Pinterest LinkedIn

Continua il consolidamento del mondo nel mondo degli e-commerce legati alla vendita vino, con la notizia dell’acquisizione da parte di Vino.com del concorrente diretto Vino.it. Prima c’era stato il cambio di denominazione da VINO75.com a Vino.com, ora l’enoteca online italiana punta sull’internazionalizzazione e sull’allargamento. Un progetto di espansione che la vede operare direttamente dal 2020 in Belgio, Germania e Olanda e che consentirà di raggiungere altri mercati europei rilevanti per le etichette italiane e straniere. Nel mirino anche la Cina, dove Vino.com è presente dal 2017, attraverso Tmall Choice e Tmall Global di Alibaba.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

“L’acquisizione di Vino.it è un altro tassello della nostra espansione internazionale; è essenziale allo sviluppo del progetto della piattaforma per presidiare i mercati digitali, il cui obiettivo è rappresentare nel mondo le eccellenze Italiane e internazionali partendo dal cuore della migliore produzione vitivinicola nostrana”- spiega Andrea Nardi Dei, co-fondatore e CEO di Vino.com. “La piattaforma, l’offerta e i servizi di Vino.com sono in continua evoluzione, miglioriamo i nostri standard qualitativi già elevati per garantire al cliente un’esperienza di acquisto lineare ma, soprattutto, fornire un livello di servizio elevato e raffinato. L’espansione e il fermento che sta vivendo il mondo dell’ecommerce italiano ci spinge a migliorare costantemente le nostre performance a livello organizzativo, ma anche di selezione, catalogo, servizio e offerta. Il raggiungimento di questi obiettivi è frutto della nostra organizzazione, composta da un gruppo di esperti appassionati del proprio lavoro e del mondo dei vini e dei distillati. È grazie alle loro sensibilità, dedizione e collaborazione, che Vino.com può competere con i più grandi ecommerce italiani e internazionali”.

Dal 2012 quando è stata fondata, Vino.it si è distinta tra i portali di commercio elettronico italiani grazie alla cura nel servizio pre e post vendita e ad un’offerta di vini ampia e variegata, con etichette più conosciute affiancate da una selezione di bottiglie meno note, una proposta in linea con i servizi e che si integrano con l’offerta di Vino.com. L’acquisizione del competitor Vino.it è un tassello ulteriore nel piano di espansione della piattaforma di e-commerce che lo scorso anno ha registrato una forte crescita nel fatturato, balzato a 30 milioni di euro rispetto ai 9,5 milioni del 2019, con 3 milioni di bottiglie consegnate in Italia, Europa e Cina.

I progetti 2021 di Vino.com mirano al rafforzamento e all’estensione delle partnership con i produttori di vino per aiutarli a far conoscere le loro eccellenze all’estero, per esempio con l’iniziativa “Al fianco delle cantine”. Il servizio è destinato ad ampliare il catalogo di oltre 4.000 etichette di più di 1.000 cantine, pensato per il produttore di vino che voglia vendere i propri prodotti online, in Italia e all’estero, direttamente da Vino.com e sui principali marketplace europei. Vino.com ha in programma altre novità, tra cui la sezione Fine wines, una selezione di bottiglie rare e pregiate, che fanno parte della storia dell’enologia. Gli esperti di Vino.com vanno alla ricerca di quelle etichette delle regioni vitivinicole più famose del mondo, facendo toccare con mano i terroir che danno vita ai più incredibili vini e alle chicche enoiche introvabili.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

sedici + 13 =