Tag

Krombacher

Browsing

Il 24 ottobre, a Palazzo Brancaccio, Roma, nell’ambito della presentazione della Guida Ristoranti 2023 di GAMBERO ROSSO, di fronte ad un parterre di giornalisti, operatori del settore e personaggi del mondo enogastronomico, Davide Grossi, Country Director di Krombacher Italia, ha consegnato il prestigioso Premio Krombacher “No Food Waste” alla Locanda Radici di Melizzano, suggestivo borgo di origini medievali in provincia di Benevento, con la seguente motivazione: “Evitare lo spreco in cucina è ormai un tema imprescindibile. La sostenibilità di un ristorante non è solo una questione etica, è anche una questione economica. Imparare a usare ogni parte di un prodotto può, inoltre, aprire nuove frontiere del gusto.”

Nel 2021, secondo anno della pandemia, il Gruppo Krombacher ha chiuso con una produzione totale di 7,335 milioni di ettolitri per tutti i marchi (-0,9%). Il marchio ombrello Krombacher ha subito leggere perdite nel confronto anno su anno e si è attestato a 5,590 milioni di hl (-2,3%), stabile rispetto al settore. La produzione della famiglia di bibite analcoliche è invece cresciuta di circa il 5% a 1.453 milioni di ettolitri.

La Germania rappresenta il più importante produttore di birra in Europa e il quinto più grande produttore al mondo con 94 milioni di hl di birra prodotti nel 2018. Ma, contrariamente a quanto accade nella maggioranza degli altri Paesi Europei dove dominano i grandi gruppi birrai internazionali, il quadro produttivo tedesco si presenta molto più diversificato; i grandi produttori mondiali sono presenti, ma non in posizioni di leadership.

La qualità è una promessa che conquista la fiducia, è sinonimo di affidabilità e valore del prodotto. Ma quali marchi rappresentano la massima qualità dal punto di vista del consumatore? DEUTSCHLAND TEST ha chiesto ai clienti la loro valutazione. I vincitori sono stati annunciati nell’ultima edizione della rivista tedesca FOCUS (20/18). Krombacher ha ricevuto valutazioni eccezionali per diverse marche del gruppo.

La Krombacher Pils continua a essere la marca di birra più apprezzata della Germania. Lo conferma nuovamente il netto risultato dell’attuale indagine di “best for planning (b4p) 2017”. Con oltre 30.000 colloqui individuali l’indagine mostra un chiaro quadro del mercato. I consumatori hanno scelto: sia a casa sia negli esercizi gastronomici la birra preferita è la Kombacher.

Quali sono le marche che  i consumatori valutano di più per la loro qualità? Le risposte sono contenute nel recente studio di TEST DEUTSCHLAND, condotto in collaborazione con la società di consulenza ServiceValue con sede a Colonia. Krombacher ha raggiunto il punteggio massimo nelle categorie “Pils” e ” Mixed Beer Drinks” (mix birre e bevande analcoliche)  ed è stato quindi classificato come il numero uno dei marchi di qualità in Germania.

Fondata nel 1803, Krombacher è il più grande marchio di birra in Germania e pone grande enfasi sull’arte della fabbricazione della birra, la qualità dei suoi ingredienti e la purezza delle sue acque. Krombacher è un’azienda a conduzione familiare.  Il compito per la London Advertising è comunicare efficacemente queste virtù sui diversi mercati in Europa, Nord America, Sud America e Asia in cui opera il marchio tedesco.

La birreria tedesca chiude positivamente l’esercizio 2012 con r 657,9 mil. di euro di fatturato (contro € 649,8 mil. Del 2011) ed un volume di produzione di birra .pari a 6,5 m.ni di hl, in crescita di 88.000 hl rispetto al 2011. Il marchio principale Krombacher ha registrato nel 2012 un incremento del 2%, portando la produzione a 5,405 mi.ni. di ettolitri (anno precedente: 5,309 mil. hl). Il fatturato del marchio principale Krombacher si attesta su 554,5 mil. di euro, con un incremento dell’1,6% (9,0 mil. di euro).

Positivi i risultati 2010 del gruppo tedesco Krombacher, operativo sia sul mercato delle birre che su quello dei soft drink. Le birre Krombacher hanno aumentato i volumi del 1,5% portandosi a 5,296 milioni di ettolitri (anno precedente: 5.22 milioni di ettolitri), mentre il marchio Schweppes è cresciuto del 4,3% portandosi a 780 mila ettolitri (anno precedente = 748 mila hl). Questa crescita organica è vista in casa Krombacher come prova della forza di questi marchi. La produzione totale del gruppo Krombacher è stata per il 2010 pari a 6,4 milioni di ettolitri, con un incremento dell’ 0,8% rispetto al 2009.

Nonostante la stagnazione dei mercati di riferimento in Germania, la produzione bevande del gruppo Krombacher è incrementata nel 2007 del 5,8%, portandosi a 6,4 milioni di hl, di cui 5,7 birre e 0,7 bevande analcoliche. I volumi esportati sono cresciuti di oltre il 6% portandosi a oltre 184 mila hl, di cui circa il 50% in Italia. Il fatturato totale, nello stesso periodo, è cresciuto del 6,1%, portandosi a 608,5 milioni di Euro.

Il nuovo gruppo francese Orangina, nato nel 2006 a seguito della cessione a fondi privati della divisione beverage europea della Cadbury Schweppes, parte ora all’attacco dei mercati europei dell’Est. Il primo colpo messo a segno nel giugno scorso è stato l’acquisizione di Rosinka, uno dei principali produttori di bevande analcoliche sul mercato ucraino, che si presenta in forte espansione di volumi. Rosinka impiega 600 persone ed ha un giro d’affari di 46 milioni di dollari. Il prezzo d’acquisto della società ucraina non è stato comunicato.

La Krombacher Brauerei è già il quinto anno consecutivo che continua a segnare risultati record. La produzione birraria è cresciuta del 2,7% portandosi a 5,708 milioni di Hl. Il fatturato è cresciuto del 2,8% portandosi a 540,3 milioni di Euro. Se si considerano anche le vendite delle bibite Schweppes in Germania, acquisite nel corso del 2006, il fatturato complessivo del gruppo supera i 573 milioni di euro. La Krombacher Pils ha rafforzato la sua posizione quale marca di birra tedesca più venduta in Germania. Le esportazioni di birra sono passate a circa 174.000 ettolitri ed in quest’ambito l’Italia si è consolidato come principale mercato di esportazione.