Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Per incontrarsi, per conoscersi, per brindare, per consolarsi: lo Champagne è perfetto per ogni occasione. Modena Champagne Experience è l’evento annuale con focus sul prodotto più sofisticato ed esclusivo nel mondo del beverage. Riconfermato il suo successo anche per l’edizione 2019, la terza, con la partecipazione di 125 Maison e oltre 500 tipi di Champagne. Masterclass, degustazioni e la partecipazione di un pubblico d’elite hanno reso frizzante l’appuntamento dedicato al re delle bollicine.

Tra le  realtà presenti Sagna, società torinese fondata nel 1928 specializzata nell’importazione e distribuzione di vini di gran pregio, che ha esposto nel suo spazio 4 prodotti della Maison Louis Roederer: Brut Premier, Rosè Millesimato 2013, Vintage 2012 e Brut Nature 2009.
Quest’ultimo è stato la punta di diamante per la terza edizione del Modena Champagne Experience: «Brut Nature 2009 è un progetto nato in collaborazione con Philippe Starck, un amico di famiglia dell’azienda di Reims che ha coinvolto il designer non solo nella realizzazione dell’etichetta, ma proprio nella produzione del vino. La prima annata è stata il 2006, la seconda appunto il 2009 ed è appena stata presentata a Parigi la 2012 sia in versione bianca che rosè» ha spiegato Leonardo Sagna. Ha aggiunto:«Lo champagne è un prodotto 100% biodinamico. Roederer è infatti il più grande proprietario in biodinamico in champagne- un tipo di produzione che ha effetti sul vino rendendolo più concentrato oltre a rendere la vigna più resistente alle malattie». All’assaggio il Brut Nature 2009 è molto verticale, ma ha la caratteristica di aprirsi ad una piccola rotondità sul finale. Toni di frutta gialla matura si uniscono ad una viva acidità e sapidità. Si presenta di colore giallo con riflessi ambrati e un perlage raffinato; al naso è intenso e floreale.

 

Immancabile anche la presenza di Ghilardi Selezioni, azienda bergamasca che a partire dal 2015 ha scelto di investire nel mondo dello champagne con la distribuzione di Henri Giraud, maison che produce sin dalla prima metà del XVIII secolo. Focus per Modena Champagne Experience è stato MV 14, vino simbolo dell’azienda, fermentato in barrique di legno della foresta Argonne, molto particolare per il terreno povero che fa crescere più lentamente la quercia così da rendere più compatto il legno. Giraud si distingue, infatti, per l’impiego del legno nelle diverse fasi della vinificazione sostenendo che “anche le foreste hanno un terroir come le vigne e non esistono grandi vini senza grandi legni”. MV 14 è prodotto con uve 100% grand crù. È un nuovo realize prodotto per il 70% con vino annata 2014 e 30% riserva solera, 90% pinot nero e 10% chardonnay. L’annata risulta in degustazione molto piena con aromi di frutta matura, acidità e un leggero tannino.

 

Meregalli, con il suo headquarter a Monza, da oltre un secolo e mezzo ha fatto della ricerca della qualità la sua bandiera, distribuendo etichette esclusive del mondo del vino. Tra queste Ayala, maison di punta acquistata nel 2005 da Bollinger, disponibile per gli assaggi al Modena Champagne Experience, che si caratterizza per l’uso esclusivo di Chardonnay e acciaio, dando vita a prodotti freschi, eleganti e femminili. Tra i top di gamma il Blanc De Blanc 2013, appena presentato a Roma. Questo Champagne è la perfetta espressione della nobiltà dello Chardonnay (100% millesimato), ottenuto da un blend di tre grand crù e due premier crù della Côte des Blancs e da un affinamento di 6 anni in cantina. È una bollicina setosa e agrumata, con toni di zenzero e limone. Perfetta da abbinare al pesce: capesante e rompo al forno.

 

Visconti 43 nasce dall’esperienza e dalla selezione del Gruppo Meregalli per dare vita ad una nuova idea distributiva che valorizza piccoli produttori di qualità. Tra queste Apollonis una piccola realtà della Val della Marna, con una produzione di 60.000 bottiglie all’anno ed una superficie vitata di soli 7 ettari. La conduzione è ancora familiare dopo tre generazioni con una concentrazione in particolare su Pinot Meunier. La caratteristica della maison è quella di utilizzare musica classica per migliorare le performance dei lieviti e la resistenza delle viti con il sogno di “far invecchiare gli champagne a suon di strumenti musicali”. Apollonis Monodie Meunier Vielles Vignes Blanc De Noirs Extra Brut è la massima espressione del monovitigno, ottenuto da 100% di Pinot Meunier. Dorato e con un perlage fine e persistente. Presenta note di frutta gialla e fiori; al gusto è cremoso e armonioso. Ottimo con parmigiano o crostacei.

 

Nello spazio di Cuzziol Grandivini, che da oltre 60 anni seleziona solo prodotti di alta qualità, una selezione di assagi della maison Bruno Paillard che grazie al rapporto con l’azienda di distribuzione è riuscita a consolidare la sua presenza nel mercato italiano, oggi in testa alle vendite. Nella degustazione del Modena Champagne Experience è spiccato Assemblage 2009. Realizzato con un assemblaggio di 10 crù, deriva da una miscela uguale di Chardonnay e Pinot Nero, con un affinamento di sette anni sui lieviti. In linea con lo stile della casa, è asciutto, con un dosaggio molto basso- mettendolo nella categoria “extra brut”. Versandolo il colore è paglierino con note luminose di agrumi, frutta bianca e caprifoglio, con uno sfondo di mandorla muschiata, quercia francese e brioche. Perfetto per occasioni speciali da servire con ostriche o cozze.

 

Fratelli Rinaldi Importatori di Bologna, una delle più dinamiche Società di distribuzione di prodotti alcolici sul mercato italiano, dal 1999 commercializza direttamente un qualificatissimo assortimento di vini italiani e stranieri, tra cui lo Champagne Jacquart.
In degustazione alla kermesse modenese: Riserve Blanc De Blancs Millesime 2013, il cui packaging è stato realizzato dal vincitore del Champagne Jacquart Design Trophy alla Design Week di Parigi.
Ha una composizione di uve 100% Chardonnay e una capacità di invecchiamento dopo la sboccatura dai 5 ai 10 anni.
Visivamente ha un colore giallo brillante con un perlage vivace.
Al naso si avverte una mineralità data da note di gesso e iodio, al gusto è morbido e fruttato.

 

L’acqua per lo Champagne

Acqua Filette è stata selezionata da Club Excellence, l’Associazione che riunisce quindici tra i maggiori importatori e distributori italiani di vini d’eccellenza, come partner ufficiale durante la kermesse. Si tratta di un’acqua premium, con sorgente nell’Appennino laziale, tra le più pure al mondo. Presente nelle sue tre versioni: liscia (Naturalmente Naturale), leggermente gassata (Delicatamente Frizzante) e ben più vivace (Decisamente Frizzante) ha accompagnato grazie alla sua palatabilità le degustazioni di prestigiosi champagne. Con il suo design minimale, frutto di un recente restyling, Acqua Filette può vantare una eleganza estetica e una nobiltà in grado di affiancare le etichette delle migliori Maison.

 

+INFO: www.champagneexperience.it

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

6 + quattordici =