Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

In questo periodo, per cosi dire “particolare” a Canelli c’è chi sorride. La Casa storica Bosca, produttori da quasi 190 anni, è stata premiata al concorso enologico Asia Wine Trophy patrocinato dall’OIV. Lo scorso ottobre a Daejeon infatti 140 giudici, provenienti da tutti i principali paesi importatori dell’Asia, hanno conferito a la Riserva del Nonno il premio “Best Sparkling Wine” e la medaglia “Grand Gold” nella categoria spumanti.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Un prodotto iconico per l’azienda elaborato in quelle anche note come Cattedrali Sotterranee proclamate Patrimonio Mondiale dell’Umanità per l’UNESCO. Il premio è ovviamente è motivo di grande orgoglio per Polina Bosca, CMO di Bosca e di tutto il team dell’azienda. Che ha come obiettivo quello di potenziare la propria presenza nel mercato nostrano, USA e, ovviamente, Asia. “Le nuove generazioni orientali stanno ampliando le occasioni di consumo di alcolici, da un lato premiando la qualità del prodotto e dall’altro prediligendo i sapori dolci. Un trend che si avvicina ai prodotti Bosca” – aggiunge Pia Bosca, CEO di Bosca.

 

Uno spumante che racchiude in se forza, ampiezza, energia e un consumo di questa sua sessa materia restituendo nel bicchiere un sorso che abbatte un barriera di coloro che pensano che non ci si aut racconto oltre il nome. “Riserva” è l’immagine del tempo dell’operatività della cantina, “del Nonno” è probabilmente richiama antiche alchimie e ricette tramandati tra i cantinieri che sono susseguiti in Bosca.

 

 

Le uve per questo Metodo Classico Prodotto arrivano per quanto riguarda il pinot nero dal Monferrato e dall’Oltrepò Pavese mentre per lo chardonnay dalla zona dell’Alta Langa, a Moirano, non distale da Acqui Terme. Dopo 30 mesi sui lieviti ecco questo giallo – zafferano mostrarsi con un’identità al un naso cavernosa, profonda tra pan brioche e mandorle, frutta secca e pesca sciroppata. Un piacevole contrasto arriva al palato con un sferzata di acidità a promuovere tutta la densità materica che abbraccia il palato.  Un sorso inatteso, e che ha suscitato curiosità.

INFO www.bosca.it

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

12 − 3 =