Pinterest LinkedIn

È forse la Chimay più conosciuta e amata dal pubblico italiano, la Chimay Rossa. Tanto che il birrificio Trappista belga ha deciso di renderla disponibile anche in fusto tramite il distributore Interbrau, con il nome di Chimay Rouge. Esistono birre che nell’immaginario collettivo riescono da sole a rappresentare uno stile o, addirittura, un’intera nazione. Se chiedessimo di pensare a una Dubbel Trappista o anche semplicemente ad una birra belga, sarebbero in molti a rispondere Chimay tappo rosso, detta anche Première nella versione da 75 cl.

La rossa prodotta dall’Abbazia di Notre-Dame de Scourmont è una tra le più apprezzate anche dagli appassionati birrofili, grazie al profumo fruttato che si sposa perfettamente con un corpo quasi setoso e con un tocco di amaro a completarne il finale. Anche il colore, un rosso per l’appunto con sfumature rame, è un grado di conquistare l’attenzione una volta che la birra riempie il calice. Come quella bottiglia, anche la Chimay Rouge alla spina avrà 7% vol. alc., sarà rifermentata in fusto da 20 litri, ed ovviamente non filtrata e non pastorizzata come da ricetta originale Trappista di Chimay.

Così apprezzata, dicevamo, che Chimay ha deciso di rendere disponibile questa straordinaria birra (la prima prodotta dai monaci trappisti già nel lontano 1862) anche in fusto, rispondendo alla richiesta dei molti fan italiani. La Chimay Rouge, questo il nome ufficiale, farà parte del catalogo delle “Birre di Primavera” di Interbrau, leader nella distribuzione di birre speciali in Italia, per entrare successivamente in pianta stabile nell’offerta del distributore italiano. Un’altra ottima notizia per gli amanti delle birre Trappiste, che avranno ulteriori occasioni per godere della magia che le specialità di Chimay sanno trasmettere ad ogni sorso.

+Info: www.interbrau.itwww.chimay.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Scrivi un commento

sedici − 10 =