Pinterest LinkedIn

La Brasserie de Silly nasce proprio come “fattoria-birreria”. Le sue origini risalgono al 1850 e per quasi un secolo le attività quotidiane si dividono tra l’agricoltura e la produzione di birra. Nel 1947 i proprietari, la famiglia Mynbrughen, decidono di dedicarsi esclusivamente alla produzione birraria e da quell’anno si può dire che inizia l’avventura moderna del birrificio che, ancora oggi, resta indipendente e a conduzione familiare.

Silly-Sour_Animata

La Silly Sour Ale è da un lato una birra fedele alle tradizioni belghe che hanno sempre avuto birre sour nella loro storia, dall’altro, una birra insolita per un palato, diciamo così, tradizionalista. Si tratta di un blend ben riuscito tra una Saison scura, per il 13%, e una “soured ale”, per il restante 87%. Per “soured ale” si deve intendere una birra nel cui mosto sono inoculati particolari lieviti, nello specifico Lactobacilli, che donano alla birra stessa sensazioni leggermente acidule, agrodolci, lattiche. Queste sensazioni si ammorbidiscono, integrandosi, con la componente Saison che, grazie ai malti scuri impiegati, contribuisce invece con note più dolci di caramello, malto e miele.

SCHEDA PRODOTTO

Tipologia birra: SOUR
Gradazione alcolica: 5,5 %
Colore: Ambrato
Gusto: Delicate note di malto fanno da contrasto con l’acidità della mela verde, lasciando spazio a un finale asciutto e pulito
Temperatura di servizio: 7 – 8° C
Shelf life: 24 mesi
Formati: 33 cl

Abbinamenti gastronomici: Ideale per un aperitivo e facile da abbinare con semplici scaglie di Parmigiano Reggiano stagionato o con salumi “morbidi” come la Spalla Cotta di San Secondo o il marchigiano Ciauscolo. Ottimo anche con l’arrosto di maiale, pancetta al forno e coppa, sempre di maiale, fatta alla griglia.

 

+info: www.dibevit.com/it/scheda-prodotto.php?id=287

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Torna sulle tavole Coralba, l’acqua di S. Damiano Macra dal design nuovo e dalla grande personalità

Scrivi un commento

tredici − tre =