Pinterest LinkedIn

Ti sei mai chiesto quanto caffè si beve al giorno? Per conteggiarlo non è evidentemente sufficiente moltiplicare il numero di caffè che hai l’abitudine di bere per il numero di persone che abitano il Pianeta, considerato che in molti Paesi il consumo di questa bevanda è molto più raro, e che in altri luoghi è invece piuttosto assiduo.

 

 

Tuttavia, sebbene le stime statistiche in merito siano molto complesse, i numeri sono comunque molto rilevanti: il consumo globale si aggira infatti tra i 270 e i 500 milioni di tazze al giorno ma che non mettono a repentaglio la quantità di caffè a disposizione. Se tutti gli abitanti del mondo bevessero una sola tazza di caffè al giorno, mantenendo così contenuta la dose giornaliera di caffeina, ci vorrebbero circa 573 anni per finire l’intera scorta! E anche se la popolazione mondiale è di soli 7,6 miliardi di persone, ciò significa che quasi un terzo della popolazione mondiale beve caffè ogni giorno.

Ma che cosa significa per il pianeta tutto questo bere caffè? C’è il rischio di un impatto ambientale fortemente negativo?

Molto dipende naturalmente dalla provenienza di ciascuna tazza di caffè. Per esempio, il caffè istantaneo è in genere piuttosto dannoso per l’ambiente perché utilizza molta acqua e sostanze chimiche per la sua produzione. Ma il caffè preparato tradizionalmente non è così dannoso: la maggior parte dei danni deriva infatti dal processo di produzione (che utilizza molta energia). In generale, quindi, anche se la quantità di caffè consumata varia molto a seconda della provenienza, la maggior parte delle tazze finisce comunque con l’avere un impatto ambientale non trascurabile.

 

 

Ad ogni modo, è bene ragionare in termini predittivi, considerato che il Pianeta sta bevendo più caffè. Secondo l’Organizzazione Internazionale del Caffè, infatti, oggi il consumo globale di caffè ha raggiunto i 231,7 milioni di chilogrammi, con un ritmo di crescita di quasi il 5% anno su anno, per il quinto anno consecutivo di crescita.

Diversi fattori stanno contribuendo a questa tendenza. La crescita nei Paesi in via di sviluppo è trainata dall’aumento della popolazione della classe media e dalla crescente domanda di prodotti di caffè di qualità. Nei Paesi sviluppati, l’aumento della popolarità dei prodotti di caffè di qualità superiore e i cambiamenti nello stile di vita stanno determinando l’aumento del consumo di caffè.

Insomma, così come i primi grandi fruitori di caffè furono gli appartenenti alla classe operaia dell’800, che avevano bisogno di una bevanda che potesse dare loro il giusto impulso e la necessaria energia per lavorare meglio, oggi sempre più persone bevono caffè proprio perché da esso riescono a ottenere un senso di energia e di benessere. Inoltre, i benefici del caffè per la salute ed il costo accessibile a tutti, lo hanno reso sempre più popolare tra i consumatori.

 

 

Ciò premesso, in generale si prevede che il mercato globale del caffè crescerà a un tasso del 5-6% per i prossimi anni, con un impatto significativo sull’industria alimentare e sulle economie di vari Paesi del mondo.

 

 

Clicca qui per maggiori informazioni sul calcolo della caffeina

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Joybrau - Birra Analcolica Proteica per gli sportivi - 7g e 15g proteine + 3g BCAA

Scrivi un commento

7 − tre =