Pinterest LinkedIn

Sebbene la Cina rimanga un mercato chiave per gli alcolici internazionali di fascia alta, in particolare il Cognac, la leadership del mercato del lusso potrebbe presto essere minacciata dagli Stati Uniti, dove gli alcolici di agave hanno ottenuto forti guadagni. Una proposta di divieto di alcol per i dipendenti pubblici cinesi e i funzionari del PCC ridurrebbe ulteriormente le prospettive del mercato cinese degli alcolici di lusso. I mercati chiave degli alcolici di status più piccoli includono Giappone, Taiwan, Regno Unito, Russia e Francia, che sono tutti cresciuti di valore anche nel 2021.

I risultati fanno parte dello Status Spirits Strategic Study 2022 dell’IWSR, che analizza le prestazioni delle categorie di status spirit nei mercati chiave di tutto il mondo.

Baijiu mantiene una quota di valore dell’84% dominante sul mercato globale degli alcolici, ma il consumo rimane quasi completamente confinato alla Cina. In generale, il mercato globale degli alcolici di stato internazionale è cresciuto del 35% in termini di valore durante il 2021, secondo i dati IWSR, lasciandolo in vantaggio dell’8% rispetto al 2019 pre-pandemia. Il valore è cresciuto a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) di +9 % tra il 2016 e il 2021.

“È probabile che i problemi economici della Cina limitino la crescita degli spirits nei prossimi cinque anni e la sua posizione di leader potrebbe essere minacciata dagli Stati Uniti. Se il presunto divieto di alcol per i membri del PCC e i dipendenti pubblici andrà avanti, anche questo limiterà la crescita della categoria”, afferma Shirley Zhu, Direttore della ricerca Greater China, IWSR.

La crescita dovrebbe continuare nei prossimi anni, alimentata dal rimbalzo del canale travel retail e dai trend positivi in ​​mercati come quello statunitense, dove gli alcolici di agave già rappresentano oltre il 40% delle vendite di alcolici in termini di valore, rendendoli la più grande categoria singola.

“Il ciclo di maturazione molto più breve degli spiriti di agave consente un aumento più rapido della produzione e la relativa giovinezza della categoria rende tutto molto più facile per i nuovi entranti”, osserva Adam Rogers, Research Director North America, IWSR.

“La crescita degli alcolici di lusso negli Stati Uniti dovrebbe essere più assicurata che in Cina, poiché il mercato è più diversificato e c’è meno oscillazione per gli acquisti all’estero”, aggiunge Rogers.

 

 

I guadagni sono anche guidati da una scena di aste sempre più vivace, in cui le vendite sono in aumento grazie alla maggiore attenzione da parte delle case d’asta e dei proprietari di marchi che le trattano direttamente come una via principale per il mercato.

Tuttavia, mentre le prospettive generali per gli spirits sono rosee, le attuali tensioni macroeconomiche, in particolare l’aumento dell’inflazione che fa salire i tassi di interesse, stanno creando una certa incertezza nel mercato.

“Sebbene ci siano indubbiamente venti contrari, tra cui la crisi del costo della vita, le restrizioni Covid-19 in corso in alcuni luoghi e la guerra in Ucraina, gli alcolici premium si sono dimostrati resistenti” assicura Thorsten Hartmann, Head of Custom Analytics, IWSR.

“I fondamentali per la crescita futura sono solidi: aumento della ricchezza; un focus sugli alcolici come investimento da parte di consumatori, rivenditori e proprietari di marchi; nuovo pubblico in arrivo online; e coinvolgimento digitale”.

Fonte: www.theiwsr.com/the-luxury-spirits-market-key-growth-drivers/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo No. 3 London Dry Gin - Food is the Key - importato e distribuito da Pallini

Scrivi un commento

quattordici − undici =