Pinterest LinkedIn

Anche il buon espresso italiano deve fare i conti con scadenti “imitazioni”, in Italia e soprattutto all’estero. Ecco perché è nato un Consorzio il cui specifico obiettivo è tutelare l’espresso italiano tradizionale, cercando di ottenere l’autorevole riconoscimento di bene immateriale dell’Unesco. E quale occasione migliore per presentare questo progetto se non nella fiera settoriale dedicata non al caffè in generale ma proprio all’espresso? Il tema è stato al centro di uno dei dibattiti a TriestEspresso Expo.

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

“Se il caffè turco è stato riconosciuto patrimonio dell’Unesco, perché non può esserlo anche l’espresso? Da qui è iniziato ormai quasi un anno fa l’iter che il 15 settembre di quest’anno ha portato alla costituzione del “Consorzio di tutela dell’espresso tradizionale italiano” – ha spiegato l’ideatore dell’iniziativa,Giorgio Caballini di Sassoferrato (cfr foto in occhiello) , presidente Dersut Caffè e Gruppo Triveneto Torrefattori Caffè – . Un percorso non facile, anche per la complessità che impone la procedura amministrativa di quest’organismo internazionale, ma in cui crediamo fermamente”.Il Consorzio è stato fondato da 16 importanti marchi di settore, prevalentemente torrefattori ma anche produttori di macchine da caffè e macindosatori e nel Consiglio Direttivo di stamani sono stati accolti 5 nuovi membri, due associazioni di settore e tre imprese, ma ulteriori numerose manifestazioni d’interesse sono state raccolte in queste giornate di fiera. Un sodalizio destinato crescere ulteriormente.

 “Quello che vorremmo ottenere dall’Unesco è l’approvazione di un capitolato a cui stiamo lavorando, ovvero di poche ma chiare regole che chiariscano cosa può essere definito espresso italiano tradizionale – conclude Caballini -. Il compito di questo Consorzio dovrebbe essere infatti proprio quello di vigilare sul rispetto di queste regole. Un approccio diverso da quello di altre realtà come la dieta mediterranea o il caffè turco, che ottenuto il riconoscimento Unesco non hanno proseguito nell’azione di tutela”.È stato proprio questo aspetto, quello delle regole da fissare, ad animare il dibattito a conclusione dell’incontro: è stata sottolineata l’importanza della macinatura all’istante e di definire la qualità dei crudi e si è discusso sulla necessità di indicare una percentuale minima di arabica. Tutte tematiche che verranno approfondite nella prossima Assemblea dei soci del Consorzio.

Più info: www.triestespresso.it Aries – Ufficio Stampa e Comunicazione ufficio.stampa@ariestrieste.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Luksusowa Vodka - When Life Gives You Potatoes - importata e distribuita da Pallini SpA

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

quattordici + uno =