Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Una serata all’insegna del glamour e del jet set con una sorpresa davvero unica: la celebre rockstar Sting che ha improvvisato una jam session acustica per tutti i presenti. È partito sotto i migliori auspici il lancio di Amante 1530, il nuovo aperitivo amaro dal fascino internazionale presentato alla stampa e a un ristretto gruppo di ospiti nel corso di una serata al Bulgari Hotel di Roma. La tappa capitolina fa parte di un road show internazionale che ha visto la premiere svolgersi tra le due sponde dell’Atlantico, New York e Los Angeles negli USA e Roma e Venezia in Italia.

Sting e Trudie Styler
Sting e Trudie Styler – foto Vincenzo Migliore

Un nuovo prodotto dedicato alla Mixology d’Autore, nato circa due anni fa durante una cena tra amici. In particolare Sting e Trudie Styler hanno dato inizio a questo progetto insieme ad Ana Rosenstein, Richard Kirshenbaum e Barry Rosenstein, mentre erano ospiti nella loro tenuta in toscana de Il Palagio, dove hanno discusso l’idea di creare un Aperitivo Amaro moderno ed innovativo da gustare insieme. Nel team creativo sono stati coinvolti anche Len Tessler, Stuart Ellman, Sarah Foley, Mark Hauser e Michael Kassan. Come ha ribadito Ana Rosenstein questo amaro punta decisamente ad occupare uno spazio di nicchia senza alcuna voglia di competere con i grandi players mondiali, con l’auspicio di posizionarsi a livello alto nel gradimento del pubblico. In virtù di un carattere neo vintage ma evoluto. Davvero originale la scelta del nome. Durante una cena alla tenuta di Sting, uno degli ospiti ha estratto dal mazzo dei tarocchi la carta dell’Amante e tra i presenti questo è stato visto come un segno del destino, dunque hanno deciso di attribuirgli la titolarità del progetto. Invece 1530 si riferisce alla data di fondazione della residenza in Toscana. I segreti dell’amaro sono stati illustrati dai protagonisti.

Joseph-Resha COO Amante 1530, Ana Rosenstein CEO Amante 1530, Walter Bolzonella Italy Brand Manager Amante 1530
Joseph Resha COO Amante 1530, Ana Rosenstein CEO Amante 1530, Walter Bolzonella Italy Brand Manager Amante 1530 – foto Vincenzo Migliore

Ana Rosenstein ha evidenziato come “L’idea originaria, nasce dalla nostra profonda convinzione che tutti si meritino un Grande Amore, così come un ottimo Cocktail. Abbiamo cercato di creare un aperitivo che richiamasse il gusto autentico italiano, versatile e che rompesse i confini. Per fare ciò, abbiamo sviluppato un prodotto elaborato e aromatico, perfettamente bilanciato che può essere consumato in uno spritz, in un cocktail, liscio o con ghiaccio. Il nome cattura l’essenza di ciò che cerchiamo di distillare: un Aperitivo da celebrare e sorseggiare tra amici ed amanti delle gioie della vita”.

Ogni dettaglio del prodotto, dalla formula, al design della bottiglia, ai bicchieri fortemente identitari, alla Brand philosophy, è stato attentamente studiato dal gruppo di fondatori di Amante.

Ad un prodotto di successo non può mancare il tocco made in Italy. In questo caso il contributo essenziale è di Pallini, storica distilleria romana con 150 anni di attività che produce liquori italiani e distribuisce spirit d’importazione in oltre 50 paesi nel mondo. Una volta perfezionata la ricetta, la formula finale è stata imbottigliata proprio nella capitale. Come spiega Micaela Pallini, Presidente e CEO dell’azienda: “Questo è un prodotto notevole e veramente distinto, che abbiamo sviluppato grazie a Riccardo Cotarella e il suo team. Noi abbiamo dato due tocchi e l’ultimo twist per raffinare la ricetta. C’è indubbiamente una forte connotazione di arancia con tantissime erbe. È un liquido molto complesso da produrre che vanta oltre otto erbe differenti. L’arancio, in particolare, è un elemento non facile da manipolare un prodotto particolare che porta non pochi grattacapi alla produzione. Riuscire a mantenere questa nota profumata, bilanciata e stabile, è stata per noi una sfida molto competitiva. Fin dall’inizio abbiamo creduto in questo nuovo progetto”.

Sting, Giordana Angi, Riccardo Cotarella, Trudie Styler, Ana Rosenstein
Sting, Giordana Angi, Riccardo Cotarella, Trudie Styler, Ana Rosenstein – foto Vincenzo Migliore

Amante 1530 ha, come prima sensazione nel palato, un gusto delicato, che poi evolve immediatamente in una sensazione più decisa e corposa; con aromi di Arancia candita, Tè oolong, Zenzero, Caprifoglio e Mele cotte, possiede una dolcezza di fondo ben bilanciata che dona una piacevole amarezza vegetale. Non troppo zuccherato, e con un finale amaro più sottile rispetto ad altri aperitivi, offre la perfetta quantità di dolcezza, rendendolo ideale da gustare in un cocktail o da sorseggiare liscio. La gradazione alcolica è di 15 gradi.

Durante la serata infatti è stato proposto al pubblico, in miscelazione, in alcuni signature creati appositamente da Walter Bolzonella, il celebre past Head Barman dell’Hotel Cipriani di Venezia: “Amante 1530 è molto versatile, con un giusto equilibrio fra l’amaro e il dolce. Ha l’aroma predominante di arancia candita con dello zenzero. Lo trovo un prodotto molto interessante. Per l’occasione ho deciso di non fare un banale spritz Amante ovvero con prosecco e soda ma lo abbiamo un po’ personalizzato. In particolare ho aggiunto un touch, giusto un 2 cl, di Amarone, in infusione con more e spezie d’oriente ed erbe aromatiche. Poi ho proposto l’Amaroni che, come si evince dal nome, è un twist sul Negroni.  Oltre all’Amante che non può mancare, presente il gin ma non il vermouth. Sostituito dall’infusione dell’Amarone che però si differenzia in ogni drink per via delle spezie. In questo caso artemisia e rabarbaro per avvicinarmi di più al vermouth. Infine per renderlo più secco vi ho aggiunto 1 cl di sherry. Non poteva mancare naturalmente un twist sul boulevardier. Due tipologie di tequila, blanco e reposado, con un touch di Recioto di Valpolicella in infusione, che io chiamo nettare del Veneto, il mezcal e una punta di amaro ottenuta con il Punt e Mes. Tocco finale, il bicchiere profumato con il timo limonato che richiama l’infusione. Devo confessare che un prodotto con una immagine così affascinante non lo vedevo da tempo sul mercato. Ha stimolato la mia fantasia. Infatti ho giocato a fare diversi twist sui cocktail storici e classici. Bisogna giocare sulla parte zuccherina. Non la metti e la sostituisci con l’Amante”.

Walter Bolzonella
Walter Bolzonella – foto Vincenzo Migliore

Non potevano mancare per l’occasione le proposte della padrona di casa, Desirè Verdecchia, head barman del Bulgari Hotel Roma: “Abbiamo lavorato seguendo due idee, una più global replicabile in qualsiasi posto del mondo, da un bar o sull’aereo, a casa, piuttosto che un ristorante. Un semplicissimo Amante Tonic che, grazie al suo sentore delicato, leggero, aromatico è perfetto per tutte le ore. Il secondo signature è invece stato costruito più in chiave Bulgari, con  aromi più complessi.  Oltre  all’Amante in parte più cospicua, vi abbiamo affiancato il Fernet, sia Branca che Menta, per dare una nota erbacea, con un tocco finale di zucchero e limone”.

Amante1530 gift box - foto: Ludovica Arcero
Amante1530 gift box – foto: Ludovica Arcero

USA e Italia sono i primi mercati di distribuzione di “Amante 1530”, che è disponibile anche in una seducente gift box con bicchieri vintage appositamente disegnati, fiammiferi e, vista la genesi del prodotto, un mazzo di tarocchi.

+info: www.amante1530.com/

© Riproduzione riservata

Scheda e news:
Pallini SpA

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

diciotto − uno =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina