Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

L’emergenza Coronavirus ha segnato una nuova, indelebile, era nel mondo della ristorazione, col delivery a farla da padrone assoluto. Un nuovo modo di assaporare, nella sicurezza delle mura di casa propria, un ricco piatto di pasta, una pizza appena sfornata o – perché no? – anche un buon “Gin Tonic”.

Proprio in questi giorni si è inserito, infatti, nel contesto dei cocktail da asporto il progetto “The Gin Way”: una selezione, mese per mese, di un gin premium italiano, letteralmente impacchettato insieme alle rispettive toniche, le garnish e le decorazioni, con l’aggiunta di snack e gadget, e spedito direttamente a casa del consumatore in una box a sorpresa. Questo servizio, nato da un’idea di Alessio Maccione e sviluppato poi coi suoi due amici storici, nonché grandi appassionati di gin, Cesare ZavattaroSabrina Sinigaglia, è stato pensato come mezzo di collegamento tra il lavoro di tanti produttori di livello (si pensi che in Italia esistono oltre 500 etichette di gin!) e i gin lovers desiderosi di provare qualcosa di inaspettato, fruibile in abbonamento mensile, bimestrale o trimestrale (a 49 euro, con spese di spedizione gratuite). Il contenuto, ovviamente, lo si scopre solamente all’arrivo del pacco!

Aessio Maccione, Sabrina Sinigaglia e Cesare Zavattaro di The Gin Way
Alessio Maccione, Sabrina Sinigaglia e Cesare Zavattaro di “The Gin Way”

Per un primo bilancio su “The Gin Way”, Beverfood.com ha intervistato così proprio i tre giovani imprenditori bresciani (tutti nati negli ’80), facendosi raccontare il riscontro ottenuto finora dalla loro interessante iniziativa sia tra i produttori che tra i consumatori: “Il riscontro è stato fin da subito ben oltre le nostre aspettative – ci spiegano entusiasti Alessio, Cesare e Sabrina -. L’idea è piaciuta tantissimo e le persone continuano a darci feedback estremamente positivi. E questa è sicuramente una gran cosa, ma all’inizio non eravamo preparati… Basti pensare che per la seconda e terza box, quelle dopo il lancio per intenderci, abbiamo dovuto fare un riordino in extremis, visto che eravamo rimasti senza materiale da spedire. Adesso stiamo preparando la Box #04 che partirà il 6 agosto: speriamo di aver imparato la lezione! (ridono, ndr)”.

I clienti crescono ogni mese, lo dicono i numeri delle vostre vendite: stanno aumentando parallelamente anche i fornitori?
“Sì, il bilancio anche qui è molto positivo. In tantissimi ci chiedono di essere inseriti e quelli che fanno già parte del progetto sono entusiasti di come abbiamo lavorato e del riscontro che hanno avuto. Noi, come obiettivo, cerchiamo di aiutare a invertire il paradigma: dopo che una persona ha assaggiato il loro gin, o le toniche o gli snack che inseriamo, sarà quella stessa persona a chiedere infatti al proprio barista di fiducia se ha nella sua bottigliera quello specifico gin. Se riusciamo a fare questo, significa che abbiamo svolto un ottimo servizio per i nostri produttori!”.

Qual è stata la box più apprezzata finora?
“È come chiedere a un genitore qual è il figlio preferito: tutte! Sicuramente la più emozionante per noi è stata però quella con il Gin Piero. Gianpiero, il produttore, è stato il primo a darci fiducia, sono stati i primi unboxing della nostra community ed è stato il concretizzarsi della nostra idea”.

Per toccare infine con mano il vostro progetto, ci illustrate tutti i contenuti della box di luglio?
“I contenuti della Box #03 di luglio erano i seguenti: una bottiglia di Caprisius Gin, quattro bottiglie di Alpex Drinks Supreme Tonic Water, una confezione di frollini al pomodoro secco e origano Mastro Sapore, uno stampo a sfere per il ghiaccio di The Bars, un gel igienizzante mani al ginepro e, come sempre, la nostra brochure che parla del gin del mese insieme a due ricette studiate dalla nostra bartender Romina Roncadori”.
The Gin Way - Box n.3 Caprisius Gin, Alpex Supreme Tonic Water
“The Gin Way” – Box #03 con Caprisius Gin e Alpex Drinks Supreme Tonic Water

In Italia esistevano già servizi di discovery retail impostati sul modello a cui si è ispirato “The Gin Way”, ma quello creato dai tre soci lombardi è il primo dedicato al mondo degli spirits e, in particolare, al gin. Perché aspettare, dunque? Clicca qui per la tua ordinazione e per tutte le info dettagliate sul progetto!

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)