Pinterest LinkedIn

La ristorazione italiana in questo periodo post-pandemico affronta importanti sfide economiche e di incertezza. La crisi delle risorse, come l’aumento dei costi delle materie prime e la difficoltà di trovare staff, sta spingendo gli imprenditori più virtuosi a ripensare il proprio lavoro e ad adattarsi al cambiamento.

 

 

Questo momento, dunque, rappresenta una grande opportunità per le aziende per cambiare mentalità e abitudini, migliorando le condizioni di lavoro, valorizzando i collaboratori e offrendo opportunità di lavoro più attraenti. Dall’altro lato, nel settore vi è un alto tasso di turnover, rendendo difficile trovare candidati con esperienza e competenze specifiche.

Qui entra in gioco Restworld, startup che si inserisce in questo contesto proprio come punto di incontro tra i “due mondi”: il suo obiettivo è quello di offrire lavori nella ristorazione di alta qualità a professionisti qualificati del settore Horeca, con l’obiettivo di migliorare le condizioni lavorative generali.

Lo scenario attuale nel settore Horeca

Il panorama della ristorazione italiana è caratterizzato da un elevato numero di opportunità lavorative, con oltre 300.000 attività sparse sul territorio nazionale.

La domanda di professionisti qualificati, dunque, è in costante aumento: esiste, però, un divario tra offerta e la richiesta di staff, in quanto il numero di aziende supera la disponibilità di lavoratori interessati. Questa situazione è ulteriormente peggiorata dalla presenza di aziende che offrono condizioni di lavoro sconvenienti, che non valorizzano il talento e generano una reputazione negativa per l’intero settore.

Restworld e la ricerca di staff nel settore Horeca

Restworld si propone, dunque, di risolvere la problematica sopra citata mettendo in contatto i migliori professionisti con opportunità di lavoro di qualità, valorizzando il talento e migliorando l’immagine dell’industria della ristorazione nel complesso. Si presenta come una soluzione innovativa per affrontare uno dei maggiori ostacoli nel settore Horeca: la carenza di staff qualificato, mettendo in contatto chi offre lavoro con chi invece lo cerca.

La startup ha una community di 70.000 lavoratori e collabora con circa 800 aziende nel settore Horeca. Attraverso il coinvolgimento di esperti provenienti da diversi settori (in ambito ristorazione, finanza, HR, vendite e marketing), Restworld mira a posizionarsi come punto di riferimento per gli attori Horeca, per fornire una piattaforma che porti a un match tra domanda e offerta reale.

Rimani aggiornato sul mondo del Beverage! Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Rimani aggiornato sul mondo del Beverage! Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter

La responsabilità sociale e l’etica sono, infine, valori fondamentali per Restworld, che non si pone solo come player per la ricerca di lavoro, ma vuole contribuire attivamente a un cambiamento culturale nel mercato del lavoro. Restworld, dunque, si impegna a promuovere una ristorazione di alta qualità, sostenibile e basata sul rispetto reciproco.

Solo attraverso una trasformazione profonda e un impegno collettivo di questo tipo è possibile migliorare le condizioni lavorative del settore: azioni concrete come queste riescono a promuovere una cultura di alta valorizzazione del talento, che può sia inserire nel mercato del lavoro sia chi è alla ricerca di lavoro oggi, ma può attrarre nuovi talenti appassionato un domani.

 

+ info: www.restworld.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

venti − dodici =