Pinterest LinkedIn

Un revival dei green corner che ricordano le botteghe italiane dove si vendeva tutto sfuso. Biscotti, olio, saponi si venderanno senza packaging. La bozza di decreto offrirà un contributo di 5 mila euro per gli esercenti che si attrezzeranno per ridurre la produzione di rifiuti.

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Della serie a volte ritornano: la si potrebbe chiamare la rinascita dello “sfuso”. Con la crescente attenzione dei cittadini per l’ambiente e i costi di packaging, lo shopping nell’era di Greta Thunberg pare voler riutilizzare le bottiglie portate da casa e la carta paglia.

La bozza di decreto che il Governo sta perfezionando prevede un contributo di 5.000 euro «a fondo perduto» per i commercianti che attrezzano «spazi dedicati alla vendita ai consumatori di prodotti sfusi o alla spina, alimentari e per l’igiene personale» (i cosiddetti Green corner) in modo da «ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti climalteranti» stando a quanto si legge nella bozza.

Il bonus sarà assegnato secondo l’ordine di presentazione delle domande, nel limite complessivo di 20 milioni di euro per il 2020 e il 2021, «sino ad esaurimento delle predette risorse». Sarà un decreto del ministero dell’Ambiente d’intesa con il Mise entro 60 giorni, a fissare requisiti e modalità per «l’ottenimento del contributo e per la verifica dello svolgimento dell’attività di vendita per un periodo minimo di tre anni a pena di revoca del contributo».

 

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

diciannove − 11 =