Pinterest LinkedIn

All’assemblea annuale, AssoDistil delinea lo scenario economico di uno dei settori più rappresentativi del Made in Italy. Che ora guarda sempre più all’estero, pur mantenendo il legame col territorio. Un mondo in evoluzione, dove l’export va assumendo il ruolo di “nuova frontiera” per i distillatori italiani. Lo ha rilevato AssoDistil, l’Associazione degli Industriali di settore, in occasione della consueta assemblea annuale a Roma. La crescente importanza delle esportazioni si contrappone al calo di produzione e di consumi che l’Associazione ha registrato sui mercati (-10% nel 2011). La riduzione dei volumi prodotti nel 2011 si deve alla vendemmia dello scorso anno, tra le più scarse degli ultimi decenni, con la conseguente diminuzione del vino e dei sottoprodotti da distillare. “Il mondo è cambiato, soprattutto negli ultimi anni – ha spiegato Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil – e oggi l’industria dei distillati deve confrontarsi con un sistema globale aggressivo, che non perdona chi stenta ad adeguarsi”.

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

In particolare, il comparto degli alcoli e acquaviti di origine vinica ha registrato una forte riduzione, mentre aumenta, come in tutta Europa, l’alcol da cereali. Per l’Italia, non è una novità, da alcuni anni la prima voce di produzione deriva dal cereale, seguita dagli alcoli di origine vitivinicola. Nel complesso, nel 2011 in Italia sono stati prodotti 833.00 ettanidri di alcol, -16% sul 2010 e 192.800 ettanidri di acquaviti, il 16% in meno rispetto all’anno precedente. L’acquavite di vino, segmento nel quale l’Italia è leader europeo insieme alla Spagna, si conferma quindi la prima voce in termini di export e volume, anche se in calo di circa il 30% rispetto al 2010. In controtendenza, invece, le acquaviti di frutta (+67%). Anche la grappa mostra i segni del cambiamento: nonostante la riduzione dei volumi (-11%) rispetto all’anno precedente e la sua forte relazione con il territorio d’origine, il distillato simbolo del Made in Italy è ormai entrato nel “salotto buono” dell’agroalimentare e della ristorazione, consolidando la sua fama di prodotto raffinato per consumatori colti ed esigenti. I dati dell’export fanno registrare una performance eccellente: nel 2011 le esportazioni di grappa in bottiglia sono aumentate del 18%, mentre il prodotto sfuso è cresciuto del 37% rispetto allo scorso anno.Tra i mercati più interessanti, si segnalano Stati Uniti, Brasile, Cina e, in minor misura, la Russia.

Databank excel xls grossisti

Dal punto di vista strutturale, i dati AssoDistil descrivono un comparto caratterizzato da una forte concentrazione: sul piano della produzione il 10% delle aziende, quelle comprese nella fascia produttiva più alta, detiene il 64% della quota di produzione. E sono le prime dieci aziende per volumi di vendita a vantare oltre il 60% delle quote di mercato. La grande maggioranza delle imprese, sono micro e piccole realtà che, al di là dei ridotti di produzione al di sotto dei 1000 ettanidri, rappresentano la storia e l’emblema di questo settore. All’Unione Europea, dopo la vicenda delle pratiche illegali in Francia per la produzione di acquavite, che ha colpito pesantemente i distillatori italiani, AssoDistil chiede di continuare a vigilare. “E’ fondamentale che la UE garantisca regole uguali per tutti”, ha dichiarato il presidente Emaldi. E a proposito di Europa, è positivo il commento sulle indicazioni finora emerse in merito all’OCM vino. “E’ importante che la distillazione dei sottoprodotti della vinificazione sia stata mantenuta nell’ambito dei Piani Nazionali di Sostegno, secondo le modalità ora in vigore, e cioè con un aiuto per la produzione di alcol destinato ad usi industriali”.

+info: assodistil.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

diciannove − tre =