0
Pinterest LinkedIn

Tra gennaio e aprile di quest’anno le esportazioni italiane di vini e mosti si sono attestate a 6,42 milioni di ettolitri, un dato che porta in positivo la variazione sullo stesso periodo del 2013 (+1%). In termini monetari prosegue la tendenza alla crescita (+3%), seppure a ritmi decisamente più contenuti rispetto agli anni scorsi. Lo rivela l’Ismea, evidenziando andamenti diversi tra i vari segmenti. In particolare lo sfuso arretra sia in quantità (-4%) che negli introiti (-18%), mentre i confezionati segnano una crescita del 2% (+4% in valore).

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Sulla battuta d’arresto degli sfusi pesa la concorrenza spagnola che sta avendo forti ripercussioni anche sui prezzi dei vini italiani, in forte calo. A livello di singoli mercati, l’analisi Ismea indica una leggera crescita dell’export in Usa (+1% i volumi) e un aumento più deciso in Regno Unito (+3%), a fronte di riduzioni in Germania (-4%) e Canada (-7%). Corrono le esportazioni di vini tricolore in Francia (+13%), Austria (+10%) e nei Paesi scandinavi; si osserva inoltre una ripartenza sia in Cina che nel mercato russo. Riguardo alle importazioni, in questi primi quattro mesi dell’anno è emersa, il relazione ai volumi, una contrazione complessiva del 17% su base annua (-20% in termini monetari). E’ boom per i vini australiani, in forte ascesa sul mercato italiano: il paese dal sedicesimo posto si è portato quest’anno in quinta posizione.

 

+info: www.ismea.it

caffepagato.com - Il tuo bar a portata di App - Ancora non sei affiliato?

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

9 − 2 =