Pinterest LinkedIn

Secondo quanto riferito da www.globaldata.com del 6.05 c.m. i rivenditori di bevande in Belgio (FeBeD) hanno presentato una denuncia all’Autorità belga per la concorrenza (BCA) per il presunto comportamento anticoncorrenziale del gigante locale della birra AB InBev.

 

Birritalia 2023-24 Beverfood.com annuario Birre Italia

Annuario Birra Italia Birritalia 2023-24 beverfood.com

 

In una dichiarazione inviata a Just Drinks, l’autorità di vigilanza ha affermato di poter “confermare che l’Autorità belga per la concorrenza ha ricevuto una denuncia da FeBeD, ma sta ancora conducendo un’indagine preliminare”. AB InBev è stata accusata di aver violato le regole di concorrenza belghe ed europee, ha detto il direttore di FeBeD Guy Dewulf al sito di notizie economiche locale, De Tijd. Parlando con la pubblicazione, Dewulf ha dichiarato: “L’azienda abusa della sua posizione dominante per espandere la propria distribuzione in Belgio e far crescere i suoi marchi a scapito di altre parti. Il consumatore ne è vittima”. La FeBeD ha accusato il produttore di birra Stella Artois di utilizzare l’erosione dei margini e sconti maggiori con il settore della ristorazione, per “spingere la concorrenza fuori dal mercato”.

 

Guidaonline Birre & Birre 2024 con oltre 1600 marchi di birra. Scarica Ora il pdf gratuito!!!

 

Parlando con De Tijd, Dewulf ha dichiarato: “AB InBev offre sconti agli esercizi di ristorazione che sono superiori a quelli dei rivenditori indipendenti di bevande. Non è logico, perché i commercianti hanno fatturati più elevati e ci sono meno costi logistici per le consegne”. A causa dei presunti sconti di AB InBev, altri rivenditori sono costretti a realizzare margini più piccoli, il che li sta spingendo fuori dal mercato, ha aggiunto. Dewulf ritiene inoltre che l’azienda abbia accordi collaterali, “con gli operatori, ad esempio, per l’installazione di un impianto di raffreddamento. L’appalto principale è, ad esempio, l’affitto dei locali di ristorazione. Questi contratti collaterali obbligano gli operatori ad acquistare tutte le bevande da loro. Questo è completamente contrario alle regole dell’UE”.

 

Databank Birrifici Birra Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Aziende Produttori

 

I programmi di sconto del titolare del marchio Leffe per i commercianti in Belgio durano tre anni alla volta. DeWulf ha detto che lo schema è stato un esempio di violazione della “sua posizione di potere”. Ha aggiunto che il gruppo con sede a Lovanio “ha fatto approvare i nuovi sconti nonostante una lettera di oltre 130 commercianti che affermavano di non essere d’accordo, una forma di solidarietà senza precedenti nel settore”.

In una dichiarazione inviata a Just Drinks, AB InBev ha descritto i suoi accordi di acquisto come “i contratti di acquisto di bevande più liberali con il settore della ristorazione in Belgio”. Il suo attuale sistema di sconti ha affermato, “si basa sul precedente sistema di sconti che è stato valutato dall’autorità belga per la concorrenza. Siamo convinti che l’attuale sistema di sconti sia in linea anche con le norme del diritto della concorrenza”. Ha aggiunto: “Il sistema di sconti è a vantaggio del settore della ristorazione”.

 

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


 

Nel 2019, il produttore di Hoegaarden ha dovuto affrontare una pesante multa di 200,4 milioni di euro (215,8 milioni di dollari) da parte della Commissione europea per aver limitato le importazioni della sua birra Jupiler dai Paesi Bassi in Belgio. AB InBev detiene attualmente una quota del 54% del segmento delle lager nel mercato della birra in Belgio.

Fonte: www.globaldata.comwww.just-drinks.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

sedici + 20 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina