Mariapia De Nicola
| Categoria Notizie Birra | 3776 letture

Birra Collesi: l’artigianale italiana di Apecchio da oggi è la più premiata nel mondo

Birre Collesi Giuseppe Collesi Birra Artigianale Birra Artigianale World Beer Awards - Wba Microbirrifici Marche Microbirrifici Collesi Apecchio

Birra Artigianale Birra Collesi Apecchio Artigianale World Beer Awards - Wba Microbirrifici Birre Collesi Giuseppe Collesi Microbirrifici Marche

Ha sbaragliato 1900 competitor provenienti da 36 diversi Paesi conquistando il primo posto al “World Beer Awards 2017”. L’ultimo successo di Tenute Collesi, assegna al microbirrificio di Apecchio, nel cuore delle Marche, il titolo di produttore di birra artigianale più premiato nel mondo.

 

Spot 15'' birra Collesi

www.collesi.com Lo spot sposa la filosofia della sintesi ad alto impatto emozionale: una breve ma intensa “rivelazione” del prodotto e dell'esperienza sensoriale che lo accompagna. L'idea creativa si basa su una metafora che gioca con l'inganno percettivo: un candido drappo di seta sembra nascondere un profilo femminile ma solo all'ultimo, quando viene rimosso, svela la forma elegante e sinuosa della classica bottiglia Collesi. In chiusura, il claim “Birra Collesi. SensazionAle” non solo torna a evidenziare una caratteristica del prodotto e la sua promessa (una birra straordinaria in grado di sedurre i sensi) ma al tempo stesso strizza l'occhio agli estimatori, che in quel suffisso Ale riconoscono una precisa tipologia di birra artigianale a doppia fermentazione. Grazie a una raffinata combinazione di musica e fotografia, il video instaura un parallelo con il mondo della moda e del lusso, raccontando le birre Collesi come capolavori dell'eleganza italiana. Da qui il secondo livello di lettura che, nel gesto dello svelare (inteso letteralmente come “togliere il velo”) suggerisce la presentazione di un'opera d'arte o dell'ultimo modello di un motore fuoriclasse. www.collesi.com">

 

La medaglia che ha consacrato definitivamente Tenute Collesi nella “hall of fame” dei produttori di birra artigianale è stata conferita dalla giuria internazionale del concorso di Londra nella categoria più importante, quella che stabilisce le migliori birre, suddivise per stile. È così che, nel “Belgian Style Dubbel”, la Ubi Collesi, la rossa non pastorizzata a rifermentazione naturale in bottiglia, dal gusto dolce, caratterizzato da intensi profumi ed aromi di caramello, malto e nocciole con note speziate, ha stravinto sugli altri competitor.

 

“È il completamento perfetto di una stagione di successi” ha aggiunto Collesi che, nelle scorse settimane, si è portato a casa anche 3 prestigiose medaglie “americane”. Il “World Beer Championships 2017” di Chicago promosso da Tasting.com ha decretato la Ubi prima nella categoria Rossa Belgian-Style Amber Ale. Una medaglia d’oro a cui si sono aggiunte l’argento della Alter – categoria Bionda Belgian-Style Blonde Ale – e quella di bronzo per la Triplo Malto categoria “Belgian-Style Specialty Ale”.

 

Sono 81 i riconoscimenti che campeggiano oggi nello stabilimento marchigiano guidato da Giuseppe Collesi: “Quando ho iniziato questa avventura nel 2007 anno in cui ad Apecchio arrivò per la prima volta il mastro birraio belga Marc Knops, mai avrei pensato di raggiungere, in così breve tempo, un risultato di tale livello. Credo che il nostro valore aggiunto risieda nei valori su cui, da sempre, basiamo il nostro lavoro: l’impegno, le scelte etiche, i progetti, il rispetto del territorio. Così come nelle materie prime che ci distinguono, uniche e non replicabili: l’acqua straordinaria del Monte Nerone, fra le migliori in Europa per la produzione di birra, e i terreni dell’azienda agricola di famiglia Collesi in cui coltiviamo, direttamente, l’orzo. Veder riconosciuti i nostri prodotti, ufficialmente, come i migliori al mondo in una competizione internazionale di prestigio come il ‘World Beer Awards’ è il completamento perfetto di una stagione di successi”.

 

Giuseppe Collesi
Giuseppe Collesi

 

STORIA

La storia del microbirrificio è allacciata a doppio filo con quella del territorio, della sua natura in grado di dare una materia prima che fa gola persino agli ambasciatori della birra nel mondo. Sin da quel 1870 che campeggia ancora oggi nel logo dell’azienda e che ricorda lo stemma araldico della famiglia. La stessa di Fortunato Collesi, bisnonno di Giuseppe, primo sindaco, dopo il podestà, di Apecchio. “Nel 1997 decisi di aprire una distilleria. Tutti mi dicevano ‘la grappa è veneta, trentina… non certo di Apecchio!’ ma io non mi lasciai abbattere e per due anni girai in lungo e in largo l’Italia per visitare stabilimenti e conoscere prodotti”. Nel 2000 aprì la distilleria e l’anno successivo iniziò a commercializzarla. Fu un successo. Ma non bastava. Nel 2005 una circostanza particolare segnò la svolta del brand. Le grappe Collesi erano protagoniste di una degustazione, in Senato, dedicata a 40 ambasciatori. Il belga chiamò in disparte Giuseppe per fargli i complimenti. “Mi disse che la qualità era ottima e che secondo lui avrei potuto ampliare i miei prodotti. Se avessi voluto, mi avrebbe fatto conoscere un mastro birraio per iniziare una nuova fase”. Collesi non perse tempo, accettò e fece il primo importante investimento. Fece arrivare ad Apecchio l’esperto di una cultura brassicola secolare a cui bastò poco per capire che, nascosti tra le colline, c’erano due elementi che avrebbero segnato il futuro dell’azienda: l’acqua straordinaria del Monte Nerone, purissima e ricca di sali minerali, una fra le migliori in Europa per la produzione di birra, e i terreni dell’azienda agricola di famiglia in cui poter coltivare, direttamente, l’orzo.

 

La produzione ebbe inizio (Collesi seleziona i migliori orzi, che sottopone a rigidi controlli lungo tutta la filiera, li miscela con l’acqua del Monte Nerone e li conferisce a un maltificio del territorio. Un processo che segue la preziosa ricetta dei monaci belgi) e proseguì con una serie di successi fino al 2010 quando l’impianto divenne saturo. Collesi optò quindi per l’ampliamento del piccolo birrificio. Venne messa a regime la produzione di otto tipologie (le due bionde Alter ed Ego, la rossa Ubi, la Triplo Malto, la nera Maior, la Blanche, l’ambrata Fiat Lux e l’Ipa) tutte non pastorizzate, ad alta fermentazione e rifermentazione naturale in bottiglia o in fusto, per mantenere gli aromi di ogni singolo ingrediente e garantire la massima espressione del gusto. E giù riconoscimenti, premi, esportazioni in tutto il mondo, dal Canada al Giappone, passando per gli Usa e l’Australia. Nelle più prestigiose classifiche internazionali le birre Collesi hanno collezionato 81 medaglie in meno di 10 anni.

 

L’impegno di La Fabbrica della Birra – Tenute Collesi è anche rivolto alla difesa della categoria di produttori di birra artigianale. È infatti dello scorso anno l’approvazione della legge (collegato agricoltura contenuto nel DDL S 1328-B – Disposizioni in materia di semplificazione, razionalizzazione, competitività per l’agroalimentare), che regola la categoria con una definizione giuridica ad hoc. La birra artigianale viene oggi definita tale se prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta né a pastorizzazione né a microfiltrazione. Determinante è stata la spinta di Giuseppe Collesi che ha firmato la proposta depositata in Commissione Agricoltura della Camera.

 

+info: www.collesi.com
info@collesi.com
Fb: Tenute Collesi

Ufficio stampa Tenute Collesi  
alessandra.gasparini@omniacomunicazione.it

Scheda e news: Fabbrica Della Birra Tenute Collesi Srl


+ COMMENTI (0)

Distillerie Fabbrica della Birra Tenute Collesi

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Artigianale Birre Collesi Birra Microbirrifici Marche Apecchio Collesi Giuseppe Collesi Birra Artigianale World Beer Awards - Wba Microbirrifici


Annuario Birra Birritalia beverfood

ARTICOLI COLLEGATI:

Australian International Beer Awards: tre premi per Collesi

21/05/2019 - Tre medaglie andate a segno per il birrificio Collesi di Apecchio (Pesaro-Urbino, Marche) agli Australian International Beer Awards, la più grande competizione annuale al...

A Berlino, l’assaggio al buio premia Collesi, che fa incetta di premi

15/04/2019 - L’eccellenza nell’arte della distilleria e della birra artigianale premiata ancora una volta. Più di 130 i riconoscimenti ottenuti da Collesi (Apecchio, Pesaro-Urbino, Ma...

Le Birre Collesi conquistano l’America: premiate alla New York International Beer Competition

26/03/2019 - Un oro e un bronzo conquistati meritatamente da Birre Collesi alla New York International Beer Competition, una delle competizioni annuali più importanti, che si è svolta...

Oro per la Triplo Malto Artigianale di Collesi al Barcelona Beer Challenge 2019

21/03/2019 - Un altro oro che si aggiunge agli oltre 120 premi già ottenuti dal birrificio italiano più premiato al mondo: Collesi si aggiudica la medaglia d’oro al Barcelona Beer Cha...

Una festa del papà speciale, all’insegna della Craft Beer Therapy

12/03/2019 - Curare il corpo e la mente, regalando coccole originali e gustose. Una festa del papà da ricordare, tutta all’insegna della Craft Beer Therapy. Dopo una lunga giornata di...

Il Gin Saaz di Collesi migliore gin italiano per il suo mix di botaniche ai “World Gin Awards” 2019

25/02/2019 - Ancora una volta ai “World Gin Awards” di Londra arriva un oro per i gin Collesi. All’edizione 2019 è stato il Gin Saaz ad esser premiato come miglior gin italiano nella...

Collesi sbarca a Beer Attraction con tutta la gamma di birre e distillati artigianali

05/02/2019 - Collesi, la birra artigianale italiana più premiata al mondo, arriva per la prima volta a Beer Attraction, la fiera internazionale dedicata alle specialità birrarie, alle...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

16 + 3 =