Beverfood.com
| Categoria Notizie Distribuzione - Ristorazione | 6835 letture

L’ANTITRUST multa le aziende del vending per 100 milioni- la replica di CONFIDA

Argenta Distributori Automatici Multa Vending Ivs Group Confida Replica Antitrust

Antitrust Vending Ivs Group Multa Distributori Automatici Argenta Replica Confida

L’Antitrust ha sanzionato i principali operatori della distribuzione automatica e semi-automatica di alimenti e bevande e la loro associazione di categoria (Confida) con una multa complessiva di oltre 100 milioni per l’esistenza di un’intesa anticoncorrenziale. L’accordo, volto a mantenere alto il livello dei prezzi e a preservare la redditività delle imprese di gestione, è consistito nella ripartizione del mercato e della clientela, nonché nel coordinamento in materia dei prezzi di vendita.

VENDING-Dispenser_01

L’Antitrust ha scoperto l’esistenza di un cartello, in atto da almeno otto anni. Le aziende sanzionate, scrive l’Antitrust in una nota, si sono spartite il mercato e la clientela astenendosi dal presentare offerte l’una ai clienti dell’altra in occasione di gare. L’intesa ha congelato le rispettive quote di mercato tra gli operatori coinvolti tra il 2010 e il 2014 e «nonostante il periodo di crisi il prezzo di vendita dei principali prodotti è aumentato in maniera più che proporzionale rispetto ai costi sottostanti». L’Antitrust ha sanzionato: Gruppo Argenta; D.A.EM. e le sue controllate Molinari, Dist.Illy, Aromi, Dolomatic e Govi (Gruppo Buonristoro); Ge.s.a, Gruppo Illiria, IVS Italia, Liomatic, Ovdamatic, Sogeda, Sellmat, SE.RI.M., Supermatic. com-Ggz .

L’Antitrust dettaglia anche il ruolo anticoncorrenziale svolto da Confida. «Il coordinamento in materia di prezzi — aggiunge l’Autorità guidata da Giovanni Pitruzzella — «è consistito nel frenare condotte aggressive di prezzo da parte del mercato in occasione di eventi esterni (come, per esempio, l’adeguamento all’incremento dell’aliquota Iva dal 4 al 10% sui prodotti venduti mediante distributori automatici) che rischiavano di mettere in pericolo l’equilibrio collusivo raggiunto dalle parti». Confida è stata «un tassello essenziale a questo fine per l’estesa portata dei suoi interventi quali circolari, comunicati stampa, incontri sul territorio, nei confronti della generalità dei gestori operanti nel mercato nazionale».

Fonte: www.corriere.it/economia/16_giugno_14/distributori-automatici-l-antitrust-multa-aziende-100-milioni-33ce9fd6-3254-11e6-9479-1c0658e56669.shtml?refresh_ce-cp

gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS
gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS

La replica di CONFIDA: Noi sempre per libera concorrenza, faremo ricorso

CONFIDA, l’associazione nazionale di categoria del settore della distribuzione automatica, intende fare ricorso al Tribunale Amministrativo del Lazio per chiedere l’annullamento della decisione annunciata oggi dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. L’associazione non condivide infatti le conclusioni a cui è giunta l’Authority, che sembrano piuttosto il frutto di un totale travisamento delle regole di funzionamento dei mercati della distribuzione automatica e delle logiche che li sottendono. CONFIDA è certa di aver sempre operato nel pieno rispetto delle regole poste a tutela della concorrenza e dei consumatori e continuerà a farlo.

Con una decisione adottata oggi, all’esito di un’istruttoria avviata lo scorso 17 luglio 2014, l’Autorità Antitrustha ritenuto che le principali imprese operanti nel settore delle Vending machine (Gruppo Argenta S.p.A., D.A.E.M.  S.p.A e le sue controllateMolinari S.p.A., Dist.Illy S.r.l., Aromi S.r.l., Dolomatic S.r.l. e Govi S.r.l. (Gruppo Buon Ristoro), Ge.S.A. S.p.A., Gruppo Illiria S.p.A., IVS Italia S.p.A. Liomatic S.p.A., Ovdamatic S.r.l. Sogeda S.r.l., Sellmat, SE. RI. M., Supermatic) e l’associazione di categoria CONFIDA, tra il 2010 e il 2014, abbiano posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza volta alla ripartizione della clientela e all’innalzamento coordinato dei prezzi, in violazione dell’articolo 101 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea. L’Autorità Antitrust ha comminato sanzioni pecuniarie per un totale di Euro 103.442.445; la sanzione inflitta a CONFIDA è di Euro 190.116.I comportamenti ascritti a CONFIDA non avevano né finalità né effetti anticoncorrenziali. L’associazione, infatti, ha sempre operato nell’interesse esclusivo dei clienti e dei consumatorifinali, nel rispetto delle proprie competenze statutarie.

Quanto alle singole accuse mosse dall’Antitrust, come già argomentato nel corso dell’istruttoria:

  • In merito ai capitolati di gara standardizzati, contrariamente a quanto ritiene l’Autorità, CONFIDA ha agito con l’obiettivo di informare i soci e di proporre alle stazioni appaltanti, con un atto di responsabilità non dovuto, una riflessione su come dare maggiore rilevanza alla qualità dei prodotti nelle gare per le forniture.
  • Sul presunto innalzamento concordato dei prezzi e alla ripartizione della clientela, le accuse attribuiscono a CONFIDA un ruolo che essa, anche volendo, non avrebbe potuto ricoprire e interpretano scelte imposte dall’aumento dei costi delle materie prime come decisioni assunte dalle associate con l’intento di danneggiare i consumatori.
  • Quanto al recente aumento dell’IVA, CONFIDA, come era suo dovere fare, ha segnalato prontamente ai propri associati la delicatezza della questione e le possibili ricadute sui loro conti economici.

Nessuna di queste condotte avrebbe potuto alterare il normale gioco competitivo tra le imprese del settore. Al contrario, la tutela della concorrenza e dei consumatori hanno sempre ispirato le iniziative dell’associazione, che continuerà a lavorare per migliorare la qualità dei prodotti e dei servizi, con l’obiettivo di soddisfare sempre più i propri clienti e garantire che la pausa sia vissuta da tutti come un piacevole momento di relax.

CONFIDA

CONFIDA è l’associazione nazionale di categoria del settore della distribuzione automatica. È attiva sin dal 1979 ed è l’unica associazione a rappresentare in modo unitario tutti i comparti dell’intera filiera. CONFIDA raccoglie circa 500 imprese, non solo quelle impegnate nella distribuzione automatica. Sono parte di CONFIDA anche le imprese produttrici di alimenti e bevande, quelle che si occupano della rivendita dei distributori e dei sistemi di pagamento e quelle che producono materialmente le vending machine e i prodotti accessori. CONFIDA è parte integrante del sistema di rappresentanza di Confcommercio ed è tra i fondatori dell’EVA (European Vending Association), l’omologa associazione di categoria a livello europeo. Sono oltre 800 mila le macchine automatiche installate in Italia che distribuiscono caffè, bevande o panini. Nel 2015 il settore ha fatturato complessivamente 3,4 miliardi di euro, con oltre 33.000 addetti (dato 2014). Le consumazioni erogate in un anno raggiungono quota 6 miliardi (200 al secondo).

+info: Ufficio Stampa CONFIDA  fabio.lepore@venditalia.com

 

 

+ COMMENTI (0)

Distillerie, Fabbrica della Birra, Tenute Collesi

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Confida Multa Replica Ivs Group Vending Distributori Automatici Argenta Antitrust

ARTICOLI COLLEGATI:

Venditalia ambasciatore del Vending sostenibile

Venditalia ambasciatore del Vending sostenibile

06/11/2019 - Il pubblico consapevole di Ecomondo, in corso fino all’8 novembre a Rimini, è l’occasione scelta da Venditalia per presentare lo sviluppo del progetto RiVending ideato da...

Progetto RiVending: nuova vita a bicchieri e palette del caffè

Progetto RiVending: nuova vita a bicchieri e palette del caffè

06/11/2019 - Il mondo dei distributori automatici diventa protagonista dell’economia circolare grazie al progetto RiVending, un ciclo virtuoso di recupero e riciclo di bicchieri e pal...

EVA: il mercato del Vending e OCS in Europa cresce fino a 16,4 miliardi di euro

EVA: il mercato del Vending e OCS in Europa cresce fino a 16,4 miliardi di euro

14/10/2019 - L'industria della distribuzione sta ora generando una crescita sostenuta dei ricavi in 19 dei 22 mercati europei trattati nel nuovo rapporto. Il rapporto recentemente pub...

Edenred e FrescoFrigo: la nuova partnership nel mondo del food e delle vending machine

Edenred e FrescoFrigo: la nuova partnership nel mondo del food e delle vending machine

17/09/2019 - FrescoFrigo, innovativa startup italiana dedicata all’healthy food, che sta rivoluzionando il settore delle vending machine, e Edenred, leader mondiale e prima società a ...

Orasesta annuncia l’acquisizione di Nova Prompt

Orasesta annuncia l’acquisizione di Nova Prompt

09/09/2019 - Il C.D.A. di Orasesta S.p.A. annuncia agli stakeholders che giovedì 1 agosto 2019 a Bucarest è stato perfezionato il closing di un’importante operazione che, attraverso u...

Attività Vending Italia: la ripartizione delle imprese fra le varie regioni d’Italia

Attività Vending Italia: la ripartizione delle imprese fra le varie regioni d’Italia

08/09/2019 - Distributori automatici: pratici, veloci e sempre aperti. Dalle bevande ai gelati, dai prodotti parafarmaceutici ai gadget, sono oltre 6 mila le attività del settore in I...

Nuova Guidaonline Vending & OCS 2019: il vademecum per la distribuzione automatica e gli uffici

Nuova Guidaonline Vending & OCS 2019: il vademecum per la distribuzione automatica e gli uffici

01/08/2019 - Nel 2018 il settore della distribuzione automatica (vending) ha fatto registrare complessivamente 5,1 miliardi di consumazioni di prodotti food & beverage (contro 5,0...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

7 − 2 =