Pinterest LinkedIn

La tequila ha goduto di ottimi livelli di domanda dei consumatori negli ultimi anni. Nel 2021 la tequila deteneva una quota in volume del 2,5% del mercato globale degli alcolici (esclusi gli alcolici nazionali), in aumento rispetto all’1,8% nel 2016. Si prevede che la categoria crescerà a un volume CAGR del 7% a livello globale, 2021-2026.

Piantagioni di agave

Questa domanda senza precedenti di tequila, tuttavia, ha portato a carenze di agave, costi di produzione più elevati e nuove minacce esterne, come alcolici di agave alternativi provenienti da Messico, Australia, Stati Uniti e altri paesi. È probabile che i prezzi dell’agave rimarranno elevati per i prossimi anni, anche perché le piante impiegano diversi anni per raggiungere la piena maturità.

“I prezzi dell’agave sono rimasti vicini ai livelli record negli ultimi tre anni”, sottolinea Jose Luis Hermoso, direttore della ricerca IWSR. “E tieni presente che occorrono 7-8 kg di agave per fare un litro di tequila. I prezzi inizieranno a moderarsi solo quando ci saranno segnali che la tequila si sta raffreddando nel mercato chiave degli Stati Uniti”.

Finora, questo non è successo. Gli aumenti dei consumi sono stati superiori alle attese nel 2021 e IWSR prevede una crescita del volume della tequila negli Stati Uniti per il 2021-26 a un CAGR del +9% (+13% in termini di valore). I volumi di tequila negli Stati Uniti sono pronti a superare quelli della vodka nel paese nello stesso arco di tempo. Entro il 2026, gli Stati Uniti da soli consumeranno probabilmente più tequila rispetto al mondo intero nel 2021.

IWSR prevede inoltre che il valore globale degli alcolici di agave aumenterà del 67% tra il 2021 e il 2026, con la tequila super/ultra-premium che raggiungerà una quota del 55% del valore della categoria entro il 2026. Nel Regno Unito, il mercato europeo più di valore della categoria, gli alcolici di agave sono pronti per un aumento dell’88% in valore tra il 2021 e il 2026, da una piccola base.

Con questa prospettiva, è difficile prevedere un calo della domanda di agave o dei prezzi dell’agave”, afferma Hermoso. “Detto questo, se il mercato statunitense mostra segni di raffreddamento, la possibilità di un rapido calo dei prezzi dell’agave non può essere ignorata, poiché si verifica una vendita di panico dell’agave in eccesso”.

Oltre all’aumento dei prezzi dell’agave, i proprietari dei marchi stanno anche affrontando pressioni inflazionistiche legate a problemi legati alla pandemia, inclusi l’approvvigionamento e il costo degli imballaggi, la carenza di manodopera e problemi di spedizione, che mettono sotto pressione i prezzi e i margini.

Di conseguenza, la categoria è stata influenzata in diversi modi, compreso un temuto impatto negativo sulla qualità del prodotto. “Mentre i prezzi sono aumentati per molti marchi, la qualità è diminuita a causa del fatto che molti produttori si affidano a piante di agave minorenni o utilizzano diffusori efficienti per mantenere bassi i costi durante il processo di produzione”, osserva Adam Rogers, direttore della ricerca IWSR per il Nord America.

 

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel

 

Un’altra conseguenza è l’aumento dei prezzi e la riduzione dell’attività promozionale per i marchi di tequila entry-level in Messico, il secondo mercato più grande della categoria, che secondo Hermoso sta spingendo alcuni consumatori tradizionali fuori del tutto dalla categoria. Ciò ha portato alcuni proprietari di marchi a riformulare i loro prodotti dal 100% di tequila di agave a offerte mixto o a ritirarsi del tutto dal mercato. Tuttavia, un revival su larga scala del segmento mixto sembra improbabile, poiché i prodotti a base di agave tequila al 100% sono percepiti come più premium.

I dati IWSR lo confermano: le tequila di agave al 100% hanno visto la loro quota di volumi globali più che raddoppiata negli ultimi due decenni, espandendosi dal 29% nel 2001 al 63% nel 2021. La loro quota di valore è salita al 79% nel 2021, grazie a forte domanda di tequila blanco e gold, oltre al segmento Cristalino in rapida crescita.

Anche molti proprietari di marchi si concentrano sulle tequila di fascia alta, pur rimanendo consapevoli dei prezzi elevati dell’agave. “I costi dell’agave sono al di sotto del loro picco, anche se stanno rallentando a un ritmo più lento del previsto a causa della maggiore domanda all’interno della categoria”, afferma Mia Simpson Culp, MD di Tequilas presso Brown-Forman, proprietaria di Herradura e El Jimador. “Abbiamo concentrato gli sforzi di innovazione nel segmento di prestigio, data la sua rapida crescita negli ultimi anni”.

Allo stesso modo, Julka Villa, responsabile globale del marketing del Gruppo Campari (proprietaria di Tequilas Espolòn e Cabo Wabo, oltre a Montelobos mezcal), non vede ancora prove di un calo dei prezzi dell’agave, anche se si aspetta che ciò avvenga “prima o poi”.

Aggiunge: “Detto che, all’interno della categoria dell’agave, continuiamo a vedere i consumatori scambiare, scegliendo nel complesso più alcolici premium e superiori, e quindi favorendo la crescita e la domanda all’interno della categoria”.

L’attuale analisi IWSR della categoria della tequila mostra che il segmento della tequila premium è destinato a portare avanti la categoria, specialmente nel mercato statunitense dominante, dove si prevede che il segmento aggiungerà più di 15 miliardi di dollari di valore aggiuntivo alla categoria complessiva tra il 2021 e il 2026. Anche le prospettive di crescita in altri paesi sono interessanti. Le pressioni sui prezzi della tequila aumentano la prospettiva che emergano prodotti challenger adiacenti alla categoria, inclusi mezcal e altri alcolici di agave, prodotti in Messico o altrove.

Campari’s Villa prevede di vedere un crescente interesse tra bartender e consumatori per le alternative all’agave, come raicilla, bacanora e sotol, aggiungendo: “Alla Campari, siamo sempre alla ricerca di ciò che nuovo nella categoria distillati, ma sappiamo anche che l’autenticità , provenienza e patrimonio sono di primaria importanza”.

Gli alcolici alternativi di agave vengono già prodotti in paesi tra cui Australia, Stati Uniti e Sud Africa e, su un lasso di tempo più lungo, potrebbero sfidare la tequila a soddisfare la crescente domanda globale di alcolici di agave, afferma Brandy Rand, Chief strategy officer, IWSR.

“Esiste una vera minaccia a lungo termine per la categoria della tequila di alcolici a base di agave coltivati ​​localmente. Un’industrializzazione di queste piantagioni di agave per produrre spirito di una qualità riconosciuta potrebbe erodere il predominio della tequila nello spazio dello spirito di agave a lungo termine. Dopotutto, solo 20 anni fa i consumatori di tutto il mondo si rivolgevano allo scotch o al bourbon quando pensavano al whisky, ma ora la scelta si è ampiamente ampliata” dichiara Rand.

Fonte: www.theiwsr.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Joybrau - Birra Analcolica Proteica per gli sportivi - 7g e 15g proteine + 3g BCAA

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina