0
Pinterest LinkedIn

Mare, montagna e città d’arte, ma anche enoturismo: il lungo ponte del 2 giugno ha visto protagonista pure Cantine Aperte, la kermesse promossa dal Movimento Turismo Vino che per la prima volta ha messo in campo un programma di due giorni per il weekend e in alcune regioni di quattro, registrando un grande successo di pubblico. Sono stati centinaia di migliaia infatti i winelover e gli amanti della campagna a caccia di relax e enocultura in oltre 730 aziende di tutto il Paese, giovani e famiglie in testa.

cantine-aperte-calici

E se nella maggior parte dello Stivale la manifestazione si è chiusa domenica 31 maggio, in Lombardia, Toscana, Liguria, Calabria e Abruzzo Cantine Aperte prosegue anche oggi fino a sera. Tra iniziative ecosostenibili, proposte all’insegna dell’arte e della musica, sport, solidarietà e esperienze a contatto con la natura, l’appuntamento MTV si conferma l’evento enoturistico più amato del Paese con una grande risposta italiana e una crescente presenza di turisti tedeschi, austriaci, sloveni, giapponesi, americani e inglesi. Un bilancio positivo reso possibile grazie ad una formula vincente che alle degustazioni abbina un’offerta integrata e il fascino unico dei territori vitivinicoli italiani.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Per Daniela Mastroberardino, presidente del Movimento Turismo Vino: “Cantine Aperte e il fenomeno dell’enoturismo in Italia si stanno sempre più affinando: oggi domanda e offerta hanno una maggiore consapevolezza e le stesse attività proposte dalle cantine sono più strutturate. Ciò dimostra che sta nascendo una nuova forma di turismo rurale, più professionale, che risponde proprio a una richiesta più consapevole da parte dei winelover e, allo stesso tempo, permette sempre più alle aziende di sfruttare fonti di reddito diverse e in aggiunta alla mera produzione agricola. Oggi – ha concluso la presidente Mastroberardino – ci sono quindi le basi per fare di questo approccio il simbolo della multifunzionalità in agricoltura, con attività che spaziano da pacchetti turistici a pranzi e cene in compagnia dei produttori, da itinerari culturali a escursioni in bici, fino a mostre fotografiche e esposizioni pittoriche che trasformano le cantine in vere gallerie d’arte”.

IL MOVIMENTO TURISMO DEL VINO

L’Associazione Movimento Turismo del Vino è un ente non profit ed annovera circa 1000 fra le più prestigiose cantine d’Italia, selezionate sulla base di specifici requisiti, primo fra tutti quello della qualità dell’accoglienza enoturistica. Obiettivo dell’associazione è promuovere la cultura del vino attraverso le visite nei luoghi di produzione. Ai turisti del vino il Movimento vuole, da una parte, far conoscere più da vicino l’attività e i prodotti delle cantine aderenti, dall’altra, offrire un esempio di come si può fare impresa nel rispetto delle tradizioni, della salvaguardia dell’ambiente e dell’agricoltura di qualità.

 Per contatto: Ufficio stampa Movimento Turismo del Vino comunicazione@agenziaintercom.it

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

sei + diciotto =