Pinterest LinkedIn

Secondo Rapporto socioeconomico del settore della birra in Spagna nel 2022, la produzione di birra si è evoluta favorevolmente, raggiungendo i 41,1 milioni di ettolitri nel 2022, una cifra che colloca la Spagna come secondo produttore di birra in Europa – solo dietro la Germania – e nono a livello mondiale. L’esportazione di birra continua a salire. Con 4,2 milioni di ettolitri, le esportazioni sono aumentate del 13,4% nel 2022 e del 36,8% negli ultimi tre anni, favorendo il posizionamento del settore della birra spagnola nel mercato internazionale.”

“In Spagna consumiamo il 90% della birra che produciamo e le materie prime spagnole sono utilizzate principalmente nella sua preparazione e, con questo, si genera economia nelle zone rurali”, spiega Fernando Miranda Sotillos, segretario generale dell’agricoltura e dell’alimentazione . “Il settore birrario si è distinto per aver optato, e continua a farlo, per l’agricoltura nazionale e per aver promosso la R&S nell’orzo e nel luppolo per la produzione della birra. Per questo è uno dei comparti di maggior valore dell’agroalimentare spagnolo”, aggiunge.

 

 

VENDITE AL CANALE DELL’OSPITALITÀ ANCORA AL DI SOTTO DEL 2019

Il consumo di birra nel settore dell’ospitalità ha registrato un notevole miglioramento nel 2022, con un aumento di quasi il 32% rispetto all’anno precedente, trainato, tra gli altri fattori, dalla ripresa del turismo nel nostro Paese. Tuttavia, i livelli precedenti alla pandemia non sono stati raggiunti: se nel 2019 quasi il 70% della birra veniva consumata fuori casa, nel 2022 tale percentuale era inferiore al 60%. All’inizio dell’anno sono state mantenute le restrizioni sanitarie al consumo nei bar o in piedi nei ristoranti; quindi, il settore dell’ospitalità era ancora lontano dall’stabilire la normalità nella sua attività.

L’aumento del turismo nel 2022 ha avuto un impatto positivo sul volume delle vendite di birra in Spagna a causa del suo stretto legame con l’industria dell’ospitalità. Il numero di visitatori registrati è raddoppiato rispetto all’anno precedente, consentendo al settore della birra di consolidare il trend di ripresa dopo il forte impatto della pandemia. In totale sono stati venduti 38,95 milioni di ettolitri.

“Il settore della birra sta avanzando a buon ritmo sulla strada della ripresa delle vendite nel settore dell’ospitalità. Nonostante abbia attraversato tempi incerti nel 2022, il settore si è dimostrato resiliente, il che riflette il fatto che la birra funge da indicatore della fiducia dei consumatori nell’economia spagnola”, sottolinea il direttore generale di Cerveceros de España, Jacobo Olalla Marañón .

 

 

IL SEGMENTO ARTIGIANALE CONTINUA AD ESSERE IL PIÙ COLPITO

I birrifici con una produzione inferiore a 50.000 ettolitri sono stati i più colpiti dall’incertezza economica, con un calo del 3% sia della produzione che del numero di centri operativi nel 2022. Rispetto al periodo pre -pandemia, sono stati registrati il ​​20% di produzione in meno e il 35% di birrifici in meno. Per questo segmento è particolarmente rilevante la riattivazione dei consumi nel settore dell’ospitalità, in quanto principale canale di commercializzazione e consumo di birre artigianali .

“Uno dei pilastri della nostra associazione è che il settore rimane unito e diversificato, nonostante i tempi difficili. Per questo motivo, è fondamentale continuare ad avanzare verso la piena ripresa dei consumi nel settore dell’ospitalità per continuare a sostenere i birrifici artigianali, che sono quelli che hanno sofferto maggiormente le conseguenze della pandemia e dell’inflazione”, sottolinea Jacobo Olalla Marañón .

 

 

IL CONTRIBUTO DELLA BIRRA ALLO STATO MIGLIORA GRAZIE AL CONSUMO NEGLI ALBERGHI

La birra è una delle bevande che ha il maggiore impatto sull’economia del Paese, sia in termini di riscossione delle tasse che di creazione di posti di lavoro. Il settore ha generato entrate fiscali per 5.840 milioni di euro (ultimo dato disponibile per il 2021), il 24% in più rispetto all’anno precedente. Inoltre, l’aumento della riscossione IVA nell’ospitalità (+31%), Irpef (+27%) e altre imposte rispetto al 2020, riflettono il grande impatto positivo del consumo di birra fuori casa. D’altra parte, l’occupazione generata dal settore della birra nel 2022 ha raggiunto i 450.000 posti di lavoro, il che rappresenta un aumento del 12,5% rispetto al 2021; di cui quasi l’87% corrisponde al canale alberghiero, secondo i dati di Europe Economics.

Rimani aggiornato sul mondo del Beverage! Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Rimani aggiornato sul mondo del Beverage! Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter

IL CONSUMO DI BIRRA RIMANE MODERATO

Il modo in cui si consuma birra nel nostro Paese risponde a modelli mediterranei: oltre il 90% delle occasioni in cui è stata consumata birra nel 2022 sono state associate a momenti di assunzione di cibo. Il consumo pro capite è stato di 58 litri. Infatti, circa la metà delle persone a cui piace lo fa almeno due volte a settimana.

“Il 94% del consumo di birra fuori casa avviene in un contesto sociale, essendo la bevanda fredda più consumata negli hotel. Può infatti rappresentare tra il 25 e il 40% del fatturato dei bar, soprattutto in quelli più piccoli”, commenta José Luis Yzuel, presidente di Hospitality in Spain.. “È anche l’opzione preferita per accompagnare le tapas, sia dagli spagnoli che dai turisti stranieri, dimostrando che il suo consumo risponde ai modelli mediterranei”, aggiunge.

Va notato che, secondo i dati del Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione, quasi il 13% della birra consumata dagli spagnoli è analcolica. Il consumo di questa varietà in alternativa a quello tradizionale riflette che nel nostro Paese non si ricerca la bassa gradazione alcolica, ma piuttosto la freschezza e la sapidità della bevanda. Le vendite del senza sono aumentate dell’11% rispetto all’anno precedente, grazie alla riattivazione del settore alberghiero.

 

 

PRODUZIONE SOSTENIBILE DA MATERIE PRIME NAZIONALI
Tutto il luppolo coltivato nel nostro paese viene consumato dal settore birrario spagnolo. Nel 2022 sono state raccolte circa 1.000 tonnellate di luppolo fiorito, mentre la produzione di malto d’orzo è stata di quasi 550.000 tonnellate, per un valore di oltre 300 milioni di euro. In circostanze normali, oltre il 90% dei cereali con cui viene prodotta la birra proviene dai campi del nostro Paese. Pertanto, in linea con l’impegno del settore nei confronti della campagna spagnola, il settore ha mantenuto il suo impegno per le materie prime di origine nazionale nel 2022.

Il settore ha anche rafforzato il suo impegno per la sostenibilità ambientale. Dalla coltivazione al consumatore finale, lungo l’intera catena del valore, le aziende produttrici di birra assicurano il maggior utilizzo di elettricità rinnovabile nei processi, il recupero di quasi tutti i rifiuti generati nella produzione e la commercializzazione di quasi tutta la metà della birra in contenitori riutilizzabili.

Le aree strategiche in termini di sostenibilità sono packaging, energia, acqua e riduzione dell’impronta di carbonio. In questo senso, il 79% del volume di birra venduto nel settore dell’ospitalità nel 2022 aveva contenitori riutilizzabili, quindi il settore è prossimo a raggiungere l’80% per il 2025. Allo stesso modo, il 98,2% dell’energia utilizzata nel 2022 è stata rinnovabile in natura, avvicinandolo al suo obiettivo di raggiungere la totalità.

+info: cerveceros.org/noticias/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

cinque × 3 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina