Tag

riapertura

Browsing

Una ricerca dell’Istituto Piepoli per Osservatorio Birra rivela comportamenti e attese degli italiani verso l’estate e le riaperture: nell’estate dei viaggi brevi (o del tutto assenti), i luoghi della convivialità sono al centro del tempo condiviso e dei momenti di leggerezza degli italiani, in particolare ristoranti e pizzerie. La birra (61%) è stata la bevanda più consumata nei mesi delle riaperture di bar, pub e ristoranti, più del vino (38%) e del caffè (43%).

In questi mesi di chiusura forzata, Coca-Cola ha messo in campo diverse azioni a favore del canale Ho.Re.Ca., nel ruolo di partner prima ancora che di fornitore. Sono stati reinvestiti più di 2,5 milioni di euro nel canale, attraverso politiche commerciali, fiscali e di comunicazione dedicate, per aiutare i clienti a superare le restrizioni seguite all’emergenza sanitaria, sostenerli nell’intercettare le opportunità del delivery e del digital e, infine, prepararsi alla ripresa della normali attività.

Il mondo della ristorazione si prepara a ripartire nelle zone gialle con la conferma del coprifuoco alle 22, arrivato dopo un braccio di ferra tra Governo e Regioni. Alla fine ha prevalso la linea del premier Draghi, con lo stop alla richiesta dei governatori di modificare le misure del decreto legge varato da poco, in particolare sull’orario di chiusura per bar e ristoranti. Il provvedimento non cambia, dopo l’astensione dal voto da parte della Lega sul Dl al Consiglio dei Ministri e qualche tensione tra Governo e Regioni, che avevano chiesto di posticipare il coprifuoco alle 23 e una deroga ai servizi di ristorazione, per rilasciare permessi sia al chiuso che all’esterno per le ore di pranzo e cena.

Il fuori casa nel corso dell’ultimo decennio è avanzato nei numeri ma ha anche assunto un ruolo sempre più importante nelle nostre vite, legandosi a temi importanti come la socializzazione e l’edonismo. Un fenomeno globale, che HostMilano, il salone dell’ospitalità affermatosi su tutti i mercati grazie al suo alto tasso di internazionalità – oltre il 40% degli espositori provengono dall’estero – ha visto crescere nel tempo.