Pinterest LinkedIn

Acqua Panna, icona di eccellenza in tutto il mondo, promuove un percorso culinario alla scoperta dell’equilibrio attraverso la migliore cucina d’autore d’Italia. Giunta alla seconda edizione, “L’Equilibrio in un piatto” è l’iniziativa che coinvolge alcuni tra i più talentuosi chef sul territorio, chiamati a interpretare in un piatto la propria idea di equilibrio. Il risultato sono creazioni inedite che prendono ispirazione da Acqua Panna come ambasciatrice di equilibrio, grazie alle sue caratteristiche organolettiche uniche che le conferiscono un perfetto equilibrio di minerali e il suo pH 7,9.

Carlo Cracco di Cracco in Galleria a Milano (1 stella Michelin), Antony Genovese di Il Pagliaccio a Roma (2 stelle Michelin), Giuliana Germinasi, del Capriccio a Manerba del Garda (1 stella Michelin), Maicol Izzo del Piazzetta Milù a Castellammare di Stabia (2 stelle Michelin) e Claudio Mengoni di Borgo San Jacopo a Firenze (1 stella Michelin) sono i cinque protagonisti della rassegna che attraverserà l’Italia in un viaggio gastronomico d’eccellenza. L’obiettivo? La creazione di un piatto capace di riflettere la propria idea di equilibrio, un elemento fondamentale in gastronomia, che rispecchia appieno l’esperienza e la personalità di ogni chef. I piatti ideati per il progetto “L’Equilibrio in un piatto saranno disponibili nei menu alla carta dei cinque ristoranti, dove potranno essere assaporati e scoperti fino a fine stagione.

Le tappe del viaggio di Acqua Panna nel fine dining italiano prevedono la presentazione delle creazioni ideate dagli chef nelle seguenti date:

  • Lunedì 15 aprile: Piazzetta Milù – 2**, Castellammare di Stabia (NA), con lo chef Maicol Izzo
  • Martedì 23 aprile: Il pagliaccio – 2**, Roma, con lo chef Antony Genovese
  • Mercoledì 8 maggio: Borgo San Jacopo – 1*, Firenze, con lo chef Claudio Mengoni
  • Giovedì 16 maggio: Il Capriccio – 1*, Manerba del Garda (BS), con la chef Giuliana Germinasi
  • Martedì 21 maggio: Cracco in Galleria – 1*, Milano, con lo chef Carlo Cracco

Al Piazzetta Milù, lo chef Maicol Izzo apre il ciclo di cene dedicate all’equilibrio con “Pasta, Fave e pancetta“, un piatto che reinventa un classico primaverile solido trasformandolo in una varietà di consistenze liquide. L’esperienza regala un equilibrio unico tra differenti consistenze da assaporare in vari modi e tempi, facendo uso di tutti i sensi. Il tutto da gustare in una tazzina, come un cappuccino.

Lo chef Anthony Genovese, chef dalle radici calabresi, riflette l’essenza dell’equilibrio nella sua cucina, dove la creatività degli abbinamenti si unisce al profondo rispetto per la materia prima di alta qualità. Il suo piatto “Astice, pompelmo e tapioca” è un’esemplificazione perfetta di questo concetto. Gli elementi sono selezionati con cura per la forte identità culinaria, che al tempo stesso, una volta combinati, si fondono in un’unica armonia rivelando un equilibrio sorprendente ma impeccabilmente bilanciato.

Lo chef Claudio Mengoni offrirà invece un’ode al perfetto equilibrio in un trionfo non solo per il palato, ma anche per gli occhi: un piatto che celebra l’armonia tra la freschezza del crudo e la delicatezza del cotto. Il suo “Cotto e crudo di verdure con coulis alle erbe e sorbetto di melograno” è un mosaico di ingredienti attentamente selezionati dove le verdure crude, croccanti e vivaci, rappresentano la quintessenza della natura incontaminata, mentre le verdure cotte, morbide e succulente, incarnano la sapienza dell’arte culinaria.

Un’altra manifestazione di armonia si rivela nella creazione della chef Giulia Germinasi: “Triglia alla gardesana, pil pil alla lavanda e mentuccia”. Per la chef, il concetto di equilibrio nasce da una scelta consapevole dell’utilizzo della materia prima che lega il suo territorio con il mare. I sapori si armonizzano completamente in un modo nuovo e sofisticato poiché si abbinano a tonalità più intense e diverse fra loro. Un intreccio di gusti che nella loro differenza si completano ed esaltano.

Infine, chiude il ciclo L’Equilibrio in un Piatto lo chef Carlo Cracco con il suo “Pane al latte, sambuco e magiostre”: un’idea contadina di pane e marmellata dove il pane viene incorniciato all’interno di un impasto bianco, appena zuccherato e arricchito dai fiori di sambuco. Un equilibrio di consistenze, temperature e sentori latticini che vuole riempire il palato con un’annunciata e fasulla opulenza che in bocca si trasforma in una nota golosa ma rinfrescante giocando sulla coccola palatale e ravvivandosi con la nota accesa della fragola.

Queste creazioni culinarie condividono gli stessi tratti distintivi di Acqua Panna: un gusto unico e un equilibrio perfetto. Come Acqua Panna, le cui caratteristiche hanno origine dal percorso che l’acqua compie nel sottosuolo toscano, un viaggio lungo 14 anni che le dona un pH 7,9, le proposte gastronomiche celebrano l’equilibrio inteso come armonia tra corpo e mente, da coltivare in ogni momento della vita quotidiana. Attorno a questo concetto, il brand sviluppa iniziative e progetti pensati per sottolineare l’importanza di ricercare il benessere nella vita di tutti i giorni, a cominciare proprio dalla corretta idratazione.

 

+info: www.acquapanna.com

Scheda e news:
Sanpellegrino S.p.A. Nestlé Waters Italia (Sede Centrale)

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Acquitalia 2023-24 Acque Minerali Acquista

Scrivi un commento

due + 12 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina