Pinterest LinkedIn

Coop raggiunge nel 2012 la quota di mercato del 18,5% e supera i 13 miliardi di euro di fatturato. Conferma la sua leadership nella grande distribuzione organizzata del nostro Paese e contestualmente vara un nuovo modello di governance che prevede un solo Consiglio di Amministrazione (sostituendo il sistema duale del 2008 che prevedeva un Consiglio di Sorveglianza e un Consiglio di Gestione). Vincenzo Tassinari lascia la guida di Coop Italia a Marco Pedroni (cfr foto a fianco); Vice Presidente Marcello Balestrero, Direttore Generale Maura Latini. Percorso assembleare varato per l’Associazione Nazionale delle Cooperative di Consumatori (Ancc-Coop), con la costituzione di una Presidenza che include tutte le grandi cooperative, sotto la guida del vicepresidente vicario Enrico Migliavacca.

Databank bevande bibite succhi acque Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Un Bilancio che si chiude positivamente in un anno difficile e un nuovo modello di governance per guardare con rinnovata determinazione alle sfide future. Si chiude così il 2012 di Coop Italia e si apre il 2013. I dati di Bilancio Consuntivo 2012 sono stati presentati ufficialmente durante l’Assemblea annuale di Coop Italia. Coop raggiunge la quota di mercato del 18,5% (+0,1% rispetto al 2011), registra un fatturato di oltre 13 miliardi di euro con 1.470 strutture di vendita e supera i 55.800 addetti. Cresce anche la base sociale arrivando a quota oltre 7 milioni e 900.000 con un trend in aumento del 2,4% rispetto al 2011. Circa 3 miliardi di fatturato si devono al successo crescente dei prodotti a marchio Coop, perfetta sintesi fra convenienza e qualità, che ha raggiunto una quota vicina al 27% (con un incremento delle vendite del 12,6 %). Buoni risultati anche fuori dal core-business centrale in virtù dell’allargamento dell’offerta in quei settori di mercato parzialmente liberalizzati: 111 Coop Salute dove la vendita dei farmaci da banco a prezzi concorrenziali permette alle famiglie italiane un significativo risparmio, mentre Coop Voce, la telefonia mobile a marchio Coop, ha tagliato il traguardo di un milione di attivazioni. Conferme ma anche novità. Nuovo è il modello di governance approvato dall’Assemblea in sostituzione del precedente modello duale varato nel 2008 che prevedeva un Consiglio di Gestione e un Consiglio di Sorveglianza espressione della proprietà, guidato da Ernesto Dalle Rive, Presidente di Nova Coop. Il nuovo modello prevede invece per Coop Italia un solo consiglio di amministrazione alla cui guida è stato eletto all’unanimità Marco Pedroni (attuale Presidente di Coop Consumatori Nordest), Vicepresidente Marcello Balestrero (Presidente del Consorzio Nordovest) e Direttore Generale alla Gestione Maura Latini, in precedenza Vicepresidente di Coop Italia.

Databank torrefatori torrefazioni caffè Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

A Vincenzo Tassinari, che lascia Coop Italia, è andato il ringraziamento e il riconoscimento di tutta l’Assemblea per la sua grande professionalità, unita alla passione e alla dedizione per Coop. Tassinari è stato per 25 anni un manager di punta delle cooperative di consumo e ha svolto un ruolo da protagonista sulla scena economica nazionale. “Dopo 25 anni si chiude per Coop Italia un ciclo e se ne apre un altro – ha detto Vincenzo Tassinari- Ritengo opportuno in considerazione anche del principio di transgenerazionalità lasciare a Marco Pedroni e agli altri dirigenti il compito di guidare un nuovo progetto di cambiamento di Coop Italia nell’interesse di tutte le cooperative associate”. Un ringraziamento doveroso l’Assemblea ha rivolto a Ernesto Dalle Rive che dal 2008 ha svolto con competenza e continuità per conto delle cooperative socie il ruolo di Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Coop Italia. “La fase che si chiude ha consolidato ed esteso il ruolo di Coop nel Paese dando ai consumatori un punto di riferimento importante negli anni più duri della crisi – ha dichiarato Ernesto Dalle Rive – Oggi, anche grazie alla generosità di Tassinari, si apre un nuovo ciclo funzionale alla esigenza della tutela dei diritti dei consumatori e dei soci e alle necessità di rilancio del sistema Paese.” A Marco Pedroni, reggiano, 54 anni, una carriera interna al movimento Coop fino a ricoprire incarichi importanti sia nella cooperativa, che in Finsoe (la società maggiore azionista di Unipol), tocca ora sviluppare la strategia di Coop in un quadro unitario di riferimento. “Ci aspettano sfide importanti per rispondere al meglio alla crisi dei consumi e alle difficoltà di tante famiglie – ha sostenuto Marco Pedroni – La scelta che abbiamo fatto è quella di rafforzare la prospettiva unitaria di Coop; ci accingiamo a progettare insieme soluzioni innovative per Coop Italia e per il mercato distributivo italiano. Varato infine il percorso assembleare per l’Associazione Nazionale delle Cooperative di Consumatori (Ancc-Coop), sotto la guida del vicepresidente vicario Enrico Migliavacca; verrà costituita una Presidenza con la presenza di tutte le grandi cooperative e avviato un progetto di ridefinizione di Ancc-Coop coordinato e parallelo rispetto a quello di Coop Italia.

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

due + diciassette =