Pinterest LinkedIn

I consumi alimentari delle famiglie italiane mantengono un trend negativo anche nella prima metà di quest’anno. E’ quanto emerge dai dati Panel Famiglie ISMEA-GfK/Eurisko che indicano, rispetto al primo semestre 2013, una flessione degli acquisti domestici dell’1,5% in quantità e dell’1,2% in valore. Rispetto a quanto osservato nel 2013 si accentua la flessione nel reparto dei lattiero-caseari (-5,0% i volumi d’acquisto), con riduzioni soprattutto per latte e formaggi freschi, e in quello dell’ortofrutta (-1,6%), nonostante la generale riduzione dei prezzi.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Al contrario, dopo lo scivolone dell’anno scorso, si stabilizzano i consumi di carni, grazie all’aumento del pollame e al lieve recupero dei tagli di bovino. Cambia la direzione per le uova e i prodotti ittici: le prime segnano una pesante battuta d’arresto (-2,9%), dopo la crescita sostenuta del 2013, mentre gli acquisti di pesci, crostacei e molluschi (freschi, surgelati e lavorati) crescono, sempre con riferimento ai volumi, dell’1,0%.Inverte la marcia anche l’olio extra vergine di oliva che, dopo un biennio negativo, risale la china con un più 2,3% e una spesa lievitata del 3,6%. Tra i derivati dei cereali, non emergono variazioni su base annua per gli acquisti domestici di pasta, mentre avanzano del 4% i biscotti e i prodotti per la prima colazione, in un semestre positivo inoltre per i dolciumi (+2,6%), segmento che comprende le merendine e la pasticceria industriale.

Va segnalata la ripresa dei consumi di olio extravergine di oliva confezionato, che dopo aver chiuso il 2013 con un -7,8% in quantità ed un -5,6% in valore, nei primi sei mesi del 2014 cresce in volume (+2,3%) e in valore (+3,6%). In calo anche i consumi (spesa -0,8% e volumi -2,1%) di bevande, a causa essenzialmente dalla voce delle bevande analcoliche e dalle gassate; cala la spesa destinata dalle famiglie ai succhi di frutta, a fronte di una crescita degli acquisti; situazione opposta per le acque minerali. In controtendenza il segmento delle bevande alcoliche (amari e birre) che segna volumi e spesa in crescita.

Infine, inversioni di tendenza rispetto a quanto registrato a chiusura del 2013 anche per la spesa indirizzata dalle famiglie ai vini: dopo un 2013 positivo (+3,6%), il primo semestre del 2014 risulta per lo più stabile (-0,1%). Tale battuta di arresto è stata determinata da una flessione dei prezzi all’origine dei vini, in particolare IGT e comuni, avviatasi circa sei mesi fa e i cui effetti nella fase al dettaglio iniziano ad intravedersi adesso. I volumi risultano ancora in caduta (-2,9%), ma in modo più attenuato rispetto allo scorso anno (-6,1% nel 2013 su base annua). In generale, conclude l’Ismea, rispetto alla dinamica del 2013 si rileva un rallentamento della flessione della spesa alimentare: il meno 1,2% del semestre in esame si confronta infatti con un calo del 3,1% dell’anno scorso, seguito a un biennio già fortemente negativo.

Per accedere al rapporto completo di Ismea: www.ismeaservizi.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4278

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tredici + uno =