0
Pinterest LinkedIn

Le vendite di birra analcolica sono aumentate del 64% in un anno tra i consumatori britannici. A guidare la tendenza gli over 45, decisamente più attenti agli effetti collaterali dell’alcol sulla salute.

 

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

 

Tale è la domanda di birre e vini a bassa gradazione alcolica che alcuni supermercati stanno addirittura disponendo alcuni reparti ad hoc. Chris Hayward, analisti di vendita al dettaglio Kantar Worldpanel, ha dichiarato: “Abbiamo assistito a una crescita delle vendita di birra analcolica significativa tra tutte le età, ma a guidare la marcia sono gli over 45, tra i quali si è registrato un aumento del 77%”. 

Più persone scelgono di astenersi o limitare il loro consumo di alcolici, – ha aggiunto – motivo per cui un certo numero di concorrenti nel mercato della birra analcolica ha fatto il salto in questa direzione. I più notevoli sono stati Heineken e Budweiser, con forti campagne di marketing”.

La birra senza alcol è vista come un’opzione più sana, poiché ad essa non è associato alcun rischio di sbornia, di guida in stato di ebbrezza, né tanto meno comporta effetti collaterali per il fegato. Per non parlare delle calorie: una pinta di birra senza alcol si attesta generalmente intorno alle 150 calorie, contro 190 per la birra normale e fino a 240 per una birra forte.

 

Scarica gratis la Guidaonline Birre & Birre 2019 Beverfood.com con schede di tutte oltre 2000 marche di birra

 

La St Peter’s Brewery in Suffolk fornisce una serie di birre alcoliche ai supermercati che ora rappresentano oltre il 15% delle vendite. L’amministratore delegato Steve Magnall ha dichiarato: “Abbiamo già aumentato sia la nostra produzione di birra che la nostra capacità di imbottigliamento per far fronte alla domanda di birre senza alcool e ulteriori investimenti nella pipelineQuesti prodotti stanno avendo un enorme impatto in un momento in cui le persone invocano alternative decenti prive di alcol e sono stufi delle serie di offerte deboli e dealcolate di molti dei birrifici là fuori“.

A conferma di tale propensione diffusa, la British Beer And Pub Association ha reso noto che, nei primi tre mesi del 2018, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, le vendite di birra standard sono in calo dell’1,9%.

 

Fonte: www.pressreader.com/uk/scottish-daily-mail/20180531/281741270098847

 

A cura della Redazione Beverfood.com

© Riproduzione riservata

Beltè - più buono non ce n'è - Tè con infuso di frutta in acqua minerale naturale

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

undici + quattordici =