Pinterest LinkedIn

Nonostante il calo del mercato della birra in Germania, le vendite del gruppo Krombacher si sono riconfermate intorno ai 6,4 mio hl, di cui 5,7 nel settore birre e 0,7 nel settore bevande analcoliche (Schweppes) . I volumi esportati sono però diminuiti del 3,6%, portandosi a 156.000 hl. Il fatturato totale, nello stesso periodo, è cresciuto del 5,6 %, portandosi a 642,5 milioni di euro. Krombacher è ora diventato partner ufficiale della Lega calcio tedesca

AnnuarioBirra

ANDAMENTO VENDITE IN GENERALE

Il mercato birraio tedesco anche per il 2008 ha accusato una, seppur lieve, caduta dei consumi . In questo contesto negativo il gruppo Krombacher è riuscito a mantenere quasi gli stessi volumi di vendita dello scorso anno nel settore birraio, pari a 5,7 milioni/ hl. Nella prima parte dell’anno la birreria ha dovuto ritoccare al rialzo i prezzi a causa di un aumento delle materie prime e dei costi energetici. A valore le vendite del settore birraio sono cresciute a 572 milioni. L’andamento delle vendite è stato più positivo nella prima metà dell’anno, mentre nelle seconda parte è stato accusato un certo calo di vendite a causa della crisi dei consumi. Il gruppo opera adesso anche nel settore bevande analcoliche tramite i marchi Schweppes acquisiti (per il mercato tedesco) nel corso del 2006. In questo settore le vendite sono andate un po’ meglio con una crescita sia sul piano dei volumi ( da 696 a 720 mila hl) che sul piano dei valori (da 66,6 mio/euro a 70,5 mio/euro). Nel complesso il fatturato del gruppo si è portato a 642,5 mio/euro con una crescita del 5,6% rispetto al 2007.

ANDAMENTO VENDITE BIRRE PER MARCHE

Il gruppo opera nel settore birrario con:
-I marchi della famiglia Krombacher: la Pils (prodotto bandiera), la leight, l’analcolica, la radler e la weizen
-altri marchi, comprendenti la bier-mix CAB e diversi marchi della controllata Rolinck GmbH & Co. KG in Steinfurt (Eichener, Rhenania Alt, Vitamalz)

tabella_krombacher

Le vendite delle birre a marchio Krombacher sono diminuite a volume del 2,5% , portandosi a 5,283 mio/hl., mentre a valore sono cresciute del 3.9% (portandosi a 556 mio/euro). La Krombacher pils, prodotto di punta del gruppo, resta sempre la pilsner più venduta in Germania, anche se nel 2008 sono stati persi 199.000 ettolitri (da 4,575 a 4,774 mio /hl). Il prodotto ha risentito della crisi generale dei consumi, dell’aumento di prezzo e della minore frequentazione del canale gastronomia (horeca). a causa dell’introduzione del divieto di fumo. Si ricorda che ad inizio 2009 il marchio Krombacher è diventato partner ufficiale della Lega calcio tedesca

Ha perso volumi anche la Krombacher leight (-2,7%), mentre la radler è cresciuta dell’8,6% ed ha ormai conquistato una quota superiore al 17% nel segmento di appartenenza. In forte crescita anche l’analcolica (+7,6%) e soprattutto la weizen, lanciata da poco, ma che si è già portata a 152.000 hl. La bier mix CAB è invece in regresso (da 191.000 a 166.000 hl). Gli altri prodotti, grazie anche al completamento dell’integrazione della birreria Rolinck di Steinfurt, hanno fatto un balzo in avanti, portandosi a 225.000 hl contro 99.000 del 2007.

EXPORT

Dopo molti anni di crescita , nel 2008 l’export Krombacher è calato di volume portandosi da 162.000 a 156.000 hl, con una diminuzione del 3.7%. Le vendite hanno subito l’impatto della crisi finanziaria, anche in considerazione del posizionamento premium del marchio Krombacher. Il mercato italiano resta il principale mercato di esportazione, seguito da Spagna e Russia.

+ info: www.krombacher.de/presseservice/presse_artikel.php?id=186

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

5 − due =