0
Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Viviamo in un’epoca di forte destagionalizzazione, in cui alcuni prodotti storicamente legati a determinati momenti di consumo, improvvisamente vengono riscoperti come protagonisti dell’anno intero. Un caso emblematico pare essere quello del vino rosè, amatissimo in Francia e da sempre sinonimo di Primavera ed estate.

Una tradizione che però sembra meno rigida di quel che si pensava, almeno a vedere i risultati di una recente indagine condotta da Opinion Way per conto di Maîtres Vignerons de Saint-Tropez.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Il 74% degli intervistati infatti ha dichiarato di consumare rosé anche in inverno. Questa quota aumenta fino all’83% se si considerano solo i consumatori dai 18 ai 49 anni.

 

 

Una piccola rivoluzione nel percepito, che però ha la più facile delle risposte: Il 46% degli intervistati ha risposto che beve il rosé in questo periodo dell’anno per il gusto. Un’ottima ragione per continuare a farlo!

 

+info: www.vignerons-saint-tropez.com

© Riproduzione riservata

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

1 × cinque =