0
Pinterest LinkedIn

Il Consiglio di Amministrazione della Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. – società quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, attiva nella produzione e commercializzazione di latte fresco, derivati e prodotti ultrafreschi – ha approvato oggi i risultati consolidati al 30 settembre 2014. Nel primi nove mesi del 2014, la società ha registrato ricavi netti consolidati pari a 74,6 milioni di Euro, in crescita del 4% rispetto ai 71,6 milioni di Euro registrati al 30/9/2013 grazie alla forza dei propri marchi e alla qualità dei prodotti proposti. 

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso
 
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
A livello di marginalità, nel primi nove mesi del 2014 il margine operativo lordo (EBITDA) si è attestato a 3,3 milioni di Euro rispetto ai 4,1 milioni di Euro al 30/9/2013, il risultato operativo (EBIT) ha registrato una crescita del 22,3% raggiungendo gli 883 mila Euro rispetto ai 722 mila Euro del 30/9/2013 mentre il risultato netto passa dal negativo -400 mila Euro del 30/9/2013 al -53 mila Euro del 30/9/2014. Sull’EBITDA hanno inciso i forti aumenti del prezzo della materia prima latte registrati nei primi sei mesi dell’anno in corso, non assorbiti dalla leggera flessione registrata nel corso del terzo trimestre del 2014. Tuttavia occorre evidenziare che la costante attività di razionalizzazione dei costi che non ha toccato né le attività di marketing né la sicurezza delle società del Gruppo, ha consentito di contenere il calo della redditività che resta in linea con quella del primo semestre dell’anno. Continua a migliorare la posizione finanziaria netta del Gruppo che al 30 settembre 2014 è negativa per 19 milioni di Euro rispetto ai -19,9 milioni di Euro del 31 dicembre 2013 e rispetto ai – 22,9 milioni di Euro registrati al 30 settembre 2013.

 

A livello previsionale, si ritiene che lo stato recessivo e il conseguente calo dei consumi interni proseguirà anche nel quarto trimestre del 2014. Tuttavia il previsto calo nelle quotazioni della materia prima potrà comportare per il Gruppo un recupero della marginalità. Si ricorda che nel mese di agosto Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. ha comunicato di aver acquisito una partecipazione del 50% nella Odilla Chocolat Srl, cioccolateria artigianale guidata dall’imprenditore e maître chocolatier torinese Gabriele Maiolani, nell’ambito di un progetto di graduale sviluppo dell’attività commerciale e di un significativo ampliamento del laboratorio produttivo. Fino ad oggi Odilla ha potuto contare su un punto vendita a Torino. CLT e Odilla (www.odillachocolat.it) condividono analoghi valori legati all’identità e alla tradizione del territorio coniugati con creatività di prodotto ed eccellenza qualitativa. La nuova società è da considerare una start-up il cui statuto ha adottato il sistema di amministrazione ad Amministratore Unico, carica assegnata a Gabriele Maiolani.

 

+info: centralelatte.torino.it/