Pinterest LinkedIn

Durante quest’anno il viaggio di Rinaldi 1957 non si è fermato, così come la ricerca e selezione di brand realmente premium. Dalla stessa distilleria di Aviation Gin, in Oregon, è disponibile nel mercato Italiano un Single Malt che gli intenditori di Whisky hanno potuto assaggiare negli Stati Uniti e in selezionati locali nel mondo. Grazie alla filosofia del “minimal distilling”, la distilleria Westward, fondata nel 2004 a Portland, in Oregon, rappresenta la punta di diamante dei single malt prodotti negli USA. 

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

In aggiunta alla sua lunghissima storia e alle sue tradizioni ancestrali, il whisky americano si distingue dagli altri per la sua grande caratterizzazione e per il senso d’innovazione. Al di là dei suoi brand iconici, il Paese è ben conosciuto per le sue distillerie artigianali come Westward, con sede a Portland, Oregon, da Thomas Mooney e Christian Krogstad. Questi due pionieri hanno pensato al loro single malt sedici anni fa, ispirati dalla cultura, dal clima e dagli ingredienti naturali dell’America del NordOvest. In particolare, il nome Westward vuol dire letteralmente “verso ovest”.

Solo dopo è arrivata la produzione del famoso gin Aviation.

L’American Single Malt più premiato

Westward è l’American Single Malt più premiato: tra gli altri riconoscimenti, spiccano una doppia Medaglia d’Oro ottenuta alla San Francisco World Spirits Competition 2020, un risultato di 93 centesimi alla Ultimate Spirits Challenge, un punteggio di 94 centesimi di Wine Enthusiast e una presenza nelle prime posizioni nella lista del Wall Street Journal sui migliori American Single Malts.

Un lungo, lento processo da ingredienti locali
In Westward si insegue la perfezione creando il gusto in un lento processo. Fermentato come una birra, Westward American Single Malt viene quindi distillato come uno Scotch e invecchiato come un bourbon.

  1. In Westward, tutto parte dall’orzo che cresce primariamente negli stati dell’Oregon e Washington. Esso viene maltato per creare una birra American Ale utilizzando lieviti di birra e una lenta fermentazione a bassa temperatura. Alla Westward Distillery poi la birra viene distillata due volte in pot still che i mastri distillatori hanno disegnato per creare un distillato robusto. I distillatori trasformano così la loro fresca, saporita birra in whisky.
  2. Westward viene fatto invecchiare fino alla perfezione in Oregon dove estati caldissime e secche e inverni freddi e umidi rappresentano il clima ideale per invecchiare un grande whisky.
  3. Il whisky invecchia in botti di quercia americane vergini, leggermente tostate, selezionate per accentuare pienezza e rotondità. Infine, il whisky viene spostato dalle grandi botti in lotti più piccoli per raggiungere il profilo tipico di gusto di Westward – ben bilanciato e pieno. Westward è imbottigliato senza filtrazione a freddo e senza nessun tipo di additivo per mantenere tutta la sua texture e complessità.

L’Oregon è famoso per la sua meravigliosa Costa del Pacifico, per i suoi vulcani, laghi immensi e deserti senza fine, ma è anche rinomato per le sue birre artigianali. Questa cultura ha influenzato enormemente Thomas Mooney e Christian Krogstad, che hanno scelto un lievito di birra per le loro fermentazioni lente e a basse temperature. In più, Miles Munroe, Distillatore di Westward, è un mastro birraio. Tutti i passaggi della produzione di Westward vengono eseguiti per esaltare l’espressione aromatica della materia prima: l’orzo.
Costantemente alla ricerca della perfezione, i due fondatori sono guidati dalla filosofia del “minimal distilling”: sono fermi e risoluti nel non scendere a compromessi sulla distillazione e grazie a questo sono diventati negli anni un punto di riferimento per la distillazione artigianale americana. Sono anche co-fondatori dell’American Single Malt Whiskey Commission.

Note di degustazione
Molto espressivo, Westward American Single Malt si distingue per la sua grande ricchezza aromatica. Elegantemente dominato da sentori fruttati, riporta allo stesso tempo note di cereali e di vaniglia cremosa, il tutto accompagnato da una punta di spezie dolci. Lungo e persistente, il finale è marcato dal legno e spezie dolci con un leggerissimo sentore affumicato e di cioccolato fondente.

GRADO ALCOLICO: 45% ABV
PREZZO AL PUBBLICO: 79€ per 70 CL in confezione regalo di cartone e metallo

RINALDI 1957

Rinaldi oggi ha superato i 61 anni di storia e rappresenta una società di sviluppo di Brand e di distribuzione specializzata nel canale On Trade, a cui si affidano oltre novemila clienti che ricercano qualità e servizio d’eccellenza.

Giuseppe Tamburi, Marcello de Vito Piscicelli, Valerio Alzani, Gabriele Rondani sono alla guida della società che, oltre a un ricco portafoglio di distillati e liquori, vanta un ingente portafoglio vini pari al 40% del fatturato.

Tra gli spirits che meglio rappresentano Rinaldi 1957, non mancano autentici leader internazionali d’immagine, quali i rum Don Papa, HSE, Barbancourt e Centenario; il Brandy spagnolo di lusso Cardenal Mendoza, Porto Taylor’s, Cognac Hine, Armagnac Janneau, Calvados Boulard, Whisky Teeling, Glenfarclas, Douglas Laing, Batida de coco Mangaroca.  Negli ultimi anni a fianco delle pluripremiate grappe Nannoni e Pilzer, si sono aggiunti il gin Ginepraio, Amaro Formidabile, il Vermouth OSCAR.697 che compongono il “Negroni Formidabile”, un intramontabile cocktail rivisitato da Rinaldi. Kamiki, Kura Kirin Fuji Sonroku, Vodka Imperial Gold (la più venduta in Russia nel segmento premium), Tequila Viviana e Los Tres Tonos, mezcal Tier.

Dal 1999 l’azienda Rinaldi commercializza direttamente un qualificatissimo assortimento di vini italiani e stranieri, di medio-alto profilo ma anche di grande bevibilità, capaci di rappresentare il loro territorio, tra cui lo Champagne Jacquart, gli Spumanti Franciacorta La Montina e il Prosecco Valdobbiadene e DOC “Serre di Pederiva” e un ricco portafoglio di prodotti italiani d’eccellenza, tra cui si possono trovare i vini dell’azienda H.Lun, la più antica cantina privata dell’Alto Adige, i vini del cuore del Chianti di Castello Vicchiomaggio, il Verdicchio di Matelica della cantina Belisario, o il Barolo Monvigliero della cantina di Pietro Rinaldi. Questi sono solo alcuni dei preziosi prodotti distribuiti in Italia da questa importante realtà e se ne possono trovare molti altri consultando la parte dedicata del sito web dell’azienda: Concilio, Branko, Valpantena, Gaggioli, Villa di Corlo, Celli, Le Lupinaie, Poggio Rubino, Casa di Terra, Contesa, Marianna, Poderi Parpinello e le birre artigianali Apec.

L’azienda è presente su Facebook e Instagram dal 2017 proprio come “Rinaldi 1957”, nome che è stato poi è andato sempre più a identificare la nuova realtà societaria.

+Info:
www.facebook.com/Rinaldi1957
www.instagram.com/Rinaldi_1957

Scheda e news: Rinaldi 1957 S.p.A.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

14 + 16 =