Tag

Mercato Birra

Browsing

Birra Peroni annuncia la nomina di Viviana Manera come nuova Trade Marketing Director. A partire dal 1° aprile la manager, lavorando a diretto riporto di Enrico Galasso, Amministratore delegato di Birra Peroni, si occuperà di definire e pianificare la strategia dei vari canali di vendita per raggiungere gli obiettivi di business definiti su tutti i brand in portfolio.

Diageo ha stipulato un accordo per la vendita del birrificio Meta Abo Brewery con sede a Sebeta in Etiopia, a BGI Brasseries et Glacières Internationales parte del Gruppo Castel. La vendita è soggetta all’approvazione della Commissione etiope per la concorrenza e ad alcune condizioni, con una previsione del closing dell’operazione all’inizio del 2022, i proventi della vendita non sono stati resi noti.

Tu vuo’ fa’ l’americano, ma sì nato in Italy. Potrebbe essere questo il letimotiv dello sbarco in America di Bombeer, un passaggio fondamentale per il processo di internazionalizzazione del brand di birra che fa riferimento all’ex calciatore Bobo Vieri. Prima tappa di questo viaggio negli Usa Miami e la Florida, dove sono state scaricate le prime birre dopo un lungo viaggio in container, una città non scelta a caso visto che Bobo la conosce molto bene e vede una nutrita rappresentanza di connazionali che passano dall’altra parte dell’oceano buona parte dell’anno.

Sul mercato italiano delle birre operano alcune grandi società birrarie con produzione industriale sul nostro territorio: Heineken Italia, Birra Peroni, Birra Castello, Carlsberg Italia, Forst, Menabrea, e diverse altre aziende di più piccola dimensione come: come Birra Lucana, Theresianer, Birra Amarcord, Semedorato, Birrificio Messina, cui si aggiungono altri piccoli birrifici, nati come microbirrifici artigianali, e poi acquisiti da grandi gruppi industriali.

Due proposte di supporto all’intera filiera: una riduzione delle accise da un lato, e un sostegno immediato al canale Ho.Re.Ca. dall’altro. Sono queste, in estrema sintesi, le richieste di AssoBirra alle istituzioni per il supporto sia alla filiera birraria italiana, sia a un segmento ad essa strettamente legato. Parliamo dell’Ho.Re.Ca., tra i più colpiti dall’emergenza Covid-19 e dal DPCM 24 ottobre 2020 per il contenimento della seconda ondata dell’emergenza pandemica che, di fatto, sancisce il lockdown dei punti di consumo out of home per la “bionda” più amata dagli italiani.

Secondo le indicazioni di IRI Infoscan, prendendo in considerazione i canali Ipermercati, Supermercati e Libero Servizio Piccolo, nel 2019 il mercato delle Bevande, è stato uno dei settori più dinamici del Largo Consumo Confezionato, riportando una crescita più che soddisfacente in termini di valore (+2,2%) e un lieve recupero in volume (+0,3%), rispetto all’anno precedente. Il giro d’affari complessivo in questi canali di vendita vale poco più di 8 miliardi di €.

La Germania rappresenta il più importante produttore di birra in Europa e il quinto più grande produttore al mondo con 94 milioni di hl di birra prodotti nel 2018. Ma, contrariamente a quanto accade nella maggioranza degli altri Paesi Europei dove dominano i grandi gruppi birrai internazionali, il quadro produttivo tedesco si presenta molto più diversificato; i grandi produttori mondiali sono presenti, ma non in posizioni di leadership.