Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

“Semplicemente magico”. Come potrebbe esistere, altrimenti, un gin di colore blu? Questa è la favola di “Noon Distilled Gin”, gin emiliano contraddistinto da una pigmentazione a dir poco insolita… Quella azzurra del “Butterfly Pea Tea”.

Secco e con evidenti note floreali, “Noon Distilled Gin” è nato da una grande passione, da un mix di studi ed esperienza tra chimica farmaceutica e bartending, ma soprattutto da anni e anni di ricerca da parte del barman-imprenditore Walter Pirotti. È proprio da lui, così, che Beverfood.com si è fatto raccontare la storia di questo gin magico… per definizione: “Noon Distilled Gin nasce dalla ricerca del bere bene e da una conoscenza profonda del mondo gin affinata nel corso di tanti anni. La sua storia è iniziata quando, dieci anni fa, ho aperto una delle prime Ginerie pure in Italia, dove ho avuto la possibilità di testare e capire i differenti livelli di qualità distillativa, oltre che l’utilizzo avanzato di botanicals adeguati. La mia Gineria di Modena è diventata così un hub in cui sperimentare LA ricetta no gender del gin: un gin capace di andare incontro alle esigenze e alle preferenze di ogni tipologia di bevitore, dal gusto secco ma mai amaro”, esordisce ai nostri microfoni.

“Il secondo step, una volta messa a punto la formula magica, è stato trovare una distilleria che fosse in grado di esaltare il potenziale di tale alchimia: dopo numerose ricerche e prove distillative tra Italia e Regno Unito, alla fine ho scelto Londra come luogo di nascita del mio Noon Distilled Gin. Questo percorso si può riassumere quindi essenzialmente in tre concetti: passione per il buono, conoscenza del gin, estrema perizia distillativa”, prosegue Walter Pirotti.

Oggi il mondo del gin vive un periodo di ascesa senza limiti e confini: cos’ha di speciale il tuo “Noon Distilled Gin” rispetto agli altri numerosi gin sul mercato?
“La particolarità che rende Noon Distilled Gin unico nel panorama dei gin nazionali e internazionali è la combinazione di due fattori: la distillazione con metodo London Dry a colonna verticale in acciaio, che attribuisce al gin la qualità e il sapore di tradizione britannica, e l’infusione finale di un antico botanical orientale, il Butterfly Pea Tea, che offre una caratteristica colorazione blu-viola al distillato e ne trasforma il colore in rosa al contatto con la tonica. Già altri gin utilizzavano questa botanica magica, fermandosi però alla mera parte scenica, senza ivi comprendere la qualità alcolica ed equilibrio dei sapori che rendono invece Noon Distilled Gin davvero unico”.

Come ci consigli infine di degustarlo in miscelazione?
“La purezza di Noon Distilled Gin fa sì che questo prodotto possa essere utilizzato in ogni tipo di miscelazione. In un Gin Tonic, per esempio, risulta secco ma non amaro al palato, direi assimilabile a una bollicina e quindi godibile per chiunque. In un Cocktail Martini è impareggiabile viste le caratteristiche tipiche del London Dry, secco e morbido per palati esperti e allenati. In un Negroni conferisce una nota floreale senza disturbare il sapore bitter della storica bevuta del Conte. In miscelazione avanzata, si presta a ogni tipo di drink I.B.A.. Insomma, che sia in purezza o in miscelazione, vi assicuro che Noon Distilled Gin riuscirà a incantarvi con tutta la sua magia”.

“Noon Distilled Gin”, lo scorso marzo, ha vinto negli U.S.A. la “Silver Medal” presso l’A.D.I. (American Distilling Institute).

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

venti − 9 =