Neanche noi. Ma ci sono buone notizie: grazie a una distilleria e a un ristorante britannici, potrete assaggiare il primo gin infuso al caviale, per quelle sere in cui il vostro mood sarà un po’ più pretenzioso e, diciamocelo francamente, magari il vostro portafogli non avrà le stesse idee.

Ancora una volta, Diageo Reserve – la collezione di distillati ultra premium di Diageo – domina il mercato degli spirit, riconfermandosi Best Performing portfolio secondo L’ANNUAL BRANDS REPORT 2018 DI DRINKS INTERNATIONAL, la classifica del settore beverage stilata ogni anno dalla testata britannica considerata il più autorevole punto di riferimento per gli addetti ai lavori nelle categorie dei distillati, vini e birre.