0
Pinterest LinkedIn

L’export del Verdicchio vola (+41,6%) e raggiunge i 17 milioni di euro. Un record per il vino bianco più premiato dalle guide italiane 2014, che si conferma l’ambasciatore delle Marche nel mondo. Oltre al fatturato estero, crescono anche i volumi esportati (+10%), che toccano quota 8,58 milioni di bottiglie. Per il Verdicchio è un momento d’oro, considerate anche le grandi potenzialità del vitigno nel segmento degli spumanti. Per ora parliamo di una nicchia di 200mila bottiglie e un fatturato di 1,2 milioni di euro sui 36,2 realizzati dagli spumanti Made in Marche, ma l’interesse è in crescita.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

L’anima dell’export si conferma a stelle e strisce. Tra i mercati di riferimento extra-Ue si collocano infatti gli Stati Uniti (che assorbono circa il 60% dell’export), seguiti da Canada, Giappone e Svizzera. Nel Vecchio Continente la parte da leone la fa l’Europa del Nord, in particolare Belgio, Olanda, Germania, Svezia e Inghilterra. Tutti i dati ufficiali dell’economia del vino saranno comunicati dalla Regione Marche, nella presentazione con il Governatore Gian Mario Spacca (6 aprile, ore 12:10 – Pad 7, C 6/7/8/9), mentre lunedì 7 aprile appuntamento con “In vino mendacium: pericoli, segreti e bugie dei famigerati kit per fare Verdicchio, Barolo, Amarone e i grandi vini del mondo” (ore 11:00 Pad 7, C 6/7/8/9). Con l’Istituto Marchigiano di Tutela Vini-IMT e l’Università Politecnica delle Marche si svelerà tutta la verità sui wine kit – sciroppi e ‘polverine’ che “riproducono” in 4 settimane i grandi vini del mondo a circa 1 euro a bottiglia – in una degustazione comparata tra vero e falso Verdicchio dei “Castelli Canadesi”, completa di analisi del prodotto.

tabella

Un fenomeno, quello dell’italian sounding e delle contraffazioni, che sottrae all’agroalimentare italiano 60 miliardi di euro l’anno, con almeno 20 milioni di bottiglie di pseudo vino realizzate attraverso le ‘polverine’ e che per il Verdicchio minaccia un export di 8,5 milioni di bottiglie. All’evento partecipano l’assessore all’agricoltura Maura Malaspina e Neri Marcorè.

tabella1

Le Doc Marche:

Bianchello del Metauro, Colli Maceratesi, Colli Pesaresi, Esino, Falerio, I Terreni di Sanseverino, Lacrima di Morro d’Alba, Pergola, Rosso Conero, Rosso Piceno, San Ginesio, Serrapetrona, Terre di Offida, Verdicchio dei Castelli di Jesi, Verdicchio di Matelica

Le Docg Marche:

Conero, Offida, Vernaccia di Serrapetrona, Castelli di Jesi Verdicchio Riserva, Verdicchio di Matelica Riserva.

La Regione Marche si trova al PAD. 7 – STAND C 6/7/8/9 Per contatto: U.S. Regione Marche al Vinitaly koeppen@agenziaintercom.it matteobernardelli@tin.it

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

diciannove − 16 =