Redazione Beverfood.com
| Categoria Notizie Caffè - Tè - Bevande Calde e Coloniali, Distillati, Liquori | 2450 letture

Kombucha Bar: a Bolzano Mattia Baroni inaugura un nuovo trend

Trend Kombucha Bar Mattia Castel Flavon Flavon Mixology Mattia Baroni Tendenze Bolzano Kombucha Castel Baroni

Mattia Baroni Castel Trend Mattia Baroni Flavon Kombucha Bar Bolzano Kombucha Tendenze Mixology Castel Flavon

Partirà una kombucha mania anche in Italia? Ancora questo non lo sappiamo, ma l’apertura a Bolzano il 1 dicembre del primo Kombucha Bar d’Italia può rappresentare un trend interessante in materia di beverage. Il fenomeno dei Kombucha Bar sta assumendo dimensioni globali, con il passaggio della bevanda fermentata probiotica a base di tè dalle vetrine dei negozi di prodotti salutistici ai banconi di caffè hipster. Una realtà in costante ascesa, partita dalla Cina che sta conquistando Stati Uniti e mondo anglosassone.

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

Considerata un efficace sostituto dell’alcol, ecco spiegato il perché dell’uso frequente l’uso in mixologia, la produzione di kombucha fresca (raw kombucha) sta uscendo dalla sua nicchia di cultori conquistando spazi nel mercato dei giovani consumatori di birra artigianale e vini naturali anche nei classici pub e caffè di tendenza. Ma non è inusuale pure l’utilizzo in cucine gourmet per le sue qualità aromatiche e l’acidità naturale è spesso consumata dai cuochi stessi. In Italia l’ambasciatore della kombucha è Mattia Baroni, giovane chef d’avanguardia originario di Limone sul Garda, che ha inaugurato il primo Kombcha Bar all’interno del ristorante Castel Flavon di Bolzano.Noi lo autoproduciamo da molti anni con la brigata di cucina come remineralizzante ed energizzante” – racconta Mattia Baroni- anche perché i cuochi hanno spesso abitudini alimentari scorrette e a causa del lavoro devono mangiare in modo irregolare a orari sbagliati consumando poche vitamine e verdure. La kombucha è un ottimo integratore alimentare naturale, così abbiamo pensato di proporlo anche ai nostri clienti al posto delle solite bevande alcoliche o zuccherine, riscuotendo molto interesse”.

Dopo aver lanciato EatAlive, un menù realizzato partendo dalle tecniche di fermentazione antica che esalta digeribilità e integrità dei cibi conservandone gusto e sapore, Baroni punta ora nella sfida del bere “sano”, proponendo all’interno della carta dei vini del ristorante una selezione di bevande a base di kombucha studiate in abbinamento alle sue creazioni. Una proposta alternativa targata VIVO nella lounge Skybar di Castel Flavon, accomodati sulla spettacolare terrazza che, dalla storica dimora arroccata su uno sperone di roccia, domina il capoluogo altoatesino e tutta la valle dell’Adige fin quasi a Merano. Il Kombucha Bar di Bolzano ha inaugurato con una kombucha speciale natalizia a base di cannella, mela e zucca, servita in bottiglia, dove avviene naturalmente la carbonatura. Al bancone presente anche la kombucha dei due soli altri produttori italiani che la realizzano fresca, senza sistemi di conservazione che ne eliminano le proprietà probiotiche.

Mattia Baroni

Ma che cos’è la kombucha? Le prime notizie relative a questa bevanda risalgono alla dinastia cinese Qin (intorno al 250 a.C.). I cinesi la chiamavano “elisir della salute immortale”, in virtù dei suoi benefici effetti sulla digestione e sulle funzioni vitali. In seguito il kombucha si diffuse in Russia e nell’Europa dell’Est, verso la fine del Medioevo, quando il tè per la prima volta diventò un prodotto alla portata di tutti. La preparazione della kombucha è relativamente semplice. Il tè (verde, nero o un mix di entrambi) o altre infusioni tanniche, zucchero e acqua filtrata sono sigillati con un tappetino di cellulosa dall’aspetto viscoso chiamato Scoby, che è una coltura simbiotica di batteri e lievito. Si fa galleggiare questo biofilm sulla miscela e si lascia fermentare dai 7 ai 30 giorni, a seconda delle condizioni atmosferiche e delle preferenze personali. Il gusto della kombucha può essere personalizzato aggiungendo frutta e spezie.

INFO: Castel Flavon, Via Castel Flavon, 48, Bolzano. Tel 0471 402130. www.haselburg.it

 

 

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Trend Bolzano Flavon Kombucha Bar Baroni Kombucha Mattia Mattia Baroni Castel Flavon Castel Mixology Tendenze


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

ARTICOLI COLLEGATI:

Daiquiri Day: a Milano si celebra il grande classico

Daiquiri Day: a Milano si celebra il grande classico

18/07/2019 - Fu inventato da due gentiluomini alla fine di una lunga giornata di lavoro; elevato a mito da una delle menti più dotate e sofferte della storia, un artista del vocabolar...

Nuova Schweppes Spicy Ginger Beer: stesso ginger, sapore più strong

Nuova Schweppes Spicy Ginger Beer: stesso ginger, sapore più strong

18/07/2019 - Schweppes, brand icona in tutto il mondo per la sua tradizione di successo, punto di riferimento nel mondo della mixology, propone una novità in linea con le ultime e ten...

Nuova GuidaOnline Bibite&Succhi 2019: download gratuito dal portale Beverfood.com

Nuova GuidaOnline Bibite&Succhi 2019: download gratuito dal portale Beverfood.com

15/07/2019 - Beverfood.com Edizioni presenta la nuova GUIDAONLINE BIBITE & SUCCHI EDIZIONE 2019, un vademecum completo e dettagliato dedicato a tutte le bevande analcoliche (esclu...

Non solo nightlife: la mixology di Fabbri secondo Bruno Vanzan

Non solo nightlife: la mixology di Fabbri secondo Bruno Vanzan

11/07/2019 - Non esiste “il” momento giusto per gustare un buon cocktail. O meglio, non ne esiste uno solo. Perché l’arte della mixology, se intrapresa con estro artistico e ingredien...

A scuola di classici: il Cocktail Lab di The Spirit Milano

A scuola di classici: il Cocktail Lab di The Spirit Milano

11/07/2019 - Miscelazione vuol dire gusto, tecnica, troppe volte moda. Ma significa cultura e studio, con la enorme mole di informazioni e storie che ogni cocktail contiene, frutto di...

Fabio Elettrico Re del mondo: il suo “Bitter Amaranto” trionfa all’International Spirits Award 2019

Fabio Elettrico Re del mondo: il suo “Bitter Amaranto” trionfa all’International Spirits Award 2019

10/07/2019 - Il miglior bitter al mondo parla toscano. Nella recente edizione dell'International Spirits Award 2019 ha trionfato "Bitter Amaranto", fiore all'occhiello dell'ormai cele...

Mixology sulla cresta, i brand si adattano ai nuovi trend

Mixology sulla cresta, i brand si adattano ai nuovi trend

09/07/2019 - Che si tratti di un happy hour dopo lavoro, una partita da vedere e soffrire, il compleanno di un amico o un giorno qualsiasi, bere un cocktail è da sempre un veicolo per...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

17 + 11 =