Pinterest LinkedIn

Collis Veneto Wine Group e Cantine Riondo affidano la gestione del budget pr e media relations a Manuela Popolizio, co-fondatrice della smart up di Pubbliche Relazioni Network Pr, con sedi a Verona, Torino, Milano e Bologna.

Un incarico importante che arriva in occasione del rinnovo delle cariche al vertice del gruppo, uno degli esempi italiani più virtuosi di aggregazione di imprese nel mondo vitivinicolo. Manuela Popolizio dovrà comunicare i valori che rendono Collis Veneto Wine Group un saldo punto di riferimento per oltre 2.000 soci per 6.000 ettari vitati tra Verona, Vicenza e Padova, rappresentando oltre il 15% della produzione vitivinicola veneta, oltre a valorizzare la qualità dei vini di Cantine Riondo forte dei numerosi riconoscimenti e il consenso ottenuto con la loro distribuzione in Europa e oltre oceano.

Veronese, una formazione giuridica con Master MBA, già collaboratrice didattica all’Università di Gorizia ed un’esperienza pluriennale in marketing communication e public relations, Manuela Popol è una professionista nel campo delle pubbliche relazioni con expertise nella comunicazione food&wine. dal 2019 ha dato avvio a Network Pr, rete di Pr indipendenti creata con Isella Marzocchi, Laura Mottura e Katia Cilia, professioniste attive nelle pubbliche relazioni tra Milano, Torino, Verona e Bologna.

“Un risultato che premia la scelta di collaborare invece di competere – chiosa Manuela Popolizio, fondatrice del Network e responsabile di Progetto per il Gruppo cooperativo – perché sono le relazioni il valore fondante della nostra professione e dalla condivisione si crea una massa critica che ci rende competitive e, allo stesso tempo, snelle e flessibili. Siamo un intelligent net che lavora in rete per progettare articolati piani di comunicazione, operiamo per creare alleanze e sviluppare un’intelligenza collaborativa volta a favorire consenso”.

Un modus operandi che si sposa con le finalità aggregative e con gli obiettivi di valorizzazione della qualità di Collis Veneto Wine Group e di Cantine Riondo, società con sede a Monteforte d’Alpone.

“Sostenibilità e attenzione alla filiera, investimenti produttivi e massima selezione nelle uve, responsabilità sociale costituiscono gli asset su cui Collis Veneto Wine Group ha costruito il suo modello di business, che vede in Cantine Riondo il braccio operativo con focus sulla valorizzazione e commercializzazione dei vini in Italia e nel resto del mondo. Lavorando insieme svilupperemo strategie di comunicazione che valorizzeranno la loro reputazione d’impresa presso consumatori, operatori e stakeholder”, anticipa Manuela Popolizio.

Collis Veneto Wine Group

Collis Veneto Wine Group è un consorzio vitivinicolo di secondo grado con sede a Monteforte d’Alpone (Verona), è stato fondato nel 2008 dalla Cantina di Colognola ai Colli e dalle Cantine dei Colli Berici di Lonigo. In Veneto annovera 2.000 soci viticoltori su 6.000 ettari vitati tra Verona, Vicenza e Padova per un totale di 130.000 tonnellate di uva prodotta, che costituiscono oltre il 10% della produzione veneta e il 2% di quella nazionale. La produzione annuale si attesta su 1 milione di hl di vino. Con un fatturato 2018/2019 di 84 milioni di euro e un margine operativo lordo (EBITDA) di 5,1 milioni di Euro, ha concretizzato un utile netto di 1,5 milioni di Euro. I conferimenti ai soci ammontano a 62,2 milioni di Euro.

Cantine Riondo Spa è una società controllata al 100% da Collis Veneto Wine Group, con focus sull’imbottigliamento e commercializzazione dei vini a marchio Riondo, Castelforte, Casa Burti, Casa Lunardi, Ceccato, I-Spritz. Il giro d’affari si attesta su 24 milioni di bottiglie, per l’80% vendute in Europa e Nord America, per un fatturato totale di oltre 44 milioni di euro.

INFO: www.collisgroup.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

tre + 19 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina