Pinterest LinkedIn

Il mercato del vino italiano sembra tornare a correre, dopo un anno e mezzo di grande sofferenza. Lo dicono il sentiment delle enoteche italiane, registrato da WineNews, i dati sull’export del primo trimestre 2021 che raccontano di un recupero rispetto allo stesso periodo 2020, ma lo dicono anche i dati sugli imbottigliamenti e sulle fascette di stato che WineNews ha  raccolto tra i Consorzi di alcune delle denominazioni più importanti d’Italia.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

L’imbottigliato complessivo delle 13 denominazioni tutelate dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, registra un incremento del 5% nei primi 5 mesi 2021 (sullo stesso periodo del 2020), l numero più alto degli ultimi quattro anni,  Le cose vanno bene anche nelle Langhe, dove il complesso degli imbottigliamenti, fino a maggio, è cresciuto del +19,7%, con punte del +27% per il Barolo, del +28% per il Barbaresco e del 26% per il Langhe Nebbiolo.

Vola anche la Valpolicella, che, nel complesso, fa +18%, negli imbottigliamenti, rispetto al pari periodo dello scorso anno (e +14% sul 2019). Con il picco del +38% per l’Amarone, il dato migliore da un decennio, sottolinea il Consorzio Vini Valpolicella. Tra i grandi rossi, continua a volare il Brunello di Montalcino: le fascette di stato consegnate ai produttori sono a +49% nei primi 5 mesi 2021 rispetto al 2020 (ma anche alla media degli ultimi tre anni, con un picco del +91% maggio su maggio).

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Bene anche il Chianti Classico, con il Consorzio che registra il +31%, in termini di fascette consegnate. Situazione positiva anche per la denominazione più grande della Toscana, il Chianti, che ha registrato una crescita delle vendite del +9% (dato riferito ai primi 4 mesi del 2021 sul 2020, ndr).Positivo anche il trend di Bolgheri, i cui imbottigliamenti, segnala il Consorzio sono in crescita del +2,2%. Tra le grandi denominazioni italiane a trazione rossista, è positivo anche il bilancio della Doc Sicilia, che, , vede una crescita degli imbottigliamenti del +6%. Una crescita in linea con quella nei numeri del Consorzio Vini Alto Adige, guidato da Andreas Kofler, che parlano di imbottigliamenti in crescita del +6,4%.

 

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

 

Ma arrivano dati positivi anche da alcune delle più importanti denominazioni prettamente bianchiste d’Italia: nel Soave gli imbottigliamenti, nei primi 5 mesi 2021, sono cresciuti del +12%, , mentre quelli del Verdicchio dei Castelli di Jesi, segnano il +7%. Molto bene anche il Collio, perla bianchista del Friuli-Venezia Giulia, che chiude i primi 5 mesi 2021 con imbottigliamenti in crescita del +15%, ed il Lugana, che dichiara un aumento dell’imbottigliamento del +18,8% (nei primi 4 mesi del 2021 sul 2020).

Sul fronte delle bollicine, corre la locomotiva Prosecco. Le fascette del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, segnano il +5,2%, mentre quelle del Prosecco Doc, registrano una crescita superiore intorno al +18%, anche grazie al successo della nuova tipologia rosè. Mentre tra i grandi Metodo Classico, spicca il +48% nelle vendite (nei primi 4 mesi)

Fonte: www.winenews.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia - The Art of Perfection - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

14 − 1 =