Pinterest LinkedIn

Il brandy premium ha fatto un ritorno straordinario nel 2021 con vendite in aumento del 31%, sostenute da una crescita sorprendente in Cina e negli Stati Uniti. Le vendite di cognac in Cina, il secondo mercato più grande dello spirito, sono aumentate di uno straordinario 56% lo scorso anno, rispetto a una crescita più modesta dell’8% in Europa.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Le cifre sono un’ulteriore prova che la Cina si sta rapidamente avvicinando al principale mercato di esportazione di Cognac, gli Stati Uniti, che lo scorso anno hanno visto un aumento delle vendite dell’11%. Un totale di 223,2 milioni di bottiglie di Cognac sono state vendute a livello globale nel 2021, con un aumento anno su anno del 16% dei volumi, ha annunciato questa settimana il Bureau National Interprofessionnel du Cognac (BNIC). La notizia segnala un rimbalzo per lo spirito, che ha subito un crollo delle vendite durante i primi giorni della pandemia.

Nel 2020, i marchi leader Hennessy, Rémy Martin, Martell e Courvoisier hanno visto tutti i loro numeri scivolare verso il basso, con il peggior colpo Martell di proprietà di Pernod Ricard, che ha subito un calo del 26,6%. Tuttavia, nel marzo dello scorso anno i produttori hanno accolto con favore la sospensione quinquennale delle tariffe tra l’UE e gli Stati Uniti, che ha revocato il paralizzante dazio del 25% schiaffeggiato su alcuni cognac e brandy. A novembre, Rémy Cointreau, che possiede Rémy Martin Cognac, ha aumentato le sue previsioni di profitto per l’intero anno dopo una prima metà dell’anno migliore del previsto.

 

 

“Questa crescita riflette una vera ripresa del Cognac, nonché nuove abitudini di consumo”, ha affermato BNIC in una nota questa settimana. La crescita fenomenale dello spirito risuona con una previsione fatta l’anno scorso da Spiros Malandrakis, capo della ricerca sulle bevande alcoliche presso Euromonitor International, il quale prevedeva che l’attenzione di Cognac sarebbe stata sulla Cina per migliorare le prestazioni.

“Nel caso del Cognac, si sta concentrando sulla Cina e la Cina è già in una massiccia ripresa, che presto raggiungerà i livelli del 2019 potenzialmente entro la fine di quest’anno o all’inizio del prossimo anno”, ha affermato Malandrakis nel giugno 2021. “La Cina assiste a un rimbalzo molto più forte (rispetto ad altre nazioni) poiché in realtà non ha avuto più blocchi ed è ciò che accadrà in altri paesi una volta che anche loro si riprenderanno”.

Fonte: www.thedrinksbusiness.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Smile-Box Maniva PH8 - Fa bene anche a chi non beve Acqua Minerale Alcalina Maniva

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina