Pinterest LinkedIn

Secondo il white paper pubblicato da iriworldwide.it il 9 gennaio scorso, il settore beverage in Italia nel canale della moderna distribuzione (iper + super + LSP) ha accusato un calo complessivo dei volumi, in un contesto di difficoltà generale dei consumi e per di più in presenza di una evoluzione climatica negativa. Si sono salvati solo i volumi dell’Acqua Minerale (+1.3%) e degli Champagne e Spumanti (+4.0%), mentre tutte le altre categorie del beverage segnano trend negativi a volume.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

Mercato-Birra_InfoscanLa Birra, particolarmente coinvolta dall’inasprimento fiscale e molto sensibile alle variazione di temperature, ha avuto una performance leggermente negativa sul piano dei volumi(-0.2%), ma con un significativo aumento dei valori. Il mercato della Birra, in termini di Vendite in Valore, cresce di più delle altre categorie del reparto del Beverage (+2.6% a totale Italia – Iper+Super+LSP). La dinamica espressa dai segmenti suggerisce una progressiva polarizzazione dei comportamenti di consumo.

Da un lato, per le birre caratterizzate da un consumo “quotidiano”, l’acquirente rafforza l’orientamento alla convenienza, aumentando la scelta di prodotti in promozione, facendo trading down da referenze più costose a quelle più economiche, senza tuttavia rinunciare alla qualità. Ne consegue una miglior tenuta per il segmento Standard (-1,2% in volume), che attrae acquisti dalle Premium (-3,4% a volume), senza sostanzialmente cedere il passo ai prodotti più economici: le birre Saving infatti arretrano del 7,0% a volume.

Scarica gratis la Guidaonline Birre & Birre 2019 Beverfood.com con schede di tutte oltre 2000 marche di birra

Dall’altro lato, a fronte di una lenta ma progressiva costruzione di una cultura per la birra strutturata, si conferma la crescita del segmento delle “speciali” (+12,9% a volume): gran parte delle aziende continuano ad investire in questo segmento allargando l’offerta dedicata ad una fetta di consumatori più raffinati a cui piace sperimentare nuove tipologie e varianti. Proprio nelle Birre Speciali si concentra l’ampliamento dell’assortimento nei punti vendita: delle circa 110 referenze di Birra presenti mediamente a scaffale, ben 43 sono birre speciali, in crescita di 6 punti rispetto al 2013.

Il 2014 è stato anche l’anno che ha visto una vera e propria esplosione delle Birre Aromatizzate che hanno più che raddoppiato i fatturati sviluppati nel 2013: dopo Beck’s Green Lemon e Dreher Lemon, sono entrati sul segmento nuovi attori come Moretti Radler, Peroni Chill Lemon e altre che hanno assicurato una crescita ed una prospettiva molto interessante del segmento. Le analcoliche e le light, che in realtà non sono mai decollate sul mercato italiano, subiscono nel 2014 un ultriore ridimensionamento ed ora rappresentano appena l’1% si a volume che a valore.

+info: www.iriworldwide.it/portals/0/articlePdfs/White%20paper%20Birra%202015.pdf january 9, 2015 by Francesca Fumagalli Ceri

IRI

IRI è leader mondiale nella fornitura di informazioni sui mercati del Largo Consumo e sullo shopper, nelle analisi predittive e nella generazione di insight strumentali alla presa di decisioni. IRI è in grado di supportare la crescita dei suoi Clienti individuando l’impatto che i diversi fattori competitivi e di mercato possono avere sulle performance di aziende di largo consumo e distribuzione. IRI Contribuisce al successo del vostro futuro: IRIworldwide.it Via dei Missaglia 97, 20142 Milano, T +39 02 52579 1 Piazza S. Anastasia, 7, 00186 Roma, T +39 06 5195961

 

news def iri logo Iri_Coffitalia15

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

otto + venti =