Pinterest LinkedIn

Il “canned wine” si sta rivelando un non più trascurabile trend di consumo in diversi mercati. Al vino in lattina sono dedicate la prima pagina e diversi servizi consultabili a questo indirizzo.

 

 

Nell’inchiesta di Giulio Somma e Fabio Ciarla sono analizzate da vicino le esperienze produttive italiane ed anche le procedure tecniche da seguire per confezionare correttamente il prodotto. Pareri diversi (e a volte contrastanti) quelli offerti al settimanale di UIV: da Luigi Moio (ordinario di enologia all’Università di Napoli e presidente dell’Organizzazione internazionale della vigna e del vino) a Sandro Sartor (presidente Ruffinio), dal consulente d’impresa Gian Paolo Gavioli al master of wine Gabriele Gorelli.

 

 

Lattina promossa per i vini comuni ma non per quelli di territorio dove la bottiglia rimane “insostituibile”; necessità di rispondere (anche da parte dei produttori italiani) ad una richiesta del mercato ma attenzione alla qualità e alle regole; il settore del vino in lattina è ancora “giovane” ma anche quando si arriverà alla maturità difficilmente potrà abbracciare la fascia premium.

Secondo alcuni la lattina è oggi, per definizione, il nuovo packaging del vino ma in realtà – si legge in un articolo di Francesca Ciancio – questo fenomeno oggi in procinto di esplodere in una nuova stagione positiva è cominciato già una quarantina di anni fa. Facilità di consumo e approccio “leggero” sono le chiavi vincenti di un packaging apprezzato dalle nuove generazioni e capace di spuntare marginalità importanti: le nuove opportunità all’orizzonte nei racconti di Alberto Giacobazzi (Donelli Vini), Francesca Sgarzi (Cantine Sgarzi Luigi), Alberto Buratto (Zai Urban Winery) e Paolo Carpineti (Snaab).

 

 

Infine, un approfondimento tecnico – a cura di Rossella Contato – tra molteplici vantaggi (sostenibilità dei materiali e del processo di produzione, protezione dalla luce) e rischi non meno importati. Raccolte le voci scientifiche di Sara Limbo e Antonio Tirelli (Università di Milano), Giuseppina Squiteri (Stazione sperimentale per l’Industria delle Conserve alimentari), Davide Tescaro (Enartis) ed Enrico Dogliani (Gai Macchine Imbottigliatrici).

+info: corrierevinicolo.unioneitalianavini.it/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Nino Negri Vigna Francia - Valtellina Superiore - Vite di Roccia - Segui su Instagram

Scrivi un commento

quattro × 5 =