Autore

Federico Bellanca

Browsing
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…
Federico Bellanca su Facebook Federico Bellanca su Instagram


Rullo di tamburi…il pregiato e pluripremiato formaggio “Capra Tonka & Vermouth” di Perenzin Latteria di San Pietro di Feletto (TV) torna sul podio per ricevere il premio SUPERGOLD al World Cheese Awards 2022! Questa eccellente Limited Edition, inizialmente creata per il Natale 2020, sbaragliando ogni giuria continua ad aggiudicarsi un premio dopo l’altro. Dopo il suo primo concorso al Trofeo San Lucio 2021, dove è stato premiato come formaggio “Migliore tra i migliori”, è…

Juniperi Milano presenta G GIN, un gin distillato botanico, prodotto simbolo della tradizione distillatoria italiana e frutto dell’esperienza di una distilleria artigianale di gin tutta “Made in Italy”. Disponibile nel formato da 70 cl e sarà distribuito nei migliori cocktail bar e grand hotel della Penisola e in alcuni locali selezionati in Europa.

Chi ha detto che il Whisky non è adatto ai mesi caldi? la concezione del distillato come “da meditazione” davanti al camino è ormai superata, e già ci si prepara ad apprezzarlo sulle spiagge e nelle terrazze delle città. Perfetto per questo scopo è il cocktail proposto da Scallywag, uno dei brand di punta di Douglas Laing & Co, distribuito in Italia da Rinaldi 1957. Questo  blend creato con un mix di single malt…

Dopo il successo della prima edizione in dicembre 2021, Venice Cocktail Week torna a Venezia con nuove date per il 2022. La seconda edizione della manifestazione si svolgerà infatti l’ultima settimana di settembre, dal 26 al 02 ottobre 2022, per un’intensa settimana di incontri ed eventi patrocinata dalla Città di Venezia, in collaborazione con Vela. Da 26 cocktail bar iniziali, quest’anno la lista dei partecipanti a Venice Cocktail Week cresce di numero, tra Bar…

Da The World’s 50 Best Restaurants a World Travel Awards, tutte le classifiche internazionali sembrano puntare nella stessa direzione: la cucina del futuro è quella peruviana. Il paese infatti è stato eletto per ben otto anni di fila (fino al 2019, nel 2020 il record è stato interrotto proprio dall’Italia) come “World’s Leading Culinary Destination” ed è riuscito in questo scopo grazie ad un mix di materie prime eccezionali, tecniche fusion e soprattutto grandi…

Quando a Luglio fu annunciato l’arrivo di Paolo Lavezzini alla guida dei fornelli del Palagio presso Four Seasons Firenze, è  possibile che erroneamente appassionati e clienti si siano fatti trarre in inganno dalla narrazione di uno chef “dal cuore italiano e dall’anima brasiliana”  e non è da escludere che alcuni abbiano addiruttura temuto che, data la lunga carriera estera, avrebbe potuto arrivare in città per stravolgere con arroganza l’idea della cucina nostrana. In effetti…

Il giro d’Italia in 45 bar. Potrebbe essere questo uno dei numerosi sottotitoli da attribuire alla prossima Florence Cocktail Week, che vedrà arrivare nel capoluogo toscano tantissimi bartender di prima fascia della scena nazionale. Elencarli non è cosa da poco, ma ci abbiamo provato, in modo di poter scegliere al meglio come e quando venire in città per godersi qualcosa di unico:

Tra le opere più celebri di Plutarco spiccano quella serie di doppie biografie note come “vite parallele”, in cui per ventidue volte personaggi storici antecedenti alla sua epoca vengono appaiati, e le loro vite paragonate, cercando i corsi ed i ricorsi nei pregi e nei difetti dei grandi della storia.

Se siete tra quelli che pensano che la perfezione risieda nei dettagli, preparatevi ad impazzire ammirando la sezione del menù di [cà-ri-co] dedicata a “Sottoaceti e Fermentati”. Il Cocktail- Bistrot nato a inizio 2020 in Via Savona nella design district  milanese dalla volontà di Domenico “Dom” Carella e Lorenzo Ferraboschi, trascende infatti dai canoni classici che parlano di una cucina e  un bancone capaci di “convivere”, portandoli piuttosto a “coesistere” in un ecosistema primordiale…

Momento di sinergie sulla piazza fiorentina. Le ripartenze sono occasione per raccontarsi in contesti diversi dal solito, che siano i dehor dei locali oppure che siano postazioni completamente diverse dal solito. Può dunque capitare che due delle nuove aperture più belle ed interessanti dello sfortunato 2020 organizzino una serata insieme dal sapore interessante ed esotico.

Il Villaggio della Salute Più, tra Castel San Pietro Terme e Monterenzio (BO), è un immenso anfiteatro che ospita una natura variegata tra colline e boschi, laghi e pianori, coltivazioni biologiche e sorgenti termali: una biodiversità percepibile che rende il Villaggio una realtà unica. L’Unione Europea ha riconosciuto questo territorio come SIC – Sito di Interesse Comunitario IT4050011 per la sua naturalità, mentre la certificazione ambientale UNI ISO 140001 testimonia la conservazione dell’ambiente e…

Si è già molto parlato della nuova pizzeria-cocktail bar fiorentino di prossima apertura,  che mira ad essere la novità gastronomica della stagione: Largo9 mantiene l’attenzione all’alta qualità nell’offerta della pizza – non a caso è stato chiamato come executive il “Tre Spicchi” del Gambero Rosso, Gabriele Dani, che ha costruito il suo successo a Cecina con Disapore Caffè e Pizzeria Gourmet – ma ad essa affianca un occhio di riguardo al bere miscelato, creando una sinergia ancora per molti versi inedita in una realtà come Firenze. Ciò è stato possibile grazie all’arrivo di Veronica Costantino, che si era già fatta apprezzare dietro il bancone di Gunè in San Frediano.